Seconda Categoria

26 punti ma non si vedono: l’Union meriterebbe di più contro la capolista Bp 93

Scritto da Stefano Campana

Union Olmo Creazzo – Bp 93 1-2

UNION OLMO CREAZZO: 1. CASARA Stefano, 2. PASQUALOTTO Tommaso (dal 35’ st 17. TONIN Marco), 3. GAROFALO Paolo (dal 39’ st 13. CARRARO Alessandro), 4. CASILLO Alessandro (dal 32’ st 14. PERETTO Leonardo Tarcisio), 5. MALTAURO Alessandro ©, 6. POLETTO Filippo, 7. PORTINARI Gabriele (dal 22’ st 19. CATTANI Francesco), 8. CAMPANA Nicolò, 9. STURARO Filippo (dal 27’ st 16. CORÀ Gianluca), 10. TONELLO Alberto, 11. TONELLO Giovanni. A disposizione in panchina: 12. BERTONCINI Marco, 15. RENSI Giovanni, 18. FIORAVANZO Luca. Allenatore: Ivan RIZZOTTO

 

B.P. 93: 1. BARCI Andrea, 2. PIGATO Davide (dal 40’ st 15. RADOSSI Giovanni), 3. NOGARA Alberto (dal 1’ st 14. BERTIROSSI Nicola), 4. MELIS Andrea, 5. VETTORAZZO Marco, 6. MOTTERLE Elia (dal 29’ st 13. RIZZI Andrea), 7. BARBIERI Davide (dal 22’ st 19. NICO Paolo), 8. PERUZZO Luca, 9. GRAZIANI Nicolò, 10. RIGONI Davide(dal 16’ st 16. BELLON Edoardo), 11. BENACCHIO Daniele. A disposizione in panchina: 12. CAPPELLARI Gianluca; 17. BASSO Kevin; 18. CHEMELLO Michele, 20. BRESSAN Giosuè. Allenatore: Lorenzo MARIGA

Arbitro: Pietro VENCATO (Sezione di Schio)

Marcatori: 46’ pt Motterle (BP), 26’ st Graziani (BP), 41’ st Corà (UOC)

Servizio di Stefano Campana

Sono le 14:40 quando le due squadre si presentano in campo, dopo essere uscite una prima volta alle 14:30 per fare una foto di gruppo e una foto dei due Capitani con sul volto la V verde in segno di vicinanza a Mirko Pellizzer. La partita, come in tutti i campi del Veneto dall’Eccellenza in giù, inizia alle 14:45 con il quarto d’ora di ritardo voluto dalla Figc regionale in accordo con tutte le sezioni arbitrali del Veneto. E prima del calcio d’inizio è stato letto il messaggio attraverso il quale il mondo del pallone rifiuta ogni forma di violenza e si richiama, invece, ai veri valori dello sport.

La partita inizia e al 2′ il primo tiro in porta è degli ospiti, subito prepotentemente in avanti, ma il tiro è per non far ripartire i locali e finisce lontano dai pali difesi dal portiere Casara. 6′ il direttore di gara concede alla squadra di Bressanvido una punizione a centrocampo battuta velocemente dagli ospiti verso il proprio centravanti lanciato a rete. L’iniziativa frutta solo un calcio d’angolo. Al 9’, nel corso della prima vera azione d’attacco dei padroni di casa, episodio dubbio in area: punizione battuta dalla destra con il pallone che all’altezza del dischetto del rigore colpisce il braccio scostato dal corpo di un difensore del B.P. 93. Almeno questo è ciò che viene chiesto a gran voce da parte di tutti i giocatori di casa ma che il direttore di gara, probabilmente coperto, non vede. Con il passare dei minuti si smorza l’iniziale spinta agonistica degli ospiti e i locali prendono sempre più in mano le redini del gioco, come avessero abbandonato qualsiasi possibile timore reverenziale nei confronti della prima della classe. Al 13′ su un buona uscita dalla difesa lancio in avanti di Maltauro che pesca sul filo del fuorigioco Tonello G. Stop a seguire perfetto, due passi e tiro teso ma alto sulla traversa. Al 20′ altra bella sortita in avanti dell’Olmo Creazzo con doppio taglio in area di Campana e Tonello A. Il lancio di Sturaro, purtroppo per i locali, è a metà strada tra i due e la difesa ci mette una pezza. Cinque minuti dopo è ancora Sturaro a vestire i panni dell’uomo assist con una bella discesa sulla destra ed un bel cross in area. Il difensore centrale ospite, Vettorazzo, inavvertitamente cercando di liberare l’area serve di testa un perfetto assist a Tonello G. che si trova solo davanti all’estremo difensore avversario e, forse non rendendosi conto della cosa, colpisce di testa un po’ precipitosamente e mette la palla di poco fuori a portiere battuto.

