Prima Categoria

Il Real San Zeno osa e batte l’Illasi

Scritto da Federico Formisano

Real San Zeno Arzignano- Illasi 1-0

Real San Zeno Arzignano: Dalla Gassa, Peron, Magnabosco, Donadello, Mantovan, Castegnaro, Faccin (Ferraro dal 70’), Zoccante, Onyajiaka (Bergozza dal 75’), Belluzzi ( Groppo dal 65’), Vallarsa. Allenatore Cappellini.

Illasi: Pedrelli, Corso, Derna, Bartolomioli (47′ st Lapolla), Aldeghieri D., Perlati, Frediani (8′ st Aldegheri Al.), Vallisari (25′ st Rodeghero), Rizzin, Soave, Peron. Allenatore Cordioli.

Arbitro. Marconato di Schio.

Il Real San Zeno torna al successo con una prestazione solida e convincente.

Cappellini mette in campo una squadra tecnica e offensiva e viene premiato con il secondo successo della sua gestione. L’illasi non demerita ma oggi i biancorossi hanno espresso più voglia di vincere.

La partita è comunque molto equilibrata, e Dimitri Soave là davanti è una bella gatta da pelare per Castegnaro e Mantovani. Gli arzignanesi la sbloccano alla mezz’ora: Donadello ricama per Faccin, il trequartista con un sinistro morbido mette Vallarsa in condizioni di battere a rete, e l’11 non si fa pregare e fulmina il portiere ospite con un destro radente. Sarà il gol che decide la partita.

Vallarsa autore del gol

Nella ripresa l’Illasi spinge alla ricerca del pareggio, ma, soprattutto a causa dell’imprecisione dei suoi avanti, non riesce mai ad impensierire seriamente Dalla Gassa.

A venti dalla fine Onyejiaka, autore di una buona prova, cede il posto al rientrante capitan Bergozza. Proprio dai piedi del numero 20 nasce la palla gol più nitida della ripresa, quando al minuto 75, sugli sviluppi di un corner mette palla a centro area per Mantovani, che a porta vuota sbuccia la sfera del 2-0. Ciò nulla toglie alla buona prova del centrale difensivo che quest’anno si sta dimostrando un pilastro dei biancorossi.

Importante il recupero di Bergozza

Con questa vittoria il San Zeno esce dalla zona play-out e mette un tassello importante per il proseguo del suo campionato.

 

Sull'Autore

Federico Formisano