Prima Categoria

Real San Zeno mette sotto anche la capolista

Scritto da Federico Formisano

Pro Sambo – Real San Zeno 1-2

Pro San Bonifacio: Altamura, Thiaw, Ciocca, Bersani, Portinari, Zanchi, Ivanov (Chiavegato dal 59’), Creati, Andriani, Cardone,Dall’Omo.Allenatore Bognin.

Real San Zeno Arzignano: Vignaga,  Peron, Magnabosco, Donadello( Dalla Bona dal ),Mantovani, Castegnaro, Faccin, Zoccante, Romellini (Bergozza dal 76’), Belluzzi (Groppo dal 65’), Vallarsa. All. Cappellini.

Arbitro.VitalediRovigo.

 

Il Real San Zeno si presenta al cospetto della capolista del girone B, la corazzata Pro Sambonifacio che viene da 10 risultati utili consecutivi, forte del successo maturato domenica scorsa contro la matricola Illasi e decisa a vendere cara la pelle.

Gli scaligeri hanno rivoluzionato il fronte offensivo nel mercato di dicembre, liberandosi di Scarabello e Beltramo e mettendo nel motore Ivanovic e Dall’Omo, fedelissimo di mister Bognin.

Dal canto suo il DS Bonati ha pensato soprattutto a sfoltire la rosa, con le partenze dei vari Mistè, Onyejiaka, Nori e Priante. Mister Cappellini non fa drammi e conferma la formazione dell’ultimo turno con le due eccezioni di Vignaga in porta in luogo dell’infortunato dell’ultim’ora Dalla Gassa e Romellini prima punta.

Pronti via e la Pro Sambo è già in vantaggio: corner generosamente concesso e perfetto terzo tempo sul primo palo di Portinari che infilza Vignaga con un siluro imprendibile. Davvero notevole lo stacco del difensore centrale rossoblù, già ex Valdalpone.

Sembra profilarsi una domenica di tutto riposo per la capolista ma i biancorossi non si danno per vinti e iniziano a macinare gioco con continuità. Al 20′ Belluzzi va in percussione sulla sinistra e guadagna un corner, l’arbitro non è dello stesso avviso e lascia proseguire e sul ribaltamento di fronte Cardone si trova a tu per tu con Vignaga ma spara alle stelle la seconda palla gol della sua partita. Se la Pro Sambo spreca, il Real è invece cinico: minuto 30, l’irruenza di Thiaw su Faccin provoca una punizione dalla fascia che Vallarsa spedisce tra le gambe di Altamura, carambola e palla in rete.

Vallarsa

Si va a riposo dopo altri 15 minuti confusi e spezzettati, con i due reparti di centrocampo a contendersi il dominio del gioco: Zanchi e Creati non riescono mai ad avere completamente la meglio sulla coppia Zoccante-Donadello che anzi escono da molti scontri a testa alta.

Nella ripresa la Pro passa ad un 4-4-2 accentrando Cardone come spalla di Andriani, il Real si abbassa ma si ha la netta impressione che una giocata in contropiede possa spaccare l’equilibrio.

Questa giocata il San Zeno la costruisce all’ora di gioco, con una splendida azione corale che manda in rete Belluzzi su cross del solito, ritrovato, Vallarsa: tra lo sconcerto generale il direttore di gara rodigino annulla per fuorigioco dubbio.

I cambi del San Zeno danno la svolta alla partita: Groppo è un motorino incontenibile e alla mezzora viene affossato in area sugli sviluppi di una punizione da sinistra. Dal dischetto si presenta Luca Faccin che trasforma per il 2-1 ospite.

Luca Faccin

Il forcing finale della capolista trova in Mantovani e Castegnaro due baluardi insormontabili e i tre punti sono il meritato premio per una compagine che sembra aver trovato finalmente la quadra.

 

Sull'Autore

Federico Formisano