Edicola EVIDENZA

L’edicola del mercoledì: non ci schiodiamo dall’emergenza

Scritto da Federico Formisano

Prendiamo per buona un ipotesi di ripartenza su cui stanno lavorando gli israeliani, proposta presentata ieri sera durante la trasmissione “Di Martedì” sulla 7. Questa ipotesi prevederebbe una graduale ripresa dell’attività ovviamente una volta che i casi di Covid saranno nettamente diminuiti.  Dopo la ripresa dell’attività produttiva che deve essere ovviamente posta al centro delle attenzioni, nella fase successiva si passerà alle altre attività fino ad arrivare ai primi di maggio alla riapertura delle scuole. Ed è pensabile che anche l’attività sportiva possa ripartire con gradualità  nell’ultima settimana di aprile per poi consentire anche a porte chiuse la ripresa dell’attività sportiva ai primi di maggio. Ovviamente sempre che i casi inizino a diminuire con una velocità maggiore di quella impressa negli ultimi tre giorni.

Questa tabella (fonte Corriere della Sera) con i dati del Veneto ci fa capire che effettivamente  c’è una tendenza anche se  molto lieve ad una diminuzione dei casi. Sabato 21 si è toccato nel Veneto la punta massima con un incremento di  537 casi . Il giorno dopo domenica 22 il dato era diminuito con 430 casi, ancora diminuiti anche il giorno passando a 342 e ieri ci sono stati 365 casi. Diciamo che la curva dovrebbe accentuarsi nei giorni prossimi per  dare un senso alla terapia d’urto messa in campo dal governo e dalle regioni.

A noi non resta che auspicare che tutti siano rispettosi delle norme imposte. E che effettivamente la curva prenda la stessa connotazione che ha avuto in Cina.

Le notizie pubblicate ieri sul nostro sito:

http://www.calciovicentino.it/2020/03/24/ledicola-del-martedi-oggi-il-consiglio-di-lega-sortira-lennesimo-rinvio/ le notizie del giorno, con alcuni lutti, gli aggiornamenti sul Corona Virus, le possibili ipotesi, le interviste.

http://www.calciovicentino.it/2020/03/24/saraniti-positivo-ma-sta-bene-giocatori-del-vicenza-in-quarantena/  l’attaccante del Vicenza Saraniti è positivo ed i giocatori del Vicenza sono in quarantena già da 10 giorni.

http://www.calciovicentino.it/2020/03/24/san-lazzaro-motterle-spiega-come-affronta-lemergenza-e-inoltre-statistiche-presenze-e-almanacco/  Nicola Motterle  fa il punto della situazione in casa  San Lazzaro  ed inoltre le presenze e le reti realizzzate finora , la rosa e le statistiche della squadra.

http://www.calciovicentino.it/2020/03/25/summania-come-affronta-la-crisi-e-inoltre-statistiche-presenze-e-almanacco/ Mauro Fontana  fa il punto della situazione in casa  Summania  ed inoltre le presenze e le reti realizzate finora , la rosa e le statistiche della squadra.

A

Almanacco: Continuiamo la pubblicazione delle pagine dell’Almanacco come immagini ridotte.  Queste sono le pagine dedicate al San Lazzaro

B

Bollettino Coronavirus :  

Sono 69176   i  contagiati in Italia. Le  guarigioni sono 8326 con un incremento di più di 894 in un giorno.Purtroppo anche 6820 decessi (4178,dei quali in Lombardia, la regione che paga il prezzo più alto alla pandemia). Sono 6069  i malati nel Veneto, 121 in più rispetto a ieri mattina.  Sono 237 le persone decedute: 21 più di ieri. Le persone attualmente ricoverate in terapia intensiva sono 314.   783  invece i casi vicentini con  84 persone ricoverate al San Bortolo, 25 delle quali in terapia intensiva. E in provincia finora ci sono stati 33 decessi.    Vicenza  ( a parte Belluno e Rovigo) è la provincia del Veneto meno colpita  (Padova ha 1415 casi, Verona 1230,  Treviso 1102,  Venezia 840)  A Vo non si registrano casi nuovi (in 12 giorni solo un nuovo caso).

