Edicola EVIDENZA

L’edicola del Giovedì: le imprese di Caldiero e Solagna

Scritto da Federico Formisano

Ieri pubblicati su Calciovicentino.it :

http://www.calciovicentino.it/2019/04/03/ledicola-del-mercoledi-allenatori-gia-le-prime-conferme/ L’edicola del mercoledì: arrivano le prime conferme sulle panchine vicentine, il programma del mercoledì, la domanda del giorno, e la possibile clamorosa fusione fra Treviso e Pordenone.

http://www.calciovicentino.it/2019/04/03/terza-categoria-tra-promosse-e-quasi-promosse/  Il punto sulla terza Categoria di Stefano Campana.

http://www.calciovicentino.it/2019/04/02/roberto-baggio-a-25-anni-da-quel-maledetto-rigore-la-leggenda-continua/ Continuiamo a guardare con nostalgia alle imprese del nostro Vicenza con questo contributo esterno di grande intensità e ricco di emozioni

http://www.calciovicentino.it/2019/04/03/dodici-giornate-di-squalifica-a-due-giocatori-tutti-i-provvedimenti-dei-giudici-sportivi/   i provvedimenti dei giudici sportivi regionale e vicentino con alcune maxi squalifiche.

A

Almanacco:  Ringraziamo le società che hanno inviato foto e materiale per l’Almanacco. Manca ancora l’ultimo sforzo e poi saremo pronti all’uscita.

Altavilla: Posticipo: Altavilla San Lazzaro è stata posticipata a martedì 9 aprile al campo parrocchiale di Altavilla alle ore 20.30.

Arzignano Valchiampo torna a viaggiare: si va sul campo del Cjarlins.  Nove vittorie nelle ultime dieci gare per i giallocelesti vicentini, che a cinque giornate dalla fine del campionato sono primi con tre punti di vantaggio sulla seconda. Al “Della Rocca” di Carlino si gioca alle 15.00: out Fracaro, recuperato Forte Cinque giornate mancano al 05 maggio, giorno in cui terminerà la regular season del Campionato di Serie D. L’Arzignano Valchiampo ci arriva in testa alla classifica, con tre punti di vantaggio sull’Adriese e quattro sull’Union Feltre. La possibilità di essere artefice del proprio futuro, e al tempo stesso la responsabilità di mantenere il primato guadagnato con tanti sacrifici durante tutto l’arco dell’anno. I giallocelesti sono reduci da 9 vittorie nelle ultime 10 partite, e 14 risultati utili nelle ultime 15 partite: un percorso che li ha portati, numeri alla mano, ad essere di gran lunga la migliore squadra del girone di ritorno. Alla fine mancano cinque gare come detto: tre trasferte di fuoco sui campi di Cjarlins Muzane, Delta Porto Tolle e Chions, e due gare in casa contro Virtus Bolzano ed Este. Cinque partite dal coefficiente di difficoltà molto alto, ma la squadra ci arriva nel migliore dei modi, con una condizione psicofisica invidiabile. Il primo step di questo mini torneo che decreterà la vincente del campionato porterà i vicentini in Friuli, sul campo del Cjarlins Muzane domenica pomeriggio alle 15.00. Il Cjarlins occupa attualmente la nona posizione della classifica in solitaria, con 37 punti in 29 giornate, frutto di 9 vittorie, 10 pareggi e 10 sconfitte. Davanti al proprio pubblico la squadra friulana è particolarmente temibile, avendo raccolto 6 vittorie, 4 pareggi e 4 sconfitte. Il momento attuale parla di un pari esterno a Chioggia, un successo interno col Levico, e un ko sul campo dell’Adriese. Nella gara di andata l’Arzignano conquistò una vittoria molto sofferta per 2-1: doppio vantaggio nel primo tempo con Odogwu e Valenti, friulani che dimezzano lo svantaggio nella ripresa col rigore di Kabine.  Domani l’intervista a Mister Di Donato Ufficio Comunicazione ASD Arzignano Valchiampo

Forte recuperato

C

Caldiero: il Caldiero s’impone sulla Bagnolese per 3-1 con reti di Zerbato, Zanetti e Brunazzi e momentaneo pareggio di Zampino.  Fra i termali veronesi anche il portiere vicentino Stefano Fortunato, l’ex castellano Peotta subentrato nel secondo tempo e l’ex valdagnese Mezzina, rimasto in panchina.  La gara di ritorno si giocherà mercoledì 10 a Bagnolo in Piano con il Caldiero favorito al passaggio del turno e all’approdo in finale dove potrebbe trovare il Casarano che ieri ha vinto fuori casa con il Team Nuova Florida. Il Casarano ha già vinto il campionato e quindi la finale darebbe la quasi certezza del passaggio in serie D del Caldiero.

