Seconda Categoria

Un tempo a testa, ma nel secondo la Fides fa 3 gol mentre l’Union OC si ferma a uno

Scritto da Stefano Campana

Dopo un primo tempo dominato, l’Union Olmo Creazzo regala la ripresa alla Fides San Pietro in Gù che si aggiudica la partita e l’aggancio in classifica.

UNION OLMO CREAZZO: 1. CASARA Stefano, 2. PASQUALOTTO Tommaso (dal 24’ st 15. CARRARO Alessandro), 3. TOMMASINI Maria Andrea ©, 4. PERRA Giulio (dal 20’ st 17. TONELLO Alberto), 5. MALTAURO Alessandro, 6. POLETTO Filippo, 7. CATTANI Francesco, 8. CAMPANA Nicolò, 9. TONELLO Giovanni (dal 28’ st 18. CORÀ Gianluca), 10. FIORAVANZO Luca (dal 15’ st 20. RENSI Giovanni), 11. GHEZZO Carlo (dal 35’ st 19. PORTINARI Gabriele). A disposizione in panchina: 12. BERTONCINI Marco, 13. CAMPESATO Simone, 14. PERETTO Leonardo Tarcisio, 16. TONIN Marco. Allenatore: Ivan RIZZOTTO

FIDES SAN PIETRO IN GÙ: 1. VENCATO, 2. CUSINATO, 3. PIZZOLATO, 4. PILOTTO, 5. BISI, 6. MIENI, 7. BAGGIO (dal 1’ st 18. FERRO), 8. PASINATO L., 9. LUCATELLO © (dal 30’ st 16. PASINATO F.), 10. BRESSAN (dal 26’ st 15. TOMEO M.), 11. VALENTE (dal 30’ st 19. MONTINI). A disposizione in panchina: 12. BONO, 13. MAZZILLI, 14. ZENERE, 17. TOMEO L., 20. CANTON. Allenatore: Enrico BEVILACQUA

Arbitro:       Giovanni ZERBO (Sezione di Schio)

Ammoniti:  Fioravanzo, Perra e Pasqualotto (UOC);

Baggio, Cusinato, Pilotto e Pizzolato (F)

Marcatori:   32’ pt Tonello G. (UOC), 2’ st autogol Perra (UOC), 20’ st Bressan (F), 40’ st Montini (F)

Servizio di Stefano Campana

È andata in scena una strana partita domenica a Creazzo nella quale la squadra di casa è stata protagonista nel bene e nel male, prima dominando tecnicamente e tatticamente l’avversario nel primo tempo, concluso meritatamente in vantaggio, poi nella ripresa lanciando un salvagente ad un avversario frastornato, che viene “resuscitato” da un pareggio regalato con un autogol “fantozziano”, ed infine sciogliendosi come neve al sole fino a farsi superare e finendo in ginocchio nel finale con un terzo gol al passivo.

Squadra di casa in completo granata e avversari totalmente in bianco. Partono in avanti i creatini che conquistano punizione sulla sinistra battuta bene al centro dell’area dove però esce altrettanto bene il portiere ospite Vencato. Al 7’ occasione Creazzo: Tonello G. scappa sulla fascia sinistra e fa partire un bel cross in area dove arriva in corsa Campana che sbuca tra due avversari e incorna il pallone che però, colpito tra testa e spalla, si impenna sopra il sette di sinistra. Al 10′ rimessa laterale a destra ancora per i padroni di casa, palla a Fioravanzo che riceve e serve Campana che entra in area e tocca per Tonello G. la cui fulminea girata esce di poco alla sinistra di Vencato. Due minuti dopo prima azione in avanti degli ospiti che frutta un calcio d’angolo. Sulla battuta del corner esce dall’area palla al piede Cattani che svelto lancia Campana in contropiede. Baggio ferma la ripartenza del centrocampista granata sgambettandolo da dietro e si guadagna il primo giallo dell’incontro. Al 18’ occasione Creazzo ancora sull’asse Tonello G. – Campana con il numero 9 che nuovamente si proietta in avanti sulla fascia sinistra e crossa a centro area questa volta rasoterra. Campana anticipa tutta la difesa ma uno strano rimbalzo della palla sul terreno gli fa mancare il comodo tap in. Al 25’ avanti la Fides con una rimessa laterale da destra. Lucatello nella corsa con Poletto entrando in area finisce a terra e chiede a gran voce il rigore. Il direttore di gara è molto vicino e fa capire che non c’è stato contatto falloso. Al 32’ il dominio dei padroni di casa trova finalmente concretezza.  Punizione da destra battuta da Perra, si avventano sul pallone Tonello G., Ghezzo ed un difensore ma è il numero 9 a toccare la palla che si infila:1-0.

