Prima Categoria

Azzurra vola con Maita e Pastore. Play off più vicini

Scritto da Federico Formisano

AZZURRA SANDRIGO – BESSICA 3-0

AZZURRA: Vicentini, Vitacchio, Miotti, Nouhou (st. 35’ Bigarella), Caretta, Sasso (st. 27’ Bomben), Burti, Gheno, Pastore, Maita (st. 38’ Benetti), Scanavin (st. 26’ Ghirardello). All. Nicolé.

BESSICA: Tiatto, Lorenzato, Petrut (st, 34’ Farina), Melato, Miotto, Santinon (st. 24’ Marchetti), Lanzieri (st. 1’ Battaglia), Loro, Fietta (st. 22’ Frison), Fabbian, Baggio. All. Cusinato.

ARBITRO: Venturato Andrea di Bassano del Grappa.

NOTE: calci d’angolo: 2-5 (0-3), ammoniti: Santinon. Spett. 200 circa.

Testo e foto di Delfino Sartori

Con una splendida tripletta l’Azzurra Sandrigo ha la meglio su un eccellente Bessica e si istalla in modo autorevole al secondo posto in classifica alle spalle dell’inavvicinabile Bassano.  Il modulo messo in campo da Nicole (3-4-3) è in assoluto il migliore perché non avendo un regista di ruolo tutto passa da lanci lunghi della difesa e centrocampo per i veloci Scanavin-Maita-Pastore in grado di mettere in seria difficoltà, quando sono al top, qualsiasi avversario. Oltretutto l’Azzurra con i due passi falsi fatti in casa in precedenza voleva riconciliarsi con il solito numeroso pubblico che assiste alle gare al Comunale. E con la doppietta odierna Maita mette a referto il gol numero 23, ossia poco meno di un gol a partita.

Il Bessica, sull’altra sponda veniva da un successo, dopo due sconfitte come l’Azzurra, e con questo stop ripiomba senza mezzi termini in 12° piazza, ossia nella zona play out.

E veniamo alla gara. Buon inizio della formazione trevigiana che al 2’  vede Lanzieri calciare di un soffio fuori e all’8’ è la volta di Fietta che fallisce un rigore in movimento calciando altissimo.

Entra, allora, in scena Maita veloce a leggere la partita sui lanci dei compagni e, dopo aver tirato di poco al lato, al 26’ su lancio di Scanavin si destreggia bene con l’avversario diretto Lorenzato e fa partire un tiro a rientrare che colpisce il palo interno e finisce in rete con Tiatto a cui non rimane che guardare la prodezza.

Sempre Maita al 31’ si guadagna un rigore dopo essere stato falciato in piena area e dal dischetto non fallisce.

L’ Azzurra sembra controllare la partita e al 36’ Burti lancia Scanavin che fa partire un micidiale diagonale che scheggia il palo.

Il tempo si chiude con Vicentini che esce a valanga su Fietta mettendo in angolo.

La ripresa vede il Bessica in avanti per cercare di rimettere in sesto la partita e al 3’ Vicentini è bravo ad agguantare un tiro da distanza ravvicinata di Baggio. Risponde Gheno al 17’ con bel tiro su punizione e si  arriva al 25’ con il terzo gol degli azzurri, oggi in casacca gialla. Vitacchio passa palla a Pastore che va in serpentina superando come birilli tre avversari per, poi, in diagonale mettere in rete. Gol stupendo.

Da qui alla fine non succede più nulla di interessante anche se è da segnalare alcune buone iniziative di Frison che però trova scarsa collaborazione dai compagni.

Sull'Autore

Federico Formisano