Serie D

Arzignano, una poltrona per due con la Virtus dopo il blitz di Adria

Scritto da Federico Formisano
ADRIESE – ARZIGNANO VALCHIAMPO 1-3 (p.t. 0-2)
Reti: pt: 34’ Odogwu (AR), 42’ Raimondi (AR); st: 31’ Raimondi (AR), 45’ Incatasciato (AD)
Adriese:  Motti; Anostini, Dall’Ara, Busetto (47’st Binetti), Ballarin; Bellemo (36’st Chin), Martino (40’ st Tescaro), Pagan; Rosati (15’ st Santi), Marangon, Pregnolato (20’st Incatasciato). A disposizione: Milan, Bovolenta, Alessio, Mancin. Allenatore: Gianluca Mattiazzi
Arzignano: Dani; Toso, Bordi, Bigolin, Vanzan (15’ st Scandilori); Forte (1’st Casagrande), Maldonado (22’ st Hoxha), Fracaro; Ilari (29’ st Valenti), Odogwu, Raimondi (42’st De Anna).
A disposizione: Colesso, Romio, Antinori, Contri.
Allenatore: Vincenzo Italiano
Arbitro: Grasso di Acireale
Assistenti: Gasparetto di Treviso e Coltavo di Treviso
Ammoniti: Martino, Rosati, Ballarin (AD), Dani (AR)
Servizio della Redazione, foto di Elisa Calzati, inedite ma riferite alla gara con la Clodiense
Alla fine del girone d’andata la testa della classifica di serie D è comandata dalla Virtus Vecomp e dall’Arzignano a pari merito, con il Campodarsego ad un solo punto. Ma tutte le altre squadre sono lontane con Mantova ed Este a sette punti e con Belluno che appare meno brillante di inizio stagione a 10 lunghezze dalla testa.
Il passo dell’Arzignano è davvero brillante: è l’undicesimo risultato utile consecutivo: superata anche la serie positiva del 2014-15! Primo posto condiviso, ma lo scontro diretto a favore e la miglior differenza reti concedono sulla carta la prima posizione. 11 vittorie, 4 pareggi e due sole sconfitte con la seconda miglior difesa del girone ( 16 reti insaccate un più dell’Adriese battuta ieri) e il terzo attacco ( 35 reti realizzate contro i 38 del Campodarsego e i 36 del Belluno).  I bassopolesani, oltre ad essere numeri alla mano la miglior difesa dell’intero girone, erano fino a ieri imbattuti in casa e non subivano una rete tra le mura amiche da tre incontri.
Nella gara di ieri l’Arzignano è passato sul 2-0 prima della fine del tempo, ha realizzato il terzo gol ad un quarto d’ora dalla fine e subito il gol della bandiera (di Incatasciato ex Altovicentino) quando ormai tutti pensavano alla doccia calda.

Stacco di Odogwu

La cronaca dice che l’Arzignano ha governato la partita sin dall’inizio con un palo colpito da Ilari.
L’Adriese non è stata a guardare ed ha creato alcune situazioni di pericolo sopratutto con Pregnolato e Marangon
Al 34′ Raphael Odogwu realizza la prima rete: Schema perfetto sull’ennesimo calcio di punizione conquistato e il centravanti gialloceleste sottoporta non può sbagliare!
Dopo 8′ l’Arzignano raddoppia: Magia di capitan Fracaro che pesca Raimondi sul filo del fuorigioco, il padovano al suo rientro in campo è freddissimo nel lasciarsi i difensori alle spalle e ad eludere anche il portiere adriese!
Infine al 31′ della ripresa una magia ancora di Raimondi  che conclude a giro sul secondo palo: che perla del mago padovano che al ritorno in campo dopo un mese di assenza fa valere il peso della sua classe.
Dopo quattro minuti di recupero finisce 1 a 3 per l’ Arzignano al  Bertinazzi di Adria I giallo celesti in versione deluxe ed in totale controllo della gara dall’inizio alla fine, sbancano il campo della difesa meno battuta del girone che non subiva una rete in casa da tre incontri! L’innocua rete della bandiera adriese arriva pressoché allo scadere, solo grazie ad una sfortunata deviazione che batte un  Dani   quasi inoperoso.
Alla fine ecco la dichiarazione di mister Italiano: “Essere primi a dicembre conta poco, ma sono contento perché passeremo delle festività tranquille e serene! Grande prestazione di tutti, anche dei subentrati”

Sull'Autore

Federico Formisano