Eccellenza

Valdagno Vicenza intravvede uno spiraglio salvezza, Marosticense vede nero..

Scritto da Stefano Campana

Due santoni del calcio non solo nostrano a sfidarsi sulle panchine di Valdagno Vicenza e Marosticense: sulla panchina della squadra di casa Mario Vittadello, ex Real Vicenza, Clodiense e Sambonifacese, su quella ospite Ezio Glerean già mister di Palermo, Cittadella e Padova.

Alla fine vince Vittadello che ha centrato le mosse risolutive e conquistato la prima vittoria della sua gestione (due partite quattro punti, ancora imbattuto) e adesso punta a raggiungere almeno una delle tre squadre che gli stanno davanti di tre punti. Una di queste tre squadre è la Marosticense di Glerean che ha provato cosa vuol dire mangiare il duro pane dell’Eccellenza. Dopo i primi successi i rossoneri hanno inanellato alcuni risultati non esaltanti e nelle ultime due gare hanno perso con Valgatara e Valdagno Vicenza ovvero con la penultima e l’ultima della graduatoria.

Servizio della redazione, foto di Elisa Calzati

Valdagno Vicenza: Boaretto, Panarotto  Gianesini, Aliberti, Contini, Zanin (Pertile dal 62′) Tadic ( Critelli dal 72′), Antonello, Ndyaie, Mezzina (Forte dal 89′), Tumiatti (Bressan dal 72′); Allenatore Vittadello

Marosticense: De Carli, Palermo, Rossi, Tomasi, Trevisan, Lunardon, Minato (Parise Max dal 68′), De Filippo,  Petronjevic (Maistrello dal 76′), Parise Manuel, Farronato (Topparelli dal 64′); allenatore Glerean

Nel Valdagno che non può ancora fare conto su Quintieri e sull’influenzato Damiani, Vittadello conferma Mezzina autore di una buona prova nella gara di Pozzonovo.

Dopo 5′ l’ex boy del Padova si fa trovare pronto all’appuntamento e sigla la rete che porta in vantagno i biancocelesti di casa.

La gara si mette subito in salita per i rossoneri che stentano a trovare i collegamenti. Parise viene marcato con decisione e Petronjevic è troppo isolato per creare problemi alla difesa del Valdagno Vicenza imperniata sull’ottima coppia formata da Contini e Aliberti.

Le occasioni migliori sono ancora per il Valdagno Vicenza in particolar modo per N’Dyaie che però non è fortunato nelle conclusioni-

Prima della fine del tempo ci pensa Boaretto a salvare la sua porta

Glerean prova con i cambi inserendo Topparelli, Massimiliano Parise e Maistrello ma il Valdagno Vicenza difende  bene. Nel recupero il contropiede fulminante di Bressan entrato al posto di Tumiatti che batte De Carli per la seconda volta. Per i rossoneri è notte fonda.  Per il Valdagno rimane l’esigenza di dare continuità ai risultati iniziando già da Caldiero, vicecapolista del girone.

Quello di oggi – ci ha dichiarato Mario Vittadello – è un risultato importante che spero dia morale e consapevolezza alla squadra. Buon primo tempo con un gol e due grandi occasioni per noi e una bella parata di Boaretto. Nel secondo tempo ci siamo difesi con ordine e siamo spesso ripartiti. Bravi i ragazzi a mettere in pratica ciò che abbiamo preparato in settimana.” 

 

 

 

 


Sull'Autore

Stefano Campana