Redazionali

Il 2018 in pillole

Scritto da Federico Formisano

Riviviamo un anno che ci ha offerto molte emozioni positive e negative, tante storie di calcio e piccole lezioni di umanità. Ecco il nostro alfabeto del 2018.

A

Almanacco: Tranquilli che arriviamo. Già da un paio d’anni abbiamo deciso di scandire in maniera diversa rispetto al Giornale di Vicenza, l’uscita del nostro Almanacco. Ogni domenica sui campi scattiamo foto ai giocatori  e le mettiamo da parte per la prossima uscita. Anche quest’anno cercheremo di rinnovare la forma grafica ed i contenuti, ma stiamo già lavorando per aggiornare i nostri dati dopo la rivoluzione di gennaio che ha visto oltre 300 giocatori cambiare casacca.

Arzignano: Con l’uscita di scena del Bassano ( o del Vicenza, fate voi) è diventata un punto di riferimento del vicentino per la conduzione intelligente e la politica  attenta ai bilanci e ai vivai. Da due anni ai vertici della classifica della serie D potrebbe ulteriormente fare il salto di qualità ma intanto il presidente Chilese va avanti con grande attenzione al passo secondo la lunghezza della gamba. 

Lino Chilese, presidente dell’Arzignano

B

Bassano: Nell’estate più triste della sua storia è stato scippato due volte: prima da chi ha portato via la squadra da Bassano, poi da chi ha ritenuto di non potergli dare qualcosa di più di una prima categoria proveniente da Mussolente. Ma Checco Maino e un’ottima compagine societaria stanno già lavorando per dare ad una città desiderosa di riscatto almeno la Promozione.. poi si vedrà..

C

Cartigliano: è l’altra grande realtà emergente del nostro calcio.  Una dirigenza di primo ordine, un direttore sportivo di grande capacità ed esperienza ed un allenatore semplicemente bravissimo, hanno portato la formazione bassanese al traguardo della serie D. Di fronte alla possibilità di giocare a Bassano sostituendo la formazione giallorossa, hanno detto no e sono rimasti nello Stadio Fair play, a contatto con il loro territorio e consapevoli delle loro origini.

Cartigliano pres. 2016 mister

Ferronato tecnico del Cartigliano

D

Serie D: quest’anno la nostra pattuglia è aumentata di un unità e le nostre formazioni sono comunque protagoniste con l’Arzignano nelle primissime posizioni e il Cartigliano a metà classifica.

E

Eccellenza:  la promozione del Valbrentail ripescaggio della Calidonense e la conferma di un’altra realtà importante come il Montecchio hanno garantito al vicentino, comunque di buon livello per il Vicentino, che certo non raggiunge la numerosità dei veronesi, ma comunque si fa valere. Da sottolineare la bontà del lavoro fatta nella Valle dal presidente Dalla Zuanna e da una società in decisa crescita, e la realtà Calidonense, dove si fa calcio ad ottimo livello anche grazie a strutture di grande qualità. 

Il Valbrenta che ha vinto il campionato di Promozione

Esoneri: il calcio vive anche degli esoneri degli allenatori: ne abbiamo raccontati tanti in quest’anno, probabilmente rasentando il centinaio. E dopo aver iniziato l’anno con il Vicenza lo abbiamo concluso allo stesso modo con il cambio fra mister Colella e Serena, che ha esordito con una vittoria. Speriamo sia un segnale positivo e di speranza per il futuro biancorosso.

Serena

F

Femminile: da quest’anno è entrato nella famiglia di calciovicentino anche il calcio femminile, che vorremmo fosse sempre più emergente come nei paesi del Nord.  Oltre alla pagina dedicata nel nostro Almanacco, anche la cronaca settimanale di una partita. E non è detto che sia finito qui. Nel nostro futuro anche una maggiore assiduità di presenza nel futsal e nel calcio amatoriale. 

Fotografie: semplicemente impossibile calcolare quante ne abbiamo pubblicate in un’anno ma certo non meno di 5000!! con alcune punte di eccellenza e buoni lavoratori dello scatto abbiamo cercato di offrirvi qualità e immediatezza, senza ricorrere alle foto d’annata.  Continueremo a crescere nell’intento di garantirvi anche attraverso i video una presenza costante. E non faremo come altri che nei campi non si vedono mai e che le foto le prendono dove capita, sfidando, finchè va bene normative troppo poco garantiste. Da quest’anno questo ci ha obbligato a mettere i nostri marchi sulle foto, ma se non ci difendiamo così chi ci difende ? 

