Prima Categoria

Fra Monteviale e Montebello l’unico assente è il gol !

Scritto da Antonio Martinello

Monteviale – Montebello 0-0

MONTEVIALE: Erba F., Busuioc, Zenere (dal 83’ Penzo), Menegon, Cantarello, Perucca, Shkemby, Erba M., Belloni, Cisco (dal 53’ Porcellato), Maiova. Allenatore: Lazzaron

MONTEBELLO: Priante, Dal Lago, Lissandrini, Confente, Meneghetti, Vidoni, Dall’Omo, Rebbass (dal 75’ Vujicic), Zanchi, Plamadeala, Onyejiaka (dal 77’ Portinari) . Allenatore: Bognin

Ammoniti:Zenere, Perucca, (MV) Lissandrini, Vidoni, Rossin ammonito in panchina (MB)

Arbitro: Scomazzon di Bassano

Servizio e foto di Antonio Martinello

L’unico assente nel match clou della 19a giornata del girone C di prima categoria è stato il gol. La gara è stata giocata senza risparmio dagli attori in campo, con un gioco piacevole e a tratti anche molto veloce che ha portato i punteros delle due squadre a sfiorare il gol. Il primo tempo gli uomini di mister Bognin, parecchio nervoso in panchina, hanno senz’altro costruito di più nella linea mediana del campo, creando un paio di ghiotte occasioni al cospetto del portiere Erba, non concretizzate. Il finale di tempo ha visto il risveglio del Monteviale con un palo colpito su deviazione del portiere.

Inizia la gara con due calci di punizione da fuori area per il Monteviale che si infrangono contro la barriera dei biancorossi ospiti, a questo punto il centrocampo del Montebello comincia a lavorare con sagacia la palla e a farla girare con velocità alla ricerca di trovare il pertugio giusto per le punte. Al 10’ il primo squillo in attacco con un tiro dai 16 metri che il portiere Erba addomestica con bravura. Questo è il momento migliore degli ospiti con un’altra occasione al 20’, cross al centro dal fondo sinistro di Plamedeala con colpo di testa a colpo sicuro di Rebbass che ancora il numero 1 di casa para con sicurezza. Ancora al 30’ il numero 10 ospite inventa una conclusione dai venti metri che accarezza l’incrocio dei pali alla sinistra del portiere, la palla si perde sul fondo con la delusione del colorito gruppo di tifosi del Montebello. Questa conclusione sarà l’ultima vera occasione per la squadra ospite, da questo momento gli uomini di mister Lazzaron trovano più continuità nelle proprie azioni e cominciano a trovare più spazi in avanti per gli inserimenti delle due punte Maiova e Belloni accompagnate dal fatto che il pressing asfissiante degli avanti ospiti è meno efficace. Al 39’ un buon servizio per Belloni permette alla punta locale di girare un buon tiro verso la porta di Priante, la palla deviata sul tiro prende una traiettoria a girare e il portiere nel tentativo di bloccarla, gli sfugge e viene salvato dal palo. La palla rotola in calcio d’angolo.   In questo pomeriggio molto freddo il riposo e il conseguente thè caldo sono molto graditi dalle due squadre per riprendere fiato ma soprattutto per riordinare le idee e cercare di superare l’avversario.

Il riposo senz’altro ha portato maggiore giovamento alla squadra di casa che nella seconda frazione ha costruito ben di più del Montebello, scheggiando per ben due volte i pali della porta di Priante, e fallendo un rigore in movimento, bravo il portiere a deviare il tiro.

Mister Lazzaron al 53’ sostituisce Cisco con Porcellato, nel tentativo di dare maggiore spinta sulla fascia spostando più avanti Menegon. Il Montebello soffre questa variante tattica, aumentano infatti i palloni riversati dalle fasce verso l’area e proprio su un cross dalla sinistra Erba Marco, al 55’ del secondo tempo, a centro area colpisce di testa schiacciando la palla verso terra in direzione dell’angolo alla sinistra del portiere. Il pallone nel rimbalzo trova il palo a negare al centrocampista locale la gioia del gol. Passano pochi minuti e Menegon trova il cross giusto sempre per la testa ancora di Erba, ma proprio oggi non è giornata perché la palla ancora una volta scheggia il palo questa volta alla destra della porta ospite. La gara è molto intensa, i locali infittiscono le loro giocate e al 73’ Belloni all’altezza del dischetto di rigore ha la palla per il meritato vantaggio. Il suo tiro di piatto destro praticamente a colpo sicuro trova ancora Priante che si guadagna il titolo di migliore dei suoi e da terra con il piede riesce ad arrivare sul pallone e deviarlo dove gli avanti di casa non riescono a ribadire in porta.

Mister Bognin corre al riparo immettendo prima Vujcic e poi Portinari, nel tentativo di operare il pressing sui portatori di palla come era riuscito nel primo tempo. Lo sforzo operato dai giallo/rossi di casa non sortisce effetto e il Montebello con molto mestiere riesce a mantenere la propria imbattibilità nelle gare esterne. I minuti di recupero alla fine saranno tre ma il Gol rimane per le due squadre in campo uno sconosciuto.

Con questa gara per il Monteviale si conclude il ciclo terribile, infatti nel mese di gennaio, dalla ripresa del campionato, questo è il quarto pareggio in altrettante gare, avendo affrontato in sequenza le prime quattro squadre della graduatoria, Le Torri, Malo, Marola e Montebello, mentre la divisione della posta per il  Montebello ha permesso il riavvicinamento del Marola a tre punti, per carità, distanza di sicurezza, ma che non permette di compiere eventuali passi falsi nel proseguo del campionato.

 

 

 

 

 

Sull'Autore

Antonio Martinello