Cartigliano: Ecco l’intervista a Di Gennaro da Facebook /Cartigliano https://www.facebook.com/asdcartiglianocalcio/videos/651132101979186/

Coppa Bassano: Il  Solagna stravince con il  Campolongo  

Allo stadio Mercante di Bassano davanti a 600 spettatori, il Solagna ha sotterrato di gol il Campolongo vincendo per 7-0  In gol Ferrarese, Scapin, Bianchin, Bertoncello, Zonta, Cavalli e Zampieri. Queste le formazioni:

Solagna: Brotto, Scapin, Piotto (Dalla Costa dal 87’), Bordignon, Saretta (Vigo Luca dal 85’), Zonta, Cavalli (Gafty dal 72’), Bertoncello (Todesco Paolo dal 77’), Zampieri, Bianchin, Ferrarese (Ferracin dal 68’). All. Jozic.

Campolongo: Dall’Agnol Nicola, Mocellin Andrea, Rossetto (Mocellin Filippo dal 78’), Piatto (Vigo Alberto dal 56’), Vialetto, Dall’Agnol Matteo, Dissegna (Dall’Agnol Davide dal 51’), Sarr, Bizzotto (Todesco Enrico  dal 49’), Bonato, Schirato (Todesco Luca dal 71’). All. Tolfo.

Arbitro: De Martino di Bassano

Grazie a questo successo il Solagna entrerà ai primi posti della graduatoria dei ripescaggi con molte possibilità di passare in seconda categoria.

La festa del Solagna (dal Giornale di Vicenza)

Coppa Vicenza

La Finale della 6^ Coppa Provincia di Vicenza di 3^ Categoria:  – 5° Memorial “ G. Anni” si disputerà: Giovedì 11 Aprile 2019  alle ore 20:30 allo  Stadio Comunale di Caldogno (VI) tra Polisportiva Pedezzi –Union Olmo Creazzo

 

D

punto di domanda 186x300Domanda del giorno:  Se due o tre squadre arrivano a pari merito al primo posto della classifica come si determina la squadra che retrocede?  Se le squadre sul primo gradino della classifica sono due si va allo spareggio. Per determinare una promozione o una retrocessione, infatti, lo spareggio rimane sempre e comunque, mentre per stabilire chi va ai play-off o ai play-out si opera con la classifica avulsa. E la classifica avulsa (limitata agli scontri diretti fra le squadre interessate) opera anche nel caso che siano tre le squadre appaiate al primo posto: la formazione che ha il peggior punteggio va ai play-off e le due che hanno la miglior classifica avulsa vanno allo spareggio: chi vince viene promosso alla categoria superiore, chiperde va ai play-off.

F

Fano – Fermana:  Il Fano vince 2-0 con la Fermana e si rilancia nella lotta per la salvezza raggiungendo il Rimini a quota 33. In lotta per evitare l’ultimo posto che comporta la retrocessione in D anche il Giana Erminio e il Renate con 34 punti.  La Fermana rimane all’ottavo posto, davanti al Vicenza con 45 punti, 3 più dei biancorossi.

G

Giudice sportivo delegazione di Padova: squalifiche  Dopo aver pubblicato i provvedimenti assunti dal Gs Regionale e da quello vicentino eccoci alle squalifiche del Gs di Padova per quanto riguarda i gironi di seconda e terza categoria con formazioni vicentine;

Seconda Categoria (M) Due giornate: Tapparo Gianmaria (Spes Poiana); Una giornata Pavan Marco (Amatori Ponso) Boscato Riccardo e Lazzarin Jacopo (Arre Bagnoli Candiana Abc) Montorio Nicola (Merlara) Carcangiu Gabriele e Drago Emanuele (O.D.M. San Pietro) Boron Mattia  e Sabil Allal (Santelenese) Scalzotto Marco (Spes Poiana) Negrini Matteo (Citta del Castello)  Vendramin Nicola (Pernumia)