Foto di Elisa Calzati

G

Grazie: semplicemente grazie in primis ai nostri utenti in costante crescita, grazie alle società che aderiscono ai nostri gruppi Whatsapp mantenendo con noi un rapporto costante fatto di fiducia e di continuità. Grazie ai nostri validissimi collaboratori che sono la nostra forza e ci permettono di essere presenti tutte le settimane su molti campi.

Idee nuove: Non ci mancano e ve le presenteremo in corso d’opera. Nel 2019 ci saranno sicuramente novità ma ci saranno anche la conferma di un lavoro e di una qualità che ci ha dato positivi riscontri. 

James Roggia: la polemica con il Gs di Bassano ha portato ad una squalifica pesante. Ma noi pur condannando le sue uscite sopra le righe abbiamo preso le sue difese contro una giustizia sportiva che è sembrata accanirsi con la persona che con i comportamenti..

L

lr vicenza:  quella sigla davanti al Vicenza è stata un pò il mistero del passaggio di quote fra il fallimento e Rosso: chi ha voluto pensare ad un richiamo alla storia del Lanerossi chi semplicemente ad un modo per creare un nuovo marchio.. Chiederemo a chi di dovere di risolvere l’enigma. 

M

Mandato: è l’ingresso o meglio il ritorno più importante nel nostro mondo: quello di Antonio Mandato che dopo le esperienze al Real Vicenza e al Vicenza, ha assunto l’incarico di direttore generale del Longare.

P

Pioppi:  oppure pericoloso scampato: in molti avevano creduto nelle sue strategie, poi ha dimostrato di non essere proprio oro che luccica.. e a Treviso lo stanno mettendo alla prova. Con risultati finora molto negativi

Q

Qualità: in attesa di riscontri esterni ce lo diciamo da soli. Stiamo crescendo in qualità: nei servizi, negli approfondimenti, nelle foto. Certo c’è da lavorare ma la concorrenza ci stimola e la voglia di crescere anche !

R

Record: e’ stato un anno denso di soddisfazioni con un aumento del 25% rispetto allo scorso anno delle pagine lette. Crescono accessi e utenti e questo ci dà grande soddisfazione

Rosso: Renzo Rosso, detto il salvatore. Senza di lui saremmo nelle mani di qualche conquistatore venuto da fuori. Certo se adesso il patron della Diesel decidesse che è venuto il momento di regalare qualche ulteriore soddisfazione ed un vero salto di qualità agli ottomila del Menti, gliene saremo grati…

Renzo Rosso è uno che ti guarda dentro !

S

Stages: prosegue da parte del nostro sito la collaborazione con l’Università di Verona (fatevi avanti se siete interessati), che permette a voi di acquisire crediti formativi e a noi di incrementare le nostre forze e nel contempo di far crescere la qualità del nostro servizio. 

Stanga Vi Est:  Partiti da una fusione concettualmente sbagliata ed evoluta in peggio, ha dovuto affrontare un emergenza assoluta e per tre domeniche ha mandato in campo la squadra Juniores concludendo il trittico terribile sotto una marea di gol. Nel 2019 affronterà una stagione nuova, puntando sul vivaio e sulla rinascita di una squadra fatta in casa, ma il 2018 è stato l’anno horribilis per questa formazione della zona est della città. 

T

Telemar: favorevoli o contrari oggi le fusioni sono un dato di fatto ed una necessità, spesso motivata da questioni economiche ma più spesso da problematiche dirigenziali con pochi giovani che si affacciano a dare una mano con l’istituto del volontariato sempre più in crisi. Merita di essere comunque sottolineato l’aspetto positivo di alcune realtà come la Telemar che dimostra come si possa fare sinergia in modo serio, unendo risorse ed intelligenti importanti per fare crescere il calcio anche in città.

V

Vicenza: il dramma sportivo di una città che ha assistito impotente ed incazzato al fallimento di una società passando attraverso le disavventure di una stagione incredibile, fatta di innominati e di mezze figure, di banche chiuse e di mancate presentazioni in campo. Ma anche grazie alla grande intuizione di un imprenditore abilissimo nella comunicazione come Renzo Rosso, alla rinascita, che si spera possa essere un vero decollo verso giuste aspirazioni e meritati successi sportivi.

Zironelli: Come allenatore ha dimostrato il suo valore, come comunicatore un pò meno visto che si è permesso di valutare negativamente una società che comunque gli aveva dato fiducia. Adesso è in difficoltà con la Juventus B, mentre il ritorno di Rosso ha rilanciato il Vicenza. Rimane comunque un bravo allenatore. 

 

 


Sull'Autore

Federico Formisano