Eccellenza

Sconfitta di misura per il Valdagno Vicenza

Scritto da Stefano Campana

Il pareggio sarebbe stato probabilmente il risultato più giusto nella sfida tra ValdagnoVicenza e Vigontina San Paolo allo Stadio dei Fiori

Servizio di Stefano Campana, foto di Elisa Calzati 

ValdagnoVicenza: 1. Boaretto, 2. Bragagnolo, 3. Gianesini ©, 4. Zanin, 5. Panarotto, 6. Pertile, 7. Corbetti (dal 13’ st 16. Placido), 8. Antonello, 9. Bressan, 10. Forte (dal 25’ st 18. Quintieri, dal 44’ st 14 Gatto), 11. Critelli. A disposizione in panchina: 12. Casagrande, 13. Valente, 15. Palumbo. Allenatore: Filippo Lelj

Vigontina: 1. Rossi, 2. Rumleanschi, 3. Minoglio, 4. Benucci, 5. Buson, 6. Bagarollo, 7. Topao, 8. Monaco (dal 10’ st 16. Rossi), 9. Furlan (dal 31’ st 18. Michieli), 10. Brugnolo (dal 37’ st 17. Minozzi), 11. Busetto. A disposizione in panchina: 12. Dainese, 13. Carollo, 14. Andreao, 15. Danieletto. Allenatore: Giuseppe Camparmò

Arbitro: Recchia (Brindisi)

Assistenti: Storgato e Botter (Castelfranco)

Ammoniti: Panarotto (VV), Quintieri (VV); Furlan (VSP), Michieli (VSP)

Marcatori: 45’pt Topao (VSP)

Partita equilibrata allo Stadio dei Fiori di Valdagno ma alla fine ancora una volta il ValdagnoVicenza cede di misura contro un avversario con cui avrebbe meritato almeno di pareggiare.

Il primo squillo della gara, dopo un inizio di studio tra le due squadre, arriva al 12′ quando la Vigontina San Paolo va in gol ma l’arbitro annulla per un fallo sul centrale del ValdagnoVicenza, Pertile. La prima vera grande occasione della partita, forse la più nitida di tutto l’incontro, è per i padroni di casa al 20’ con Critelli che, solo in area davanti al portiere, si allunga troppo la palla sul controllo consentendo all’estremo difensore Rossi di uscire a chiudergli lo specchio. Per vedere un’azione pericolosa degli ospiti ci vuole al 32′ un’ingenuità della difesa di casa che regala una facile conclusione agli attaccanti ospiti sulla quale solo un miracolo di Boaretto impedisce il vantaggio della Vigontina. Al 39′ conclusione del ValdagnoVicenza ma il tiro da buona posizione di Zanin, ben servito da Bressan, finisce altissimo. Ancora bene in area i padroni di casa al 41′ ma Bressan cincischia e viene chiuso dalla difesa ospite. Al 45′, un po’ a sorpresa, va in gol la Vigontina con un tiro dal vertice dell’area a incrociare del numero 7 Topao, che oltretutto una fortuita deviazione rende imparabile per il portiere di casa Boaretto.

Poche le azioni di rilievo nel secondo tempo. Al 16′ bel cross di Critelli e colpo di testa centrale di Placido. Al 44′ si fa male Quintieri, entrato nel secondo tempo, cadendo sulla mano da tempo infortunata. Disperato assalto finale dei padroni di casa che al 2′ di recupero beneficiano di una punizione da posizione favorevole. Batte Antonello che però scivola calciando.

Ovviamente non soddisfatto del risultato il Presidente Roberto Maria Coda che però ci ha tenuto ad elogiare l’impegno profuso dalla squadra che è stata condannata da un episodio in un periodo che, da questo punto di vista, non è certo fortunato per il ValdagnoVicenza. “La partita di oggi ha però dimostrato che la squadra è viva e che la posizione che occupiamo oggi in classifica non è veritiera, visto che ce la siamo giocata alla pari con una squadra che occupa una posizione di classifica ben migliore della nostra. Certo delle lacune ci sono ed il mercato di dicembre, al quale stiamo già alacremente lavorando, ci sarà utile proprio per porre riparo a questo, ma non sono d’accordo con quella frangia minoritaria del pubblico di Valdagno che ha contestato la squadra a fine gara”. (sc)

Sull'Autore

Stefano Campana