Presentazioni Seconda Categoria

Presentazioni (66): Giavenale la conferma del gruppo come un’opportunità di riscatto !

Scritto da Federico Formisano

La società scledense dopo il capitombolo dello scorso anno che ha determinato la retrocessione ai play-out con il Novoledo ha  chiesto ed ottenuto il ripescaggio in seconda categoria. La società del presidente Enio Ciscato ha voluto comunque ribadire la fiducia nell’allenatore e nel gruppo  e così ha  confermato il tecnico  Andrea Terragin, mantenendo nel contempo molti dei protagonisti della scorsa sfortunata stagione:  Edoardo  Sartore e Cristian Testolin in porta, Andrea Albanelli, Simone Berlato, Luca Cervato, Mattia La Spisa, Nicolò Miraglia, Giacomo Panozzo e Filippo Zaltron in difesa, Rudolf Amofa, Francesco Cavedon, Davide Mioni, Alessandro Bonato, Mattia Saccardo, Matteo Zaltron e Alessandro Zanella a centrocampo e in attacco Mattia Ballardin, Marco Cogo, Giacomo Guglielmi, Andrea Chiumento, Marco Fioravanzo e Stefano Panebianco.  

Su questo gruppo sono stati innestati alcuni elementi per coprire le assenze di quelli che hanno cambiato squadra: in difesa è arrivato Martino Dalla Vecchia dallo Schio e Richard Yeboah dal Rozzampia, a centrocampo Matteo Ballardin dal calcio a 5, e  Lorenzo Manfron dal San Vito Cà Trenta, stessa squadra da cui proviene anche Marco Zanovello, attaccante.

La settimana scorsa la squadra si è ritrovata per ricevere le ultime indicazioni dal mister

A mister Terragin abbiamo rivolto alcune domande.

Nella stagione scorsa eravate praticamente salvi a due mesi dalla fine del campionato; poi c’è stata l’eccezionale rimonta del Novoledo che vi ha raggiunto e costretto ai play-out. Come pensa di rimediare al calo patito.

Lo scorso anno siamo decisamente calati l’ultimo mese ed è un calo dovuto ad una difficoltà numerica patita tutto l’anno. Pur essendo 26 giocatori in rosa abbiamo avuto molti infortuni e gravi (3 ragazzi con il crociato rotto per esempio) e chi ha tirato la carretta poi a fine anno è arrivato cotto! Però complimenti al Novoledo per la rimonta fatta!

Abbiamo chiesto il ripescaggio proprio perché pensiamo che siamo retrocessi sia per demeriti nostri ma anche per circostanze non dipendenti da noi; da qui  è nata la decisione di  confermare la maggior parte dei giocatori.

Per ovviare ai problemi dello scorsa annata, intanto  cambiamo il campo di allenamento (sperando di evitare gli infortuni a raffica)  e poi faremo una preparazione più dura per essere fisicamente più preparati!

Il girone dello scorso anno ha perso l’Alto Astico Cogollo ed il Malo promossi mentre il San Vito Cà Trenta ha dovuto ridimensionare la rosa. Quale pensi possano essere le protagoniste di quest’anno ?

Il Molina si è mantenuto forte ed ha preso un gran bravo allenatore per cui sarà fra le favorite come senz’altro starà nei piani alti il Rozzampia.  Non sottovaluterei il 7 Comuni che con la fusione con lo Stocchereddo ha una rosa di tutto rispetto  Visto il mio passato spero che possa fare una stagione ad alto livello anche il Valli!

Terragin Andrea

Mister Terragin

 

La rosa

Portieri: Sartore Edoardo (97) Testolin Cristian (99);  Difensori; Albanelli Andrea (93), Berlato Simone (93), Cervato Luca (93), Dalla Vecchia Martino (dallo Schio) La Spisa Mattia (95),Miraglia Nicolo’ (93), Panozzo Giacomo (94), Yeboah Richard (92 dal Rozzampia), Zaltron Filippo (91), Centrocampisti: Amofa Rodolfo (87), Ballardin Matteo (dal calcio a 5), Bonato Alessandro (94), Cavedon Francesco (82), Manfron Lorenzo (95 dal San Vito Cà Trenta), Mioni Davide (91), Panebianco Stefano (94),  Trequartisti: Saccardo Mattia (90), Zanella Alessandro (89); Attaccanti: Ballardin Mattia (95),  Chiumento Andrea (92), Cogo Marco (94), Fioravanzo Marco (93), Guglielmi Giacomo (98), Zaltron Matteo (92), Zanovello Marco (95 dal San Vito Cà Trenta),

Lo Staff: Allenatore Terragin Andrea;Vice Allenatore Zambon Andrea Collaboratore Pianalto Michele Dirigenti accompagnatori: Gasparin Giorgio, Dal Pra’ Stefano

I vertici societari: Presidente Ciscato Enio; Vice Presidente Scolaro Valerio


Sull'Autore

Federico Formisano