Sul finire del tempo, al 42’ gli ospiti spezzano il predominio degli avversari con quella che sarà la loro unica azione pericolosa della frazione di gioco. Da una normale e all’apparenza innocua rimessa laterale sulla destra, la palla viene lanciata direttamente in area dove Lucatello anticipa il proprio marcatore e di testa fa una strana palombella che rischia di ingannare il portiere di casa Casara che però con un colpo di reni riesce a smanacciare la palla fuori.

All’inizio del secondo tempo, quando il pubblico di casa ha ancora negli occhi la buona prestazione dei primi 45’, inizia tutto un altro film che per la squadra di San Pietrò in Gù si rivelerà a lieto fine mentre per la squadra creatina diventerà un vero e proprio horror. È solo il 2’ quando i padroni di casa fanno harakiri, gettando alle ortiche quanto di buono costruito nel primo tempo. Bressan si proietta sulla sinistra e mette palla in mezzo. Nessun compagno appare in grado di colpire il pallone ma ci pensa la difesa granata a spedire maldestramente il pallone verso la rete, tagliando fuori l’estremo difensore. Maltauro però si è proiettato verso la propria porta e in spaccata riesce a spazzare sulla linea. Peccato che anche Perra abbia avuto la stessa idea e il pallone rinviato dal compagno lo colpisca finendo nel sacco. Capita così che praticamente senza aver mai tirato in porta gli ospiti si trovano a pareggiare una partita che fino a quel momento non li aveva certo visti protagonisti. E capita anche che la partita cambi volto perché ai padroni di casa pare che crollino tutte le certezze e pare che inizino a tremare le gambe, mentre gli ospiti prendono coraggio e iniziano a spingere in avanti come mai avevano fatto sino a quel momento. Al 9’ la Fides va vicina al raddoppio con un contropiede che vede Bressan presentarsi solo in area. Casara gli esce bene incontro e gli blocca il tiro a terra. Al 17′ bella azione dell’Olmo Creazzo con un gran recupero a centrocampo di Campana che sradica la palla dai piedi di un avversario ma il lancio in area a Ghezzo è un po’ troppo profondo ed irraggiungibile per il compagno. Al 19’ occasionissima per gli ospiti che con i loro contropiedi mettono sempre più paura ai locali. È in realtà un liscio della difesa di casa sulla trequarti che innesca Bressan che però da favorevolissima posizione calcia in braccio a Casara. Il vantaggio però arriva solo un minuto più tardi: Ferro scatta in assoluto ed abbondante fuorigioco ma tra lo stupore di tutti l’arbitro non fischia. Sullo sviluppo dell’azione palla a Bressan che questa volta non sbaglia e supera il portiere in uscita: 1-2. La squadra di casa è comprensibilmente sulle gambe ma un timido tentativo di reazione c’è. Al 33’ Corà danza sul limite dell’area ma la conclusione finale non è sufficientemente potente da impensierire Vencato che si inginocchia e blocca. Al 36’ Pizzolato è il quarto ammonito della Fides, contro i tre dell’Olmo. Sulla punizione svetta sopra la difesa Portinari ma il colpo di testa sfiora solo l’incrocio dei pali. E al 40’ la beffa finale per i padroni di casa che subiscono anche il terzo gol. Punizione generosamente concessa dal direttore di gara sulla sinistra, una sorta di corner corto. Palla nell’area piccola, Casara non esce e non funzionano a dovere le marcature granata visto che Montini si infila da dietro e colpisce indisturbato da due passi il gol del definitivo 1-3.  La partita a questo punto è finita anche se mancano ancora 8 minuti al triplice fischio e anche se all’ultimo minuto l’Olmo Creazzo è ancora avanti alla ricerca del gol che sfiora con una punizione battuta da Tonello A. su cui Vencato riesce a mettere i pugni.

Nessuno al 46’ del primo tempo avrebbe potuto prevedere questo epilogo e questa è una cosa su cui la squadra di casa dovrà riflettere. La vittoria vale per la Fides l’aggancio in classifica proprio all’Union Olmo Creazzo della cui sconfitta approfitta anche il Campodoro che a sua volta aggancia i creatini. Il Pedezzi, che perde in casa lo scontro diretto proprio con il Campodoro, è penultimo e per tutti loro lontano 9 punti e questo, oggi, significherebbe niente play-out per il terzetto Fides, Campodoro, Creazzo e retrocessione diretta per la squadra vicentina. (sc)

___________________________

Sull'Autore

Stefano Campana