Prima Categoria

Nella sfida dei monti, prevale quello bello…

Scritto da Antonio Martinello

MONTEBELLO: Baraldo, Ajeti, Lissandrini, Costa, Ferrari, Zanchi,Dal Bosco (dal 81’ Nicoletti), Rebbass, Di Cristo, Kakou (dal 92’ Sarti), Confente (dal 88’ Lagana). All.: Bognin

MONTEVIALE: Cattani, Porcellato (dal, Radosavljevic (dal 71’ Maltauro), Zausa, Cantarello, Tadiotto (dal 46’ Menegon), Penzo, Erba (dal 46’ Rovrena), Belloni, Maiova (dal 67’ Perrucca), Carmucci. All. Denis Lazzaron

 

 

Arbitro: Cinquetti di Verona

Rete: al 13’ Rebbass

Articolo e foto di Antonio Martinello

La sfida tra i “Monti” ha decretato che il monte più alto è il Montebello. Infatti i locali si sono imposti per uno a zero contro il Monteviale, con una rete realizzata da Rebbass al 13’ del primo tempo.
La cronaca parte proprio dalla rete dei locali. Dopo un primo periodo di studio le due squadre cominciano a punzecchiarsi fino a che Rebbass trova da fuori area il colpo vincente con un tiro ad incrociare sulla sinistra del portiere che grazie anche a una piccola deviazione prende una strana traiettoria, la palla si insacca alle spalle dell’incolpevole Jelic. La gara per il Monteviale perciò è già in salita, mentre per i padroni di casa sulle ali del vantaggio continuano a macinare gioco con protagonisti Dal Bosco sulla destra, bello il suo duello con il giovane Radosavljevic, e Di Cristo che sfrutta la sua notevole velocità per impensierire Cantarello & C.
Il Monteviale a metà del primo tempo costruisce alcune occasioni, prima Carmucci vince un contrasto sul lato sinistro dell’area con il proprio controllore entra nei sedici metri ma trova Baraldo a chiudergli la porta, poi Maiova sempre dalla sinistra viene stoppato al momento di concludere, pure Belloni non ha fortuna nelle sue conclusioni, in particolare verso la fine della prima frazione trova da terra la girata giusta ma la palla esce di un niente con Baraldo a fare da spettatore.
La seconda frazione quando ci si aspetta la partenza a razzo dei giallo/rossi, sono i padron di casa che inanellano ben cinque calci d’angolo consecutivi, con qualche patema per la porta ospite. Passata la sfuriata iniziale, i ragazzi di Lazzaron che ha lasciato negli spogliatoi Erba e Tadiotto, sostituiti con Rovrena e Menegon, cominciano a pressare il Montebello nella propria metà campo. Ora i locali per uscire dall’assedio rilanciano verso il veloce Di Cristo ma viene sempre imbottigliato tra lo stopper Zausa e Cantarello. Intanto il tempo passa ma di vere e proprie occasioni non se ne presentano. L’allenatore Lazzaron cerca di cambiare le carte in tavole e butta nella mischia prima Perrucca al posto di Maiova, quindi Maltauro in sostituzione di Radosavljevic, e per ultimo il giovane Frigo quale punta aggiunta al posto del difensore Porcellato. In risposta alle mosse ospiti l’allenatore di casa Bognin esegue alcuni aggiustamenti alla propria formazione che con molto mestiere riesce a sopportare gli ultimi tentativi ospiti e dopo sei minuti di recupero l’arbitro Cinquetti di Verona decreta la vittoria del Montebello.

A fine gara musi lunghi e delusi in casa giallo/rossa, purtroppo questa è la seconda sconfitta consecutiva nelle due trasferte fatte nelle ultime domeniche. Ora ci attendono altre due sfide prima della chiusura del girone di andata, domenica viene a trovarci il Le Torri Bertesina, l’unica squadra ancora imbattuta del girone, poi si va a concludere il 2017 a Montecchio Precalcino.


Sull'Autore

Antonio Martinello