Serie C

Arzignano se la gioca alla pari con la Reggiana ma alla fine esce dal campo con un Ko

Scritto da Federico Formisano

Reggiana-Arzignano 3-1

Marcatori: pt 44′ Zamparo (R); st 10′ Balestrero (A), 12′ Zamparo (R) su rig., 36′ Kargbo (R).

Reggiana (3-4-1-2) Venturi; Espeche, Rozzio, Martinelli; Libutti (18′ st Kirwan), Serrotti (43′ st Costa), Rossi, Favalli (25′ st Lunetta); Radrezza; Scappini (18′ st Kargbo), Zamparo (25′ st Marchi). A disposizione: Voltolini, Pellizzari, Valencia, Zanini, Brodic. Allenatore: Alvini.

Arzignano (4-3-1-2) Tosi; Tazza, Bonalumi, Bigolin, Lo Porto; Calcagni (41′ st Casini), Balestrero, Perretta; Sbaffo (26′ st Heatley); Piccioni (26′ st Ferrara), Kouko (41′ st Cais). A disposizione: Faccioli, Pasqualoni, Barzaghi, Hoxha, Calcagno, Pattarello. Allenatore: Colombo.

Arbitro: Fontani di Siena (Motta di Molitierno e Dell’Orco di Policoro).

NOTE – Spettatori 6.044. Incasso di 30.644,42 Euro. Ammoniti Rossi, Bigolin, Balestrero, Lunetta. Calci d’angolo: 6-1 per la Reggiana. Recupero: 2′ nel primo tempo, 4′ nel secondo tempo

Nicola Ciatti Ufficio Comunicazione FC Arzignano Valchiampo

Contro la squadra di Alvini i giallocelesti meriterebbero almeno un pareggio per le chance create. Locali cinici avanti con Zamparo, nella ripresa pareggio di Balestrero e nuovo vantaggio locale con il rigore di Zamparo. La chiude Kargbo nel finale. Ora testa alla gara casalinga di domenica alle 17.30 al “Menti” contro il Calcio Padova

REGGIO EMILIA – L’FC Arzignano Valchiampo gioca una partita di grande solidità al Mapei Stadium di Reggio Emilia contro la quotata Reggio Audace FC, se la gioca per lunghi tratti del match alla pari della seconda della classe, e nonostante la sconfitta per 3-1 esce dal campo a testa altissima e con la consapevolezza che forse il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto per quanto visto in campo e per le tantissime occasioni create.

SCELTE – Mister Colombo deve rinunciare a Rocco, e davanti a Tosi schiera Tazza, Bigolin, Bonalumi e Lo Porto, Sbaffo dal primo minuto a centrocampo con Balestrero, Perretta e Calcagni, con Piccioni e Kouko coppia d’attacco. In casa Reggio Audace recuperati in extremis sia Rozzio che Radrezza a centrocampo al fianco di Rossi, debutto di Serrotti sulla trequarti.

PRIMO TEMPO – Reggio Audace come da copione prova a partire forte, cercando di fare la partita: la pressione dei locali porta ad un paio di calcio d’angoli, con l’Arzignano che si fa comunque vedere in contropiede con Piccioni al 12’. Ospiti ancora pericolosi al 19’: buona ripartenza gialloceleste con tiro di Kouko deviato dalla difesa. Al 23’ padroni di casa pericolosi: angolo di Radrezza, traiettoria alta per la testa di Rozzio, ma Tosi para in volo. Al 29’ buon tiro di Serrotti che termina alto. L’Arzignano non sta certo a guardare: al 31’ buona azione di Sbaffo per Kouko, cross all’indietro per Piccioni, ma tiro fuori bersaglio. Al 33’ buona azione ospite con cross di Tazza in area, ma blocca il portiere in uscita. Al 39’ Serrotti accelera e serve Scappini libero in area: tiro deviato in angolo. Al 41’ buona occasione gialloceleste con combinazione Kouko-Piccioni, tiro di pochissimo a lato. Al 43’ arriva il gol del Reggio Audace con una bella azione finalizzata da Zamparo: apertura sulla destra per il cross di Libutti, la tocca Scappini allungando la traiettoria sul secondo palo dove arriva Zamparo indisturbato ad insaccare. Gol che arriva proprio allo scadere del primo tempo, e che penalizza oltremodo un buon Arzignano.

