Promozione

Calidonense, il sogno continua: Simoni risolve ai supplementari la battaglia col Rosà

Scritto da Marco Marra

Non si ferma la cavalcata della squadra di Clementi, che dopo lo Schio fa fuori anche il Rosà di Destro. La sblocca Marzari al 14’, pareggia Gallina nel finale rinviando il verdetto ai supplementari, ma al 113’ Simoni si guadagna e trasforma il rigore decisivo. Giallorossi al terzo turno dei play-off

CALIDONENSE – ROSÀ 2-1 dts (1-1 al 90’) (Primo tempo 1-0)

CALIDONENSE: Nardon; Mietto (116’ Passuello), Casale, Amal, Casolin; Comparin, Sandonà (94’ Gobbato); Manes (76’ Filotto), Bergo (114’ Munarini), Zangara; Marzari (82’ Simoni)   All. Clementi

ROSÀ: Mason; Bizzotto (82’ Giaretta), El. De Rossi, Tessarollo, Dissegna (67’ Favero); Bertolin (54’ Guarise), Loro, Ed. De Rossi (100’ Nicoletti), Moretto (60’ Sartore); Gallina, Lazzarotto   All. Destro

MARCATORI: 14’ Marzari (C), 85’ Gallina (R), 113’ Simoni (rig.) (C)

AMMONIZIONI: 63’ El. De Rossi (R), 70’ Marzari (C), 71’ Tessarollo (R), 93’ Sartore (R), 105+1’ Simoni (C), 108’ Mietto (C)

Servizio di Marco Marra

Allo Stadio Comunale di Caldogno va in scena la gara tra Calidonense e Rosà, valida per i play-off del Girone B di Promozione. Le due compagini si giocano tutto in un dentro o fuori che si preannuncia emozionante. La Calidonense di Mister Clementi punta a coronare una grande stagione andando fino in fondo a questi play-off. Dopo l’ottimo terzo posto in campionato, i giallorossi hanno avuto la meglio dello Schio di Bernardi con un pareggio in casa che è valso comunque la qualificazione per il miglior piazzamento in campionato. Dall’altra parte il Rosà di mister Destro arriva a questo appuntamento dopo il quinto posto in campionato e la grande vittoria in casa della Godigese firmata Gallina e Sartore. Due squadre quanto mai affamate, solo una staccherà il pass per il turno successivo.

Circa 300 tifosi sugli spalti del Comunale di Caldogno. Calidonense in completo blu scuro, Rosà in divisa giallonera. Il direttore di gara è il Signor Mattia Zambon di Conegliano.

LA CRONACA

Clementi schiera inizialmente un 4-2-3-1 con Casolin e Mietto terzini, Amal e Casale centrali, Sandonà e Comparin in mediana, Zangara e Manes sulle fasce e Bergo alle spalle della punta Marzari. Risponde Destro schierando Bizzotto e Dissegna laterali bassi, Elia De Rossi e Tessarollo centrali di difesa, centrocampo a 4 formato da Bertolin, Loro, Edoardo De Rossi e Moretto, tandem d’attacco Lazzarotto-Gallina

In avvio di gara gli ospiti provano a giostrare maggiormente il pallone, cercando di fare la partita. La Calidonense è però ben disposta in campo e in ripartenza può far male. Al 7’ prima fiammata dei padroni di casa con lo scatto poderoso di Zangara che brucia la marcatura di Tessarollo e calcia in diagonale col destro, attento Mason. Cinque minuti più tardi è Sandonà a provare il tiro: sponda volante di Zangara e destro dal limite dell’ex Summania a lato di poco.

Prima chance per gli ospiti al 13’ con l’assist di Bertolin per Edo De Rossi che da due passi calcia addosso a Nardon, fallendo un’ottima occasione. Gol sbagliato-gol subito, la classica legge del pallone: un minuto dopo è nuovamente Zangara ad illuminare con un bel cross dalla destra, Marzari svetta sopra a tutti e di testa mette la palla alla sinistra di Mason. Calidonense in vantaggio per la festa del pubblico di casa.

Il Rosà accusa il colpo e non riesce a reagire, la Calidonense attacca ancora: al 19’ Bergo crossa da sinistra trovando la deviazione fortuita di un difensore ospite che per poco non batte il proprio portiere. Al 29’ chance per il Rosà su calcio d’angolo: cross di Loro e colpo di testa in mischia di Tessarollo, blocca in due tempi Nardon. Al 36’ altro sprint di Zangara che parte palla al piede, va via a due difensori e calcia col sinistro a lato di poco. Che primo tempo del giovane esterno classe ’99, un assist e almeno altri due spunti interessanti.

