Eccellenza interviste

Fabio Barichello, con il Cartigliano per ritrovare la via del gol

Barichello Fabio 91
Scritto da Federico Formisano

Il colpo grosso del mercato del Cartigliano è stato l’acquisto di Fabio Barichello, attaccante del 1991,  che nei cuori dei tifosi della squadra di Ferronato, dovà sostituire Nicola Baggio, il nipote del divin codino che è stato tra i protagonisti della promozione in Eccellenza (con 10 reti) e della prima salvezza.

Fabio Barichello  (foto di Debora Giorio)

Abbiamo intervistato Fabio in occasione della presentazione del Cartigliano avvenuta a Villa Cappello, l’altra sera.

Ci puoi, intanto, raccontare la tua storia calcistica. “ Io sono di Campodarsego – si racconta Fabio – e dopo essere cresciuto nella squadra della mia città sono passato al Bassano con cui ho fatto la trafila delle giovanili. A diciassette anni sono stato ceduto al Chievo e per un anno ho militato in prestito nella Berretti della formazione veronese. Poi sono ritornato a Bassano dove ho avuto l’opportunità di far parte dell’organico della squadra che militava in serie C.  Nel gennaio del 2012 sono passato all’Alessandria con cui ho segnato le mie prime due reti in terza serie.  L’anno successivo sono passato all’Este . Poi alla Sacilese. A dicembre del 2013 sono andato all’Abano dove ho vissuto la mia miglior stagione con De Mozzi in panchina vincendo il campionato di Eccellenza e disputando poi due stagioni in D. Nel primo anno, quello della promozione, pur arrivando a dicembre sono riuscito a segnare 18 reti che rappresentano il mio record personale in fatto di segnature.  Lo scorso anno sono passato al Calvi Noale ancora in serie D e a dicembre sono stato trasferito al Lia Piave. “

Barichello nella sua miglior stagione con la maglia dell’Abano

La scorsa annata non è stata per te delle migliori..

“ Effettivamente – racconta il nostro interlocutore – è stata un’annata storta, ma nel calcio può succedere. Lo scorso anno mi sono laureato e ho iniziato a lavorare come impiegato in un ditta  e questo sicuramente ha cambiato le mie abitudini di vita e condizionato le mie prestazioni”

Per cui hai accettato di buon grado le proposte del Cartigliano?

“Devo dire per sincerità – spiega Barichello – di aver avuto questa estate anche altre proposte ma il Cartigliano è stato più convincente. Del mister Ferronato avevo sentito parlare molto bene e questo giudizio me lo sono confermato nel primo periodo di allenamenti. La possibilità di avvicinarmi a casa dopo un anno di trasferte pesanti e la conoscenza dell’ambiente ha fatto il resto”

Dei tuoi compagni attuali qualcuno lo conoscevi già ?

Certo ! Nel Bassano ho giocato con Murataj e Mattioli, ma più o meno conoscevo quasi tutti i giocatori più esperti della squadra”.

Quali sono i tuoi obiettivi per la prossima stagione?

“Sicuramente fare meglio dello scorso anno – afferma convinto il bomber cartiglianese – e ritrovare la via del gol con più continuità. Noi attaccanti possiamo anche attraversare un periodo di scarsa vena realizzativa ma poi generalmente ci ritroviamo e segniamo con regolarità. E’ quello che mi auguro per il prossimo campionato.

Sull'Autore

Federico Formisano