RIPRESA – Si va alla ripresa e al 51’ l’Arzignano crea una ghiottissima occasione per pareggiare: Kouko imbecca Piccioni al limite dell’area, ma il tiro dell’attaccante termina sull’esterno della rete. Il gol è nell’aria, e arriva poco dopo: contropiede magistrale di Calcagni che serve Balestrero che insacca il pareggio.

 

Nemmeno il tempo di mettere palla al centro, però, che il Reggio Audace si riporta subito avanti sfruttando al meglio un calcio di rigore per fallo di Tazza; tiro di Zamparo che spiazza Tosi e fa doppietta. Al 66’ ancora Arzignano che si fa pericoloso dalle parti di Venturi, approfittando di un errore di Rozzio, ma il tiro di Piccioni con la punta termina di pochissimo a lato. Colombo prova a cambiare qualcosa, ed effettua un doppio cambio con Ferrara ed Heatley al posto di Piccioni e Sbaffo. Al 72’ calcio di punizione per l’Arzignano dal limite dell’area, ma il tiro di Balestrero termina tra le braccia del portiere. Al 74’ buona chance per il Reggio Audace con Serrotti, ma i giallocelesti si salvano. Al 78’ è il neo entrato Heatley a guadagnarsi una buona occasione, ma la sua conclusione termina a lato. Un minuto più tardi ancora Arzignano protagonista: fuga di Ferrara, assist a Perretta, il cui tiro a giro termina di poco fuori. Chi sbaglia paga, e la Reggio Audace al 80’ conferma questo luogo comune: errore della difesa gialloceleste che mette nelle condizioni Kargbo di superare all’incrocio dei pali l’incolpevole Tosi. All’85’ ci prova Radrezza per i padroni di casa, ma la palla termina di poco fuori. Nel recupero tentativo ospite con Casini, fermato però dalla deviazione in corner di Venturi.

TESTA AL PADOVA – Finisce dunque con la dodicesima sconfitta stagionale, arrivata al cospetto di una delle big del campionato e al termine di una prestazione incoraggiante dei giallocelesti, che ora torneranno ad allenarsi per preparare nel migliore dei modi il prossimo, delicatissimo, impegno casalingo di domenica pomeriggio alle 17.30 al “Menti” contro il Calcio Padova.

 

 

Da www.reggioonline.it

Carpi va in archivio, la vetta della classifica ora è a sole quattro lunghezze. La Reggiana torna al successo contro l’Arzignano ValChiampo: vittoria per 3-1 dopo una gara in cui i granata hanno faticato nel primo tempo per poi emergere nella ripresa. La Reggiana è passata in vantaggio al 44’ con Zamparo: Libutti crossa il pallone, sfiora Scappini che appoggia per Zamparo posizionato sul secondo palo. Il giocatore, a porta vuota, insacca da pochi passi.  Nella ripresa l’Arzignano ha momentaneamente pareggiato i conti con il gol di Balestrero all’11’: Errato disimpegno della difesa granata, Venturi non esce in tempo e ne approfitta Balestrero per insaccare.

poi è lo stesso Zamparo a conquistare il penalty un minuto dopo: Tazza lo atterra nel tentativo di liberare l’area, per l’arbitro Fontani di Siena è calcio di rigore. Zamparo sigla il settimo gol in maglia granata al 13’ mentre il sigillo finale arriva al 36’ con Kargbo.  Dagli sviluppi di un corner, Martinelli mette in mezzo il pallone, Tazza tocca il pallone e mette in gioco Kargbo. Solo davanti al portiere, l’attaccante della Sierra Leone insacca sotto l’incrocio alla destra di Tosi.

Vittoria che porta i granata al secondo posto in classifica: il Vicenza si trova ora a quattro lunghezze di distacco mentre il Carpi torna terzo a -1 dai granata. L’Arzignano rimane al terzultimo posto con 22 punti ad un punto dall’Imolese.

Alvini e i suoi ragazzi scenderanno in campo domenica a Gubbio contro gli umbri padroni di casa. Fischio d’inizio del match fissato per le 15. La squadra di Colombo invece giocherà un altro match complicato, in casa con il Padova.

Sull'Autore

Federico Formisano