La dinamica in Veneto dice che c’erano 25 casi lunedì 24 febbraio, 45 martedì, 71  mercoledì, 98 giovedì,  116 venerdi e 151 Sabato, 223 domenica.  265 lunedì 2 marzo , 291 martedì, 333 mercoledì, 386 giovedì, 459 venerdì,  511 sabato, 598  domenica, 744 lunedì 9 marzo, 771 martedì, 913 mercoledì, 1023  giovedì, 1673 venerdì, 1994 sabato, 2246 domenica,  2451 lunedi 16 marzo,  2670 martedì,    2923 mercoledì, 3384 giovedì , 3751 venerdi, 4237 sabato, 4809 domenica, 5272 lunedì, 5638 martedi

C

Calciatori di A:Anche il portiere Sportiello tra i positivi.  Con la presente si informa che le autorità sanitarie locali hanno comunicato in data odierna al Club la positività al Covid-19 del calciatore Marco Sportiello. Marco attualmente è asintomatico. La quarantena preventiva, a cui erano stati sottoposti Marco e tutti i tesserati della prima squadra, terminerà in data 27-03-2020″Finora i giocatori colpiti sono  Zaccagni del Verona, Fabio Depaoli, Bartosz Bereszynsky, Manolo Gabbiadini, Omar Colley, Albin Ekdal, Antonino La Gumina  e  Morten Thorsby della Sampdoria.    Patrick Cutrone, German Pezzella e Dusan Vlahovic, della Fiorentina, Matuidi, Dybala e  Rugani della Juventus, Daniel Maldini del Milan.   Inoltre ci sono alcuni giocatori di C (Reggiana, Vis Pesaro, Pianese) oltre a Saraniti del Vicenza.. In premier league inglese sono in autoisolamento tre giocatori del Leichster mentre sono stati colpiti dal Corona l’allenatore dell’Arsenal e un giocatore del Chelsea. Dopo  il primo positivo in Germania, Luca Kilian, del Paderborn sono arrivati anche Hubers e Horn del Hannover e un giocatore dell’Hertha Berlino.  Inoltre sono stati contagiati tre giocatori del Valencia, tre giocatori dell’Alaves, sei dell’Espanyol.

G

Gol al Corona Virus: Anche la Sambonifacese ha deciso di devolvere  i soldi delle multe agli Ospedali.

Queste le società che hanno finora provveduto a destinare somme per gli ospedali di Bassano, Padova, Vicenza, Santorso e per la Croce Rossa di Verona est. 7 Comuni,  7 Mulini, Aia Vicenza, Altavilla, Alte, Altivolese,  Azzurra Sandrigo,  Bassan Team Motta,  Bassano,  Berton Bolzano, Bissarese, Brendola,  Calcio Vicentino,  Calidonense, Camisano,  Castelgomberto,  Chiampo, Due Monti, Grantorto, Grisignano, Junior Monticello, La Contea,  Lampo, Le Torri,  Longare,  Lugo, Malo, Molina, Montebello, Pedezzi,  Poleo, Real San Zeno,  Real Valdagno, Sambonifacese,  San Giovanni Ilarione, San Vitale, San Vito Bassano,  San Vito Cà Trenta, Sarcedo, Schio, Silva, Solagna, Sovizzo,  Thiene, Transvector, Treschè Conca,   Trissino, Unione La Rocca, Union Olmo Creazzo, Valdalpone, Zanè  

Sono pervenute anche offerte di singoli giocatori, allenatori o dirigenti.

Guglielmi: il portiere del Valli (ex Malo) Nicola Guglielmi si è laureato. Come capita a molti in questo periodo lo ha fatto con una video conferenza con i professori. Le nostre congratulazioni gli arrivano comunque via internet.. ovviamente !

M

Malo: Le presenze e le reti realizzate dal Malo:  Rondon 22 (5),  Stella 21, Scolaro 21 (13), Zanella 21, Deganello 20,  Nicoli 19, Balzarin 19  (2), Cazzola 19, Rovrena 19,  Savio 18 (1) Brandi 17, De Zaiacomo 17, Dalle Molle 15  (3), Polga 15, Migliorini 13, Pogietta 11 (1), Grubetich 10,  Rovetti 8 (1), Tecchio 2,  Pozzan 1, Clementi 1 (1), Comparin 1, Cosaro 1 Ceduti a dicembre Rizzato 13, Guglielmi 3, Dal Prà 3,

O

Olimpiadi:  le Olimpiadi di Tokyo sono rinviate al 2021. Ad annunciarlo è il premier giapponese Shinzo Abe: “Ospiteremo Giochi competi, olimpici e paralimpici, saranno un simbolo della vittoria contro il Coronavirus; Bach e’ d’accordo al 100% sulla proposta del rinvio di un anno: ospiteremo l’Olimpiade entro l’estate 2021. Il Cio conferma e in una nota scrive che rinvia i Giochi “in una data oltre il 2020 ma non oltre l’estate 2021” Dopo i campionati Europei sono state rinviate dunque anche le OIimpiadi.

P

Presenze e reti: finora abbiamo pubblicato i dati (di cui abbiamo tenuto conto o che ci sono stati forniti dalle società) di queste squadre:  7 Comuni, Altair, Alta Valle del Chiampo, Altavilla,  Alto Astico Cogollo, Arcugnano, Arzignano, Aurora Cavalponica, Azzurra Maglio, Azzurra Sandrigo, Bassano,   Berton Bolzano, Bissarese, Bp 93, Breganze,  Calidonense,  Camisano, Carmenta, Cartigliano,  