Prima Categoria

L’equilibrio dura un ora.. poi con il Cassola, dilaga il Carmenta

Scritto da Federico Formisano

CARMENTA – CASSOLA 3-0

CARMENTA: Guglielmin, Bianchi, Cenzon (21’ st Bahria), Camara A. (30’ st Guzzi), Securo, Tessarollo, Scanagatta (25’ st Floriani), Dalle Tezze (18’ st Hamraoui), Camara D., Peruzzi, Moretto (43’ st Bevilacqua). All. Vezzaro

CASSOLA: Andriollo, Mascotto (38’ st Osmani), Orsato, Farronato, Tellatin, Pomposo, Padovan (43’ st Righetto), Gazzola (18’ st Pasquetti), Baggio (38’ st Mardegan), Zuech (16’ st Furlan), Pavan. All. Liviero

Arbitro: Bassetto di Treviso

Reti. St 17’ e 50’ Camara D., 20’ Moretto

Note. Ammoniti Floriani (CAR), Mascotto, Farronato, Zuech (CAS). Corner 6-5; rec. st 5’.

CARMIGNANO DI BRENTA

Servizio e foto di Roberto Pivato

Per un’ora di gioco l’equilibrio è stato pressoché perfetto tra Carmenta e Cassola, con entrambe le squadre incapaci di trovare la via del gol malgrado alcune ottime occasioni. Poi nel giro di tre minuti i rossoblù di casa hanno chiuso la pratica, mettendo in cascina il terzo successo nelle ultime tre uscite: nove punti che consentono alla truppa di Vezzaro di affacciarsi ai piani alti della graduatoria. Il secondo ko di fila, invece, mantiene gli uomini di Liviero in piena zona retrocessione e li punisce con un punteggio fin troppo severo per quanto visto sul zuppo terreno di Carmignano.

Avvio incandescente: pasticcio della retroguardia locale, Pavan serve un pallone d’oro a Baggio in piena area, destro immediato e decisivo salvataggio in tuffo di Guglielmin. Sono trascorsi 36 secondi dal fischio d’inizio.

La risposta padovana al 16’: Dalle Tezze appoggia a Camara A., destro dal limite e volo plastico di Andriollo a sventare in corner. Un minuto più tardi la difesa del Carmenta si fa sorprendere da un lungo rinvio; Guglielmin si veste da libero e chiude in tackle tanto su Baggio quanto su Pavan. Ancora il portiere di casa protagonista al minuto 19: prima sbaglia il rinvio, poi rimedia opponendosi al tentativo del solito Baggio.

Superato lo sbandamento l’undici di Vezzaro chiude il tempo in attacco. Al 26’ Scanagatta si gira in area, ma il suo sinistro viene sporcato ed è facile preda di Andriollo. Al 35’ Camara D. mette in movimento Moretto; destro in corsa ad incrociare, respinta dell’estremo avversario; riprende Scanagatta che calcia a lato.

Al rientro in campo i 22 sono gli stessi della prima frazione; immutato anche il meteo inclemente: vento, pioggia e freddo. Prima chance per il Cassola: Zuech crossa dalla destra, sul secondo palo Gazzola è liberissimo e calcia a botta sicura; si immola Dalle Tezze e Guglielmin è di nuovo salvo (3’). Il break al 17’: Scanagatta guadagna il fondo sulla sinistra, cross basso e Camara D. di piatto destro infila felinamente Andriollo sul primo palo. Tre minuti ed è 2-0: Moretto va via in velocità e si presenta a tu per tu col portiere: destro nell’angolino lontano e ospiti al tappeto.

L’unico brivido i padroni di casa lo patiscono al 40’: Orsato lascia partire un mancino violentissimo dai 20 metri; Guglielmin è elegante ed efficace nel deviare in corner. Nell’ultimo dei cinque minuti di recupero Camara D. rimpolpa il punteggio, insaccando comodamente da due passi dopo che Bahria in scivolata aveva tenuto vivo un pallone che pareva perso.

 

Sull'Autore

Federico Formisano