La partita ora è equilibrata e combattuta, il Rosà sfiora il pareggio a fine primo tempo: Loro sfiora un gran gol con un tiro da posizione defilata che centra in pieno l’incrocio dei pali. Era l’ultima chance del primo tempo: 1-0 Calidonense all’intervallo con la rete di Marzari, ma tutto è più che mai in bilico.

In avvio di gara la Calidonense parte bene e sfiora il raddoppio. Al 53’ Mietto riceve in area, manda a vuoto un difensore ma col destro calcia addosso a Mason fallendo un’ottima occasione. Al 62’ Bergo serve in area Zangara, il pallone arriva a Marzari che però col destro spara alto da ottima occasione. Al 66’ punizione dai 20 metri per il Rosà, Loro calcia rasoterra a lato della barriera ma trova attento Nardon

Ora il Rosà inizia a spingere con convinzione, alla ricerca del pareggio che manderebbe la sfida ai supplementari. Al 73’ Gallina scatta palla al piede, converge da destra e calcia col sinistro addosso a Casale. Ancora Gallina pericoloso poco dopo con una sforbiciata in area su cui Nardon è attento.

All’85’, al terzo tentativo, Gallina non perdona: lancio lungo di Tessarollo per Gallina che coglie impreparata la difesa avversaria e col tacco batte Nardon per il pareggio del Rosà. Disattenzione enorme della difesa di Clementi, che di fatto non si accorge dell’inserimento di Gallina. Pareggio tutto sommato meritato per i ragazzi di Destro.

Passa nemmeno un minuto e la Calidonense va ad un centimetro dal nuovo vantaggio: cross dalla destra del solito Zangara e colpo di testa del neo-entrato Filotto a lato di poco. Poi è ancora Mietto ad andare al tiro con un’azione identica a quella precedente: riceve in area, mette a sedere un difensore ma calcia ancora addosso a Mason sciupando un’altra ghiotta chance.

Al 90’ il punteggio è dunque 1-1, verdetto rimandato ai tempi supplementari. Ora le squadre dovranno mettere in campo tutto ciò che hanno per portare a casa il bottino pieno, possibilmente evitando la lotteria dei rigori.

Nel primo tempo supplementare una grande occasione per il Rosà con il colpo di testa di Nicoletti che va a centrare in pieno il palo alla destra di Nardon. Sfortunato in questo caso il Rosà. Anche perché nel secondo supplementare arriva l’episodio che decide la partita: il neo-entrato Simoni scatta palla al piede e giunto in area viene atterrato da Loro e si guadagna il rigore. Dal dischetto lo stesso Simoni trasforma con il destro, nonostante Mason si fosse buttato dal lato giusto. Esultanza incontenibile dei giocatori in campo e dei tifosi sugli spalti per un gol che, a 7’ dalla fine, darebbe una qualificazione importante alla squadra di Clementi.

Negli ultimi minuti la squadra di casa è abile a tener palla lontana dalla propria area e all’ultimo minuto in ripartenza sfiora il colpo del KO, sempre con Simoni che fa fuori un avversario in dribbling ma giunto a tu per tu con Mason calcia male e si fa dir di no dal portiere del Rosà.

Errore che comunque non pesa, perché l’arbitro fischia tre volte e sancisce la vittoria della Calidonense. La squadra di Clementi elimina dai play-off il Rosà ed ottiene il pass per il terzo turno dei play-off per andare in Eccellenza. Tante emozioni specie nel finale di gara e nei tempi supplementari, in cui le squadre si sono date battaglia con tutto quello che avevano e non si sono risparmiate. Onore al Rosà che ha sicuramente giocato una buona gara e ha messo parecchia paura agli avversari, specie nel secondo tempo. Poi se quel palo si fosse tramutato in rete chissà di che partita staremo parlando. Calidonense brava a contenere al meglio il gioco avversario e a sfruttare le palle gol avute.

Ora i ragazzi di Clementi dovranno attendere l’esito del play-off del Girone A tra Seraticense e San Giovanni Lupatoto per conoscere il proprio avversario nel terzo turno play-off. Arrivati a questo punto crederci è un obbligo e sognare non costa nulla.

Marco Marra

Sull'Autore

Marco Marra