Seconda Categoria

Lampo va in vantaggio, ma San Lazzaro rimonta e vince

Scritto da Redazione2

LAMPO 1945 – SAN LAZZARO SERENISSIMA 1-2

LAMPO 1945: Mironi, Di Lieto (36’ st Piotto), Lago, Donanzan (21’ st Valente), Bance, Vanzetto, Dalle Tezze (12’ st Polo P.), Birollo (32’ st Polo N.), Tessarollo, Pigatto, Securo (17’ st Llubani). All. Bedin

SAN LAZZARO SERENISSIMA: Lucchini, Zanotto (36’ st Rigotto), Radojkovic (40’ st Corà), Canilli (24’ st Motterle), Vivian, Cogo, Formenton, Feltre, Pizzato (17’ st Rosario), Carmucci, Pozza. All. Motterle

Arbitro: Vencato di Schio

Reti. Pt 32’ Vanzetto (L) su rigore, 47’ Carmucci (SLS); st 34’ Carmucci (SLS)

Note. Ammoniti Vanzetto, Birollo (L), Lucchini, Formenton, Pizzato (SLS); espulso Pozza (SLS) per somma di ammonizioni al 14’ st. Corner 4-2; rec. pt 3’, st 7’

CARMIGNANO DI BRENTA

Servizio di Roberto Pivato foto di Susanna Iovene

Pur se in inferiorità numerica il San Lazzaro riesce a superare l’ostica Lampo e a laurearsi così campione d’inverno del girone E di Seconda Categoria.

Non una partita particolarmente accattivante dal punto di vista tecnico quella andata in scena nel gelo di Carmignano. I padroni di casa hanno venduto carissima la pelle alla capolista, passando per primi in vantaggio, ma facendosi recuperare e sorpassare con un pizzico di ingenuità e senza saper approfittare di una mezzora con l’uomo in più.

Per assistere alla prima chiara occasione da rete occorre attendere il 23’: punizione da destra di Di Lieto, Pigatto incorna in tuffo, ma Lucchini para senza grosse difficoltà. Un minuto più tardi è Zanotto a mettere qualche apprensione a Mironi, con un tiro-cross che sorvola la traversa di poco. Al minuto 26 la difesa di casa si salva con affanno, allorché Vivian impatta di testa da pochi passi su traversone di Pozza; ma cinque minuti più tardi è la Lampo a passare: veniale contatto in area tra Zanotto e Dalle Tezze che l’incerto signor Vencato reputa da rigore; dal dischetto Vanzetto è glaciale quanto il clima e fa 1-0.

L’equilibrio potrebbe essere ristabilito subito: un rimpallo permette a Pozza di presentarsi a tu per tu col portiere, l’attaccante però gli calcia addosso (39’). Ben più impegnativo l’intervento al quale è costretto Mironi al 43’, quando si salva d’istinto su una botta ravvicinata di Pizzato. Ci si attende oramai soltanto il rientro negli spogliatoi per un quanto mai opportuno tè caldo, e invece, al 2’ di recupero, gli ospiti pareggiano: Zanotto centra dal fondo destra trovando Carmucci sul palo opposto; per il numero 10 è un gioco da ragazzi appoggiare in rete di testa da pochi metri.

Al rientro in campo è nuovamente Carmucci a rendersi pericoloso: imbucata di Pizzato per il compagno, il quale tuttavia apre troppo il diagonale (9’). Al 14’ ingenuità di Pozza, che già ammonito interviene irregolarmente a fermare una ripartenza carmignanese; inevitabile il secondo giallo che lascia i compagni in inferiorità numerica. Inferiorità che, a dire la verità, non si nota più di tanto. Solamente al 20’ la Lampo ha una buona chance, con Pigatto che da sinistra crossa per Tessarollo, il quale non trova l’impatto col pallone da favorevolissima posizione.

I tanti cambi e un certo nervosismo frammentano moltissimo il gioco. Il San Lazzaro si va vivo dalle parti di Mironi con una punizione dal limite di Motterle, respinta di pugno dall’estremo difensore locale (31’), poi, al 34’, il gol che decide la contesa: su un traversone da destra Carmucci riesce ad incornare da pochi passi; Mironi ribatte alla bell’e meglio, riprende lo stesso Carmucci che scaraventa in fondo al sacco.

Da qui al 97’ non si gioca sostanzialmente più. Il sussulto finale arriva al minuto 51, con un mischione in area vicentina che si conclude tuttavia con un nulla di fatto.

 


Sull'Autore

Redazione2