Seconda Categoria

Virtus Romano: il rilancio passa vincendo sul campo del Colceresa.

Scritto da Federico Formisano

Calcio Colceresa –  Virtus Romano 1-2  Masin al 10’ Colla al 65’ Puppi al 77’

Colceresa:Bertolin, Ronzani, Covolo (Passuello dal 81’), Masin (Pigatto dal 87’), Farina, Costacurta, Carraro (Zanolli dal 89’), Dal Ponte, Sene, Zonta (Basso dal 73), Peltran (Caron dal 67’), A disposizione: Cubalchini , Parise, Toniazzo, Scalabrin; Allenatori Squarzon e Munaretto

Virtus Romano: Favero, Biasion, Contro (Parolin dal 83’), Colla, Farina A. Busnardo, Bontorin (Tosin dal 61’), Farina E. , Puppi (Costa dal 89’), Cannella (Orso dal 77’), Zanella;  a disposizione: Stefani, Bertapelle, Zen, Baggio. Allenatore Lazzarotto

Arbitro Flavius Costel Condrut Castelfranco

 Servizio e foto di Federico Formisano

Gara sofferta e delicata vinta dalla squadra sulla carta più forte, la Virtus Romano.  Per tutto il primo tempo, tuttavia, il Colceresa riesce a tenere in scacco gli avversari, apparsi abili nella manovra ma poco determinati nelle conclusioni.

Nella ripresa il Colceresa finisce con il chiudersi e la Virtus lavorando sulle corsie esterne con più determinazione riesce a capovolgere il risultato e a rilanciare un campionato partito tutt’altro che secondo copione. La Virtus Romano è stata, infatti,  rinforzata dagli arrivi degli ex del Cassola Favero, Busnardo, Orso,ecc  da Dissegna ex Valbrenta e dispone di molti giocatori di talento, oltre a giovani di prospettiva.

Mister Lazzarotto dopo la sconfitta interna con il Real Stroppari cambia molti uomini inserendo Biasion , i fratelli Farina, Contro, Puppi, Canella che domenica scorsa erano in panchina o in tribuna. Per contro i mister Squarzon e Munaretto confermano quasi completamente il gruppo che è reduce dalla vittoria in casa della Juventina Laghi : il recuperato Sene va al centro dell’attacco con Scalabrin in panchina.

il calcio d’inizio

Fin dall’inizio appare evidente uno dei temi della gara: la Virtus gioca molto con palla a terra e con scambi corti fra Emanuele e Alberto Farina e Puppi. Il Colceresa invece improvvisa veloci puntate in avanti sfruttando la velocità di Carraro sulla destra e Peltran sulla sinistra e la tecnica di Sene che impegna un duello senza esclusione di colpi con Colla e Busnardo, coppia centrale.

Al 10’ il Colceresa passa c’è un azione convulsa sul limite dell’area con un paio di giocatori a terra: Masin è il più rapido di tutti e scaraventa una gran botta verso la porta di Favero, sorprendendo l’estremo difensore.

La reazione della Virtus non si fa attendere ma in assenza di una punta autentica le occasioni latitano: infatti mentre Puppi (che non è mai stato un uomo da area) cerca lo scambio ravvicinato e Cannella, l’altra punta, si mantiene prevalentemente sulle linee esterne, non c’è nessuno che vada ad impegnare direttamente l’estremo difensore e la Virtus tiene palla ma non conclude.

Anzi diventa pericoloso il contropiede dei locali che al 25’ hanno una occasione per andare sul 2-0: Peltran recupera palla sulla trequarti si beve un paio di difensori ma a tu per tu con Favero manda sul fondo.

Al 32’ tocca alla Virtus Romano divorarsi un gol fatto con Zanella che manda a lato da buona posizione. Poi ci prova Cannella ma il suo tiro va alto.

Al 40’ Bertolin effettua l’unico intervento difficile della prima frazione dopo un calcio di punizione ma sulla ribattuta del monumentale estremo difensore nessuno è pronto a ribadire  in gol.

Nella ripresa gli ospiti accentuano i ritmi inserisce Tosin per Bontorin e al 20’ della ripresa arriva il pareggio con il difensore Colla che va in avanti a risolvere la sterilità dei colleghi di reparto.

Con il pareggio ottenuto la squadra di Lazzarotto ritrova equilibri e serenità e conquista campo, per il vantaggio bisogna però attendere il 77’ quando la conclusione di Puppi è sporcata da Dal Ponte che spiazza Bertolin.

 


Sull'Autore

Federico Formisano