Terza Categoria

Grantorto avanti in Coppa, due rigori eliminano il Quinto

Scritto da Federico Formisano

Quinto – Grantorto 1-2

Quinto: Spadina, Bevilacqua, Garbugio, Cristofori, Franzon, Carraro,. Lizardo (Zordan dal 80’), Munaretto, Zebele, Vedolin (Bergamini dal 75’), Marangoni; A disposizione Ambrosi, Giaretta, Tardivo, Pellizzer, Stella; allenatore Cristofori.

Grantorto: Zenere, Miazzo, Toniolo, Peruzzo, Gobbato, Bordignon, Zancan (Ruffato dal 61’), Pezzoli, Kasmi (Farinea dal 67’) ; Baggio, Akhber  A disposizione: Gallio, Mezzalira, Gazzetto, Peruzzo, Leonardi

Si gioca sul campo di San Lazzaro che è omologato per le gare in notturna.

Gara importante soprattutto per il Quinto che sulla Coppa concentra il massimo degli sforzi visto che come squadra B non partecipa alla classifica.  Il Grantorto oltre che sulla Coppa è concentrato anche sul campionato dove attualmente è al comando con gli stessi punti del Pozzetto.

Riprenderemo nei prossimi giorni questa particolare situazione che vede il Quinto puntare comunque ad un trofeo importante e prestigioso ma non potendo confidare come le altre squadre sulla potenziale promozione di categoria.

Mister Giacomoni è squalificato ed in panchina va il suo vice Cristofori. Per sopperire a qualche assenza arrivano dalla prima squadra gli attaccanti Lizardo e Zebele che con Marangoni formano un tridente piuttosto veloce ed incisivo. Abitualmente utilizzato in prima squadra è anche il difensore Franzon.  Il Grantorto non dispone di Gallinaro e in avanti agiscono Baggio con Kasmi.

La gara è equilibrata con il Grantorto che poggia quasi tutto il suo gioco su un giocatore tecnico e abile nel palleggio come Baggio poco sostenuto, però, dai compagni di reparto.

Al 30’ il primo break  della gara è del Grantorto che arriva in area di rigore dove Cristofori colpisce evidentemente di mano provocando un penalty che Baggio trasforma.

Rigore di Baggio

Il Quinto reagisce e al 45’ arriva un rigore anche per i biancorossi per fallo su Marangoni: si incarica della trasformazione Zebele che spiazza il portiere Zenere.

La gara è tesa per la posta in palio e come derby visto la relativa distanza esistente fra i due campanili: dalle panchine non se le mandano a dire e l’arbitro distribuisce cartellini a piene mani. Il Grantorto ha l’ultima palla del tempo con una punizione ben calciata da Akhber con Spadina che respinge a terra e Zancan manda alto da buona posizione.

Nel secondo tempo la gara viene decisa dal terzo rigore della serata trasformato ancora da Baggio.

Toccherà dunque al Grantorto proseguire nel cammino in Coppa mentre il Quinto deve arrendersi ed iniziare a pensare al prossimo anno.

Sull'Autore

Federico Formisano