Eccellenza

Al ValdagnoVicenza non basta il cuore

Scritto da Federico Formisano

UN ESPERTO CALDIERO BATTE UN VOLONTEROSO VALDAGNOVICENZA

Non basta tanto cuore e impegno al ValdagnoVicenza che perde ancora in casa contro il Caldiero

ValdagnoVicenza: 1. Casagrande ©, 2. Pertile (dal 35’ st 18. Forte), 3. Gianesini, 4. Zanin, 5. Aliberti, 6. Gatto, 7. Critelli, 8. Antonello, 9. Bressan, 10. Quintieri, 11. Placido (dal 16’ st 16. Mezzina). A disposizione in panchina: 12. Boaretto, 13. Valente, 14. Campana, 15. Corbetti, 17. Palumbo. Allenatore: Filippo Lelj

Caldiero: 1. Da Vià, 2. Gecchele, 3. Lovato, 4. Marini, 5. Sabaini, 6. Tonolli ©, 7. Zerbato, 8. Falchetto (dal 25’ st 15. Speri), 9. Bonetti (dal 45’ st 13. Vanzetta), 10. Guandalini (dal 16’ st 18. Pauletto), 11. Sacconi (dal 10’ st 17. Girardi). A disposizione in panchina: 12. Bosetto, 14. Pisani, 16. Bruzzo. Allenatore: Roberto Piuzzi

Arbitro: Mazzer (Conegliano)

Assistenti: Botter (Castelfranco Veneto) e Pozzera (Schio)

Ammoniti: Gatto (VV), Forte (VV); Marini (C)

Marcatori: 18’pt Bonetti (C), 40’st Girardi

L’aveva detto Mister Lelj domenica scorsa dopo aver conquistato il derby di Marostica: “una vittoria, oltretutto in un derby, fa sicuramente morale ma non basta perché che si vinca, si pareggi o si perda, la domenica dopo siamo chiamati a ricominciare tutto da capo e un altro risultato positivo verrà solo se voluto, sofferto e conquistato”. E ieri in casa nella sesta partita del campionato di Eccellenza il ValdagnoVicenza la volontà ce l’ha messa ed anche impegno e sofferenza, ma non abbastanza per avere la meglio contro un esperto Caldiero che, con un gol per tempo, ha espugnato il sintetico di Via Pascoli.

Il primo tiro della partita è dei locali al 2’ con Gianesini che però da fuori area non centra i pali. Un minuto dopo Il portiere di casa Casagrande si lascia sfuggire il pallone in area ma gli ospiti non ne approfittano e Aliberti spazza. Si rifà al 7’ l’estremo del ValdagnoVicenza negando il vantaggio a Guandalini che gli si era presentato davanti da solo. Al 13’ bella azione in velocità sulla sinistra degli attaccanti di casa ma la difesa ribatte fuori area dove Antonello in corsa spara una bordata a lato del palo alla sinistra di Da Vià. Il gol del vantaggio del Caldiero arriva al 18’ grazie ad un assist di Sacconi che sottoporta il centravanti Bonetti non ha difficoltà a mettere dentro. La reazione dei padroni di casa è sterile ed è anzi il Caldiero a sfiorare il raddoppio al 29’ ancora con Bonetti che questa volta manda il sinistro a scheggiare il palo esterno su cross di Zerbato.

Maicol Bonetti

Nella ripresa il ValdagnoVicenza prova a raddrizzare la gara ed ha tre occasioni attorno alla metà del tempo. Soprattutto al 18’ potrebbe arrivare il pareggio grazie ad un’azione in velocità sulla destra Critelli – Zanin con quest’ultimo che giunto sul fondo mette a centro area un bel pallone dove Bressan arriva per primo strozzando però troppo la conclusione che viene quindi agevolmente parata da Da Vià. Al 21’ è Mezzina che da sinistra mette una bella palla in area dove Quintieri la controlla spalle alla porta e la scarica indietro per Zanin che dal limite alza troppo la mira. Al 24’ fa quasi tutto bene Gianesini che prima scambia con Quintieri sulla sinistra e poi va in area a ricevere il passaggio di Zanin senza però trovare il tempo per il tiro una volta davanti al portiere ospite. Al 29’ si vede anche il Caldiero che in una ripartenza mette Lovato in condizione di tirare da buona posizione un diagonale che però si perde largo alla sinistra di Casagrande. 3 minuti dopo su un errore in disimpegno della difesa di casa Bonetti si divora il raddoppio con una girata fiacca e fuori bersaglio da ottima posizione, raddoppio che arriva al 40’ con Girardi che sfrutta bene un cross di Pauletto e non lascia scampo all’incolpevole Casagrande. Il gol taglia le gambe ai padroni di casa che in verità cercano almeno il gol della bandiera, che meriterebbero ma che non trovano al 50’ quando una conclusione in pallonetto di Bressan manca la porta di un soffio.

Sull'Autore

Federico Formisano