Serie D

Due rigori e l’Este vince in casa del Cartigliano

Scritto da Federico Formisano

Cartigliano – Este 1-2

Cartigliano: Pozzato, Romagna (40’ st Girardi), Rossi, Zanella, Murataj (1’ st Marcolin), Pregnolato, Michelon (10’ st Ronzani), Appiah (35’ st Cacciotti), Camparmò (18’ st Moretto), Mattioli, Michelotto. Allenatore: Ferronato.

Este: Vencato, Zanella, Forte, Munaretto, Maronilli, Gilli, Fracaro, Meneghini (48’ st Tardivo), Segalina (42’ st Meneghetti), De Giorgio (20’ st Mortaro), Chajari. Allenatore: Zanini.

Arbitro: Capriuolo di Bari.

Reti. Pt: 20’ rig. De Giorgio (E), 35’ rig. De Giorgio (E); St: 38’ autogol Maronilli (E).

Note. Espulsi. Pt: 42’ per doppia ammonizione Gilli (E), 42’ Zanini (all. Este).

Giudizio severo sulla squadra biancazzurra: sottotono, distratta e poco concreta. Eppure le attenuanti non mancano visto l’andazzo della gara contrassegnata da due rigori e due espulsioni. Il primo penalty in favore dell’Este nasce da una leggerezza di Enrico Zanella. Poco dopo l’ex Bassano Virtus si fa sorprendere da Segalina e commette il secondo fallo da rigore, almeno a giudizio dell’arbitro Capriuolo di Bari. Il contatto c’è, ma avviene palesemente fuori area.
Non si registrano picchi d’orgoglio né voglia di rivalsa, eppure un motivo per sperare arriva proprio allo scadere: Gilli si becca il secondo giallo nel giro di pochi minuti e viene espulso, così come l’allenatore Nicola Zanini.
Nella ripresa i padroni di casa giocano meglio rispetto ai primi 45 minuti ma l’Este, in inferiorità numerica, resta una spanna sopra ai cartiglianesi. Paradossalmente è proprio la squadra giallorossa ad andare vicina al 3-0.
Al rientro dagli spogliatoi, con l’uomo in più, i biancazzurri sembrano maggiormente propositivi ma l’Este controlla senza affanni, pungendo con Forte. Al 9’ arriva l’occasione che avrebbe potuto cambiare il copione del match: Appiah dal limite fa partire una bordata che si stampa sul palo, la palla finisce sui piedi di Mattioli che calcia di prima a porta vuota ma trova l’incredibile riflesso di Vencato sulla linea. Al 29’ Segalina va vicino al gol, ma nella sua porta: tocco di testa all’indietro e traversa piena, con il portiere padovano impietrito a guardare la traiettoria della sfera. L’autogol arriva poco dopo: Vencato rinvia con forza il pallone che sbatte sul volto di Maronilli (soccorso dal medico dopo l’impatto) e finisce in rete. A questo punto si scatena il forcing del Cartigliano che accarezza il 2-2 con un tiro di Cacciotti.

 

Sull'Autore

Federico Formisano