Eccellenza

Marosticense e Belfiorese non si fanno male. 0-0 e poche emozioni al Maroso

Scritto da Marco Marra

Pari a reti bianche tra Marosticense e Belfiorese. Nel primo tempo bravo De Carli a salvare su Ballarini, nella ripresa gli ospiti restano in 10 per la doppia ammonizione a De Cao. La Marosticense non ne approfitta e alla fine è un punto a testa.

MAROSTICENSE – BELFIORESE 0-0 (Primo tempo 0-0)

MAROSTICENSE: De Carli; Rossi, Toniolo, Trevisan, Palermo; Tomasi, Max Parise, De Filippo; Manuel Parise, Topparelli (70’ Lunardon); Petronijevic   All. Glerean

BELFIORESE: Berto; Bolcato, Artuso, Vignaga, Fattori; Baltieri (89’ Dolci), De Cao, Antolini, Zoppellaro (72’ Marconi); Camparmò (62’ Volpara), Ballarini   All. Maschi

AMMONIZIONI: 47’ De Cao (B), 58’ Artuso (B), 79’ Maistrello (M), 80’ Bolcato (B), 85’ Petronijevic (M)

ESPULSIONI: 58’ De Cao (B) per doppia ammonizione

Servizio e foto di Marco Marra

Allo Stadio Virgilio Maroso di Marostica si gioca la gara tra Marosticense e Belfiorese, valida per la diciassettesima giornata del Girone A di Eccellenza. In palio tre punti fondamentali per entrambe le squadre: la Belfiorese vuole la vittoria per restare ancorata alla zona play-off, attualmente distante 2 punti ma con i veronesi che dovranno recuperare la partita contro la Provese. In quel di Belfiore si respira sicuramente aria di gioia dopo la vittoria nella Coppa regionale arrivata il 6 Giugno in finale contro il Pozzonovo. Questo bel successo darà senz’altro una gran carica alla squadra di Maschi per il proseguo del campionato. Una scossa in quel di Marostica può averla data invece il cambio di allenatore, con l’esperto Ezio Glerean che ha fatto il suo ritorno sulla panchina dei rossoneri sostituendo l’esonerato Guido Belardinelli. L’ avventura di Glerean era iniziata nel migliore dei modi con la splendida vittoria nel derby col Cartigliano, e per di più in casa dei rivali. Ma la sconfitta dell’ultimo turno per mano del San Martino Speme ha subito riportato i rossoneri sulla terra, costringendoli ad una nuova reazione per uscire al più presto dai bassifondi della classifica. Una vittoria quest’oggi può cambiare l’andazzo.

La Belfiorese si presenta con due grandi ex rossoneri in campo: il portiere Berto, ceduto ai veronesi in estate, e soprattutto Paolo Camparmò, arrivato alla corte di Mister Maschi appena qualche settimana fa.

Maglia bianca con dettagli rossoneri per la Marosticense, completo nero per la Belfiorese. Il direttore di gara è il Signor Pierfrancesco Saugo di Bassano del Grappa

LA CRONACA

Nei primi minuti la Marosticense dà l’impressione di voler puntare sul possesso palla per scardinare la difesa avversaria. La Belfiorese attende il momento giusto per passare al contrattacco. Primo pericolo per la porta di Berto al 6’ quando Petronijevic calcia di destro dal limite dell’area ma trova il portiere biancoblu pronto a bloccare in tuffo. Dal 15’ in poi la Belfiorese comincia a prendere convinzione: al quarto d’ora Ballarini riceve palla al limite destro dell’area e con il sinistro disegna una bella traiettoria a giro, deviata però da De Carli sopra la traversa. Al 20’ ospiti vicini al vantaggio in maniera un po’ casuale: Ballarini riceve il cross da punizione di Fattori, calcia al volo di destro, il suo tiro viene deviato involontariamente da Bolcato e sfiora l’incrocio. Ancora Belfiorese al 28’ con il cross dalla destra di Ballarini verso Camparmò che devia di testa ma De Carli blocca comodamente e gli nega il gol dell’ex.

