Seconda Categoria

Castelgomberto senza freni, battuto anche l’Altavilla

Scritto da Federico Formisano

Castelgomberto- Altavilla 1-0

Castelgomberto: Chilese, Fanni, DeGerone (Povolo dal 80′),Mistè, Fontò, Zattera,Bortolotti,Giuriato (Albertini dal 65′ ), Traore,Cenzato (Tamiozzo dal 90′), Bankole (Caichiolo dal 89′).Allenatore Corato.
Altavilla: Sandri, Facchin, Ferron (Ziggiotto dal 77′),Boschetto,Meggiolaro, Sinico, Jabez, Neri (Dal Lago dal 87′), Melison,Pizzin (Tezze dal 78′),Tozzo. Allenatore  Trimigliozzi.
Arbitro: Giuseppe Cafagg di Schio.

Servizio della redazione, foto di Monica Centomo

Il Castelgomberto che nelle ultime cinque gare ha ottenuto 13 punti (4 successi e un pareggio in casa del Brendola) insiste e avanza in classifica. Con il successo ottenuto ieri con l’Altavilla,  è sesto in classifica a quattro punti da Provese e Montecchio San Pietro, e sembra intenzionato ad insistere verso i play-off.  L’Altavilla come neo promossa può dirsi comunque soddisfatta della sua classifica anche se un eventuale successo sul campo del Castelgomberto l’avrebbe portata a raggiungere le Alte e ad aspirare a sua volta ad un posizione di prestigio.

Questo quanto scritto sulla partita sul sito del Castelgomberto: Una gara maschia, dura, con tanti falli, il Lux ha il merito di crederci e di prendersi tre punti d’oro. La squadra di Corato batte 1-0 l’Altavilla.
Traore si mette subito in mostra. Fuga velocissima e tiro deviato purtroppo sulla traversa.

Il Castelgomberto pressa in maniera asfissiante e al 35′ sfonda con Traorè di testa su cross di Cenzato.

Traorè festeggiato dopo il gol

Nella ripresa l’Altavilla attacca con maggior insistenza, ma le occasioni sono sempre per il Lux.

Cenzato in contropiede non riesce ad angolare a tu per tu col portiere.

Il match si incattivisce, ogni azione diventa una bagarre.

Il Lux non si tira indietro e tiene la testa avanti fino al triplice fischio.


Domenica prossima trasferta a Lonigo per il Castelgomberto mentre l’Altavilla giocherà in casa con il Sossano.

Sull'Autore

Federico Formisano