Terza Categoria

Vicenza Fc ne prende (solo…) 7 giocando in 8 contro 11

Scritto da Federico Formisano

Vicenza Fc- Real Rampazzo 1-7

Vicenza Fc:  Quagliozzi, Zecchinato, Campana, Zimello, Consoli, Toffanin, Friselli, Sigismondi.  Allenatore assente

Mario Quagliozzi (foto di Federico Formisano) si è improvvisato portiere a 54 anni.

Real Rampazzo: Constantin, Sarr, Garbugio, Fracca, Bagnara, Fattori, Sudiro, Munaretto, Furegon, Mazzarella, Brogliato (Kane dal 60′).  A disposizione: Bodinetti, Pavin, Rigoni, Padovan, Canton, Bevilacqua, Ferrari,  Zordan,  Allenatore  Tonin Mario

Arbitro Alexander Docan Vicenza

Servizio e foto di Federico Formisano

Prendi 4 giocatori superstiti di una squadra di 20 (Campana, Consoli, Toffanin e Friselli, gli altri o sono infortunati o si sono squagliati dopo aver visto la malparata) , aggiungici il  direttore sportivo Quagliozzi, che si improvvisa portiere (a 54 anni e  senza aver mai giocato nel ruolo ), un responsabile del settore giovanile, Zecchinato che si piazza in difesa a 48 anni e senza praticamente allenamento, un altro giocatore tesserato all’ultimo momento, Zimello,  e il figlio del direttore sportivo del Valdagno, Michele Sigismondi (uno che almeno a calcio ci ha giocato fino a qualche anno fa) e mandali in campo a fare una figuraccia solo per garantirti di non perdere a tavolino.   Considerate, poi,  che in panchina ci sono solo  l’allenatore Zanini, oltre al portiere infortunato Riccardo Gianesini, come dirigente addetto all’arbitro, e il dirigente Caniglia.

Alla fine una simile armata brancaleone, per la quale si deve comunque avere un rispetto infinito, rivolto ovviamente ai giocatori o ai pseudo tali, visto che comunque e almeno si presentano, ne prende solo 7, riuscendo a chiudere il primo tempo con un parziale “normale” di 3-1

La sensazione che hanno provato in molti è quella che il Rampazzo si sia trovato nel classico stato d’animo di chi comunque non vuole infierire. Ha fatto la sua gara senza accellerare mai i ritmi. Ma a forza di non giocare con la giusta carica agonistica ha finito con il faticare a trovare la misura dei passaggi e la continuità del gioco.

Per la cronaca al 11′ ha segnato il capitano Munaretto. Poi l’attaccante Brogliato ha realizzato quattro reti a cavallo del primo e del secondo tempo (16′, 44′,  49′ e 51′) inframezzati dal gol della bandiera ( e mai il termine fu più idoneo)  di Friselli, un ragazzo di 17 anni che ha giocato assieme con uno più vecchio di lui di 37 anni!   Infine al 40′ ha segnato Ibrahim Kane e al 45′  ha chiuso Mazzarella.

Ci sarebbero molte cose da dire e da scrivere su una gara così, ma è difficile anche solo affrontare l’argomento: rimane la sensazione di una presa in giro fatta agli avversari, all’arbitro che è  venuto a dirigere una gara e si è trovato ad una sagra, a chi aveva creduto nella programmazione seria di un’attività sportiva e si è trovato coinvolto in un disastro.

In settimana qualcuno dovrà intervenire per salvare il salvabile: il nostro consiglio è che visto che mancano 23 partite alla fine del torneo sarebbe il caso di ritirare la squadra del campionato.

Sull'Autore

Federico Formisano