 

Il B.P. 93 ferma il predominio dei locali con una punizione battuta in area dalla trequarti destra che frutta solo un corner. 2 minuti dopo Campana ferma il numero 10 Rigoni tre metri fuori dell’area, secondo l’arbitro con un fallo. Batte la punizione Motterle che scavalca la barriera ma non inquadra la porta. Al 39′ occasione per l’Olmo Creazzo con una grandissima azione di Sturaro che sul limite destro dell’area punta l’avversario, lo distrae con un paio di finte e lo scavalca lasciandolo sul posto. Il difensore Nogara, già ammonito in precedenza, decide che non è opportuno lasciare entrare in area da solo il centravanti di casa e lo sgambetta da dietro. L’arbitro, tra lo stupore del pubblico di casa ma anche dei supporters ospiti, decide di graziarlo e non estrae il secondo cartellino giallo che ne avrebbe comportato l’espulsione. Sulla punizione almeno due tentativi di tiro ma alla fine solo tanta confusione e il pallone non entra. A sorpresa entra invece pochi minuti dopo nella porta dei padroni di casa che hanno lungamente contestato l’azione per due motivi. Il primo riguarda il fatto che il gol arriva su una punizione concessa per un presunto fallo sul vertice destro dell’area da parte del terzino destro dell’Olmo Creazzo che in verità è apparso ai più, compreso a chi scrive, assolutamente incolpevole nell’occasione. Inoltre il fischio dell’arbitro, che aveva concesso 1 minuto di recupero, arriva quando il cronometro segnava 46’ e 24” quindi, almeno secondo l’allenatore e i dirigenti locali in  panchina, a tempo scaduto. Fatto sta che la punizione viene battuta ancora da Motterle con il pallone che passa in mezzo ad una miriade di gambe. Casara probabilmente non lo vede partire o lo vede partire in ritardo e il pallone gli passa sotto il corpo per il vantaggio 0-1 del B.P. 93.

L’Olmo Creazzo non ci sta ed entra in campo nella ripresa deciso a dimostrare di essere immeritatamente in svantaggio. Già al 3′ il pareggio appare cosa fatta ma contro i padroni di casa si mette anche la sfortuna. Sturaro conquista palla in area sulla destra e, pur da posizione defilata, elude la marcatura di un difensore ospite e calcia un rasoterra che colpisce l’interno del palo opposto. Il pallone però invece di entrare prende uno strano effetto, danza su tutta la linea di porta, batte sull’interno del palo dall’altra parte e poi torna in campo dove con affanno la difesa riesce a metterlo fuori. Al 5′ altra occasione per i locali. Ripartenza dell’Olmo Creazzo con Sturaro e Tonello G. Alla fine la palla viene servita sul vertice destro dell’area all’accorrente Tonello A. che da buona posizione calcia ma non inquadra la porta. Al 12′ occasione ospite alla prima vera azione d’attacco della frazione di gioco: cross dalla destra con la difesa che lascia sfilare la palla senza accorgersi che da dietro arriva in corsa Rigoni. È una sorta di rigore in movimento ma il tiro è alto sopra la traversa. Al 21′ altra grande occasione per l’Olmo Creazzo. Punizione battuta dalla trequarti che sorvola tutta la difesa. Sul palo destro arriva in corsa il capitano Maltauro che calcia e salvataggio sulla linea della difesa. I padroni di casa sono decisamente più propositivi ma gli ospiti sono pericolosi sulle ripartenze e al 26′ trovano il raddoppio. Cross da destra di Benacchio con Graziani che approfitta della mancata uscita di Casara e di testa fa 2-0.

Graziani

Il risultato, almeno nelle sue dimensioni, è sicuramente bugiardo e i padroni casa si gettano in avanti nel tentativo di riaprire la partita. Al 30’ bel cambio di gioco da sinistra a destra con Campana che si allarga sulla fascia destra e poi crossa per Tonello G. che fallisce il tentativo fallito di rovesciata. E al 41’ gli sforzi vengono finalmente premiati. Bella ripartenza dei creatini con lancio per Corà che arrivato sulla trequarti cede la palla sulla destra a Campana che rincorso da un avversario entra in aria, evita l’entrata in scivolata di un altro avversario con un secco dribbling e quando tutti si aspettano il tiro in porta dà palla indietro a Corà che ha seguito l’azione e che, completamente solo ha la freddezza di stoppare la palla, controllare la posizione e insaccare alla sinistra dell’incolpevole Barci.

Corà

 

Il gol è sicuramente meritato ma arriva probabilmente troppo tardi per riaprire la partita contro un  avversario esperto come il B.P. 93. Nonostante un disperato tentativo di assedio dei padroni di casa infatti, i minuti finali ed i 5 di recupero concessi dal Sig. Vencato della Sezione di Schio passano senza che gli ospiti corrano reali pericoli. La capolista porta a casa da Creazzo 3 punti preziosi che le permettono di tenere a distanza il Camposanmartino, vittorioso in trasferta col Telemar, che scavalca al secondo posto il Junior sconfitto a Campodoro. L’Olmo Creazzo invece deve cominciare a guardarsi le spalle anche se la squadra vista oggi in campo, che avrebbe sicuramente meritato almeno un pareggio contro la prima in classifica, se continuerà a giocare con questa voglia e con questa determinazione avrà certamente modo di raccogliere punti e soddisfazioni a partire dalla delicata sfida di domenica prossima contro la Fides San Pietro in Gù. (sc)

Sull'Autore

Stefano Campana