Terza Categoria Padova: Tre giornate: Micciche Gaetano e  Verdi Filippo (Fc Vicenza)Preciso Nicolas (Real Tremignon); Una giornata:  Nogara Marco (Fc Vicenza) Carraro Francesco e Garbugio Leonardo (Quinto Vicentino) Tonello Luca (Atleticolissaro88) Akhber Abdelali (Calcio Gazzo) Calderaro Cristiano (Comitense) Ferretti Gabriele (Real Tremignon)

giudice

O

Obbligo della contemporaneità  Al fine di garantire la regolarità dei singoli Campionati, il Comitato Regionale Veneto dispone che nelle ultime DUE giornate tutte le gare aventi interessi di classifica in funzione della promozione diretta alle categorie superiori, della retrocessione diretta alle categorie inferiori, nonchè dell’ammissione alle eventuali gare di play/off e play/out, si disputino in contemporaneità di data e di orario.

S

San Pietro Rosà: l’intervista a Domenico Bertoncello. Quest’anno è un ritorno a casa dopo anni passati dove hai giocato lontano ed in categorie superiori. Quali sono state le motivazioni che ti hanno convinto a cominciare la tua carriera da preparatore dei portieri qui ?
Si! un ritorno a “casa”, dove ho iniziato a coltivare la mia passione per il calcio e successivamente ho avuto la fortuna di poterle sviluppare in altre categorie. La motivazione più grande è stata la voglia di mettere a disposizione di giovani ragazzi la mia esperienza per inseguire un sogno !  Il campionato ha dimostrato che il San Pietro possiede due portieri che si giocano alla pari il ruolo da titolare e che molte squadre ci invidiano, come li hai trovati ad inizio anno e come li vedi ora ? Che rapporto pensi di aver costruito con loro due ? San Pietro ha due portieri con la “P” maiuscola, forse dovuto al fatto che vengono allenati allo stesso modo e con gli stessi tempi. All’inizio del campionato li ho trovati con poco metodo, fisicamente giù e in difficoltà lavorativa….ora, mi trovo due portieri “quasi Top” con una metodologia professionale. Con loro, in campo il rapporto è professionale mentre fuori dal campo si ride e si scherza  Ad inizio anno pensavi che la squadra potesse ritrovarsi a questo punto del campionato in questa posizione ? Dalla tua esperienza da giocatore, secondo te, cosa è mancato alla squadra per giocarsi il titolo con l’Eurocalcio ?
All’inizio di ogni singolo campionato prevedere il risultato finale è difficile, infatti, io penso che nel calcio crearsi un “finale “sia un’ utopia. Beh, ero molto fiducioso e positivo, ma non pensavo potessimo raggiungere questo risultato.  Alla squadra, per il titolo, è mancata un po’ di malizia calcistica e un po’ di fame agonistica. Questo ci deve far riflettere, sia come gruppo, sia come singoli e da qui continuare con la prospettiva di tre finali che ci porteranno a quella meta tanto ambita, per la quale ci stiamo allenando solidamente da un anno. Forza pantere, ora bisogna solo osare ! (Da Facebook San Pietro)

Bertoncello quando giocava a Sandrigo

E adesso con la tuta del San Pietro

Serie D Squalificati: Due giornate: Fabbian (Montebelluna), Sanseverino (Trento). Una giornata Pagan (Adriese), Masoch (Belluno), De Cecco (Chions), Tonizzo (Cjarlins Muzane), Erman e Nappello (Clodiense), Meucci e Tarantino (Delta Porto Tolle), Althuber, Bacher, Brugger, Schwingshackl e Zulic (St. Georgen), Crivaro (Union Feltre), Kaptina (Virtus Bolzano).

  

V

Vicenza: Solo Zarpellon si allena a parte. Gli altri giocatori sono tutti a disposizione. Più che probabile l’utilizzo di Guerra, dopo la squalifica e soprattutto dopo che la sua assenza si è avvertita.

 

Recapiti del sito

info@calciovicentino.it

Telefono (anche Whatsapp) 348 6612523  335 7150047

Facebook / calcio vicentino

Sull'Autore

Federico Formisano