La più grande occasione per gli ospiti arriva però al 32’, quando Ballarini vince un contrasto al limite dell’area con Toniolo, punta il portiere e calcia col destro trovando un gran riflesso di De Carli che devia in tuffo in calcio d’angolo. Parata decisiva e complicata dell’estremo rossonero, che tiene a galla i suoi. Ora gli ospiti attaccano con gran convinzione: al 40’ altra azione nata dalla destra, con il cross di Zoppellaro all’indirizzo di Baltieri che controlla in area e calcia addosso ad un difensore. La Marosticense torna a farsi viva con un sinistro dal limite di Topparelli, troppo debole e di facile lettura per Berto. Poi è Petronijevic ad andare al tiro approfittando dell’assist in verticale fornitogli da Manuel Parise, ma il destro dal limite dell’ex Montecchio Precalcino non inquadra la porta.

Squadre all’intervallo sul punteggio di 0-0. Belfiorese nel complesso più propositiva e più ispirata in fase offensiva. La Marosticense ha comunque creato qualche grattacapo alla difesa veronese. Nel secondo tempo può succedere di tutto.

Nella ripresa partono forte gli ospiti, subito al tiro dopo una manciata di secondi: Baltieri crossa rasoterra dalla sinistra, respinta corta della difesa rossonera, palla raccolta da Antolini che calcia dal limite ma trova Petronijevic a deviargli il tiro e a renderlo innocuo. Chance anche per Baltieri al 48’, con un lancio in verticale ad innescare l’esterno biancoblu sulla trequarti, stop e conclusione al volo fuori di poco alla sinistra di De Carli.

La Belfiorese dà la netta impressione di essere tornata in campo con lo spirito giusto, con delle trame offensive ben congegnate ed un pressing organizzato che non lascia spazi agli incursori rossoneri. La svolta però si sa, può arrivare quando meno te lo aspetti, ed infatti al 58’ l’episodio che può cambiare la partita: De Cao commette un brutto fallo a centrocampo su De Filippo, riceve la seconda ammonizione e la conseguente espulsione. Belfiorese costretta ora all’inferiorità numerica per i restanti trenta minuti di gioco.

Nonostante ciò i veronesi non si scoraggiano e continuano ad attaccare. Al 64’ Baltieri va via sulla sinistra e dalla linea di fondo prova il gol impossibile col destro a giro e costringe De Carli a deviare sopra la traversa. Dall’altra parte il neo entrato Maistrello fa partire un tiro cross da destra che non trova però ne porta, ne compagni al centro e si spegne di poco a lato.

Ritmi vistosamente calati nella ripresa, poche emozioni da segnalare, specie dopo l’espulsione. Quasi come se le due squadre si accontentassero del pari. L’ultima occasione di rilievo per la Belfiorese è un sinistro al volo dal limite del neo entrato Marconi, blocca facilmente De Carli.

Dopo tre minuti di recupero l’arbitro fischia tre volte e manda tutti sotto la doccia. 0-0 tra Marosticense e Belfiorese, che si spartiscono la posta in palio al termine di una gara non proprio indimenticabile. La Belfiorese ha proposto qualche trama offensiva interessante, ha avuto qualche occasione in più rispetto agli avversari e ha dimostrato comunque il suo ottimo valore, mentre la Marosticense ha messo ancora in mostra le ruggini della gestione Belardinelli, dimostrando come Glerean abbia ancora parecchio lavoro da fare per plasmare la squadra secondo le sue idee di gioco. Con il tempo la squadra rossonera crescerà e acquisirà maggiori sicurezze.

LA CLASSIFICA E I PROSSIMI IMPEGNI

LA Marosticense sale così a 18 punti in classifica, in piena zona play-out ma ad un solo punto di distanza dall’ultimo posto valido per la salvezza diretta occupato dalla Provese. La Belfiorese sale a 24 punti, a -2 dall’ultimo posto valido per i play-off occupato dalla Vigontna San Paolo, ma con la gara con la Provese da recuperare a breve. In caso di successo nel recupero, i biancoblu rientrerebbero in zona playoff.

A seguire sulla pagina Facebook “calciovicentino.it” troverete il video highlights della partita

Marco Marra


Sull'Autore

Marco Marra