Serie D

Un rigore nel recupero beffa un grande Arzignano

Scritto da Federico Formisano

AD ADRIA UN RIGORE NEL RECUPERO BEFFA UN GRANDISSIMO ARZIGNANO

I giallocelesti di Di Donato sul campo della capolista Adriese si portano sul doppio vantaggio con Fracaro e Pllumbaj, ma vengono poi ripresi su calcio d’angolo dalla rete di Busetto ad una ventina di minuti del termine e calcio di dal rigore nel recupero di Aliù. Giallocelesti in nove per la doppia espulsione dei centrali Ferri e Bigolin. Domenica prossima si torna al “Dal Molin” col Levico Terme

ADRIESE – ARZIGNANO VALCHIAMPO 2-2 (pt 0-1)

ADRIESE: Milan (Kerezovic), Anostini (De Costanzo), Boldrin, Scarparo, Pagan (Santi), Meneghello, Boreggio (Nicoloso), Delcarro (Busetto), Aliù, Marangon, Buratto. All. Florindo.

ARZIGNANO VALCHIAMPO: Tosi; Spaltro, Ferri, Bigolin, Vanzan; Hoxha (Burato), Maldonado, Forte (Parasecoli); Pllumbaj (Munaretto), Odogwu, Fracaro. All. Di Donato. A disposizione: Forte, Maronilli, Panzani, Antoniazzi, Serroukh, Valenti

ARBITRO: Eugenio Scarpa di Collegno. ASSISTENTI: Galimberti di Seregno e Agostino di Sesto Sa Giovanni

Reti. Pt 39’ Fracaro (AR). St 9’ Pllumbaj (AR), 26’ Busetto (AD), 46’ Aliù su rig (AD)

ESPULSI: Ferri, Bigolin e Santi. AMMONITI: Delcarro, Ferri, Spaltro, Scarparo, Aliù, Fracaro, Maldonado. ANGOLI: 2-7 per l’Arzignano

Nicola Ciatti Ufficio Comunicazione ASD Arzignano Valchiampo

ARZIGNANO (VI) – Sembra di riavvolgere il nastro e tornare alla seconda giornata di andata, quando al “Dal Molin” si affrontarono Arzignano Valchiampo e Adriese. Ospiti in doppio vantaggio, recupero dei padroni di casa fino all’agognato pareggio. Beh, stavolta il copione è stato lo stesso, almeno nella sequenza delle reti e nel risultato finale. Finisce dunque ancora una volta 2-2 lo scontro diretto tra l’Adriese capolista ed e i giallocelesti di Di Donato, cui solo un beffardo rigore nel finale ha impedito di portare a casa quella che sarebbe stata una vittoria a detta di tutti meritatissima e soprattutto importantissima ai fini della classifica e del morale, al termine della migliore prestazione stagionale proprio sul campo della prima della classe.

CRONACA – Nel primo tempo l’Arzignano è ben messo in campo e mantiene il pallino del gioco. Chance per Pllumbaj al 3’, per Fracaro al 6’ e ancora per Fracaro al 9’ su assist di Pllumbaj. Al 17’ e al 22’ ci prova Odogwu, che non riesce ad sfruttare una situazione di superiorità numerica. Al 24’ e 25’ tentativi di Forte e Odogwu. L’Arzignano preme sul pedale dell’acceleratore fino al 39’ quando Fracaro trova il gol che sblocca il risultato su perfetto invito di Odogwu. In precedenza era già stata annullata una rete a Pllumbaj. Al 40′ risposta dell’Adriese con Marangon, alto di poco, ma prima dell’intervallo è ancora un positivo Pllumbaj al 45’ ad avere una buona occasione, ma il portiere devia in corner.

Fracaro

Si va alla ripresa, e ai giallocelesti partono di nuovo forte con una chance per Fracaro al 2’ e per Spaltro al 8’. Al 9’ arriva invece il gol del raddoppio, stavolta con Pllumbaj, ancora su perfetto assist di Odogwu. Al 14’ doppia espulsione per reciproche scorrettezze: fuori Ferri da una parte e Santi dall’altra. L’Adriese non ci sta, e al 26’ dimezza le distanze con la rete di Busetto sugli sviluppi di un calcio d’angolo gestito non proprio egregiamente dai giallocelesti. Ci credono i padroni di casa, che spinti dal numeroso pubblico si gettano a caccia del pareggio, sfiorandolo al 28’ con la traversa che salva Tosi, e purtroppo trovandolo in extremis al 46’ col calcio di rigore messo a segno da Aliù e che ha provocato l’espulsione anche di Bigolin. Arzignano che dunque finisce la partita in nove giocatori, ma sfiora il colpaccio al 48’, col colpo di testa di Odogwu che, da calcio d’angolo, finisce clamorosamente a lato.

TESTA AL LEVICO – Inevitabile che rimanga amaro in bocca per quella che fino al 46’ della ripresa sembrava una vittoria meritatissima, non arrivata solo per le uniche due piccole disattenzioni giallocelesti della partita. Ma adesso il gruppo deve rimettersi a lavorare sodo, perché il calendario non consente distrazioni, e domenica al “Dal Molin” arriva un rigenerato Levico Terme!

 

Sull'Autore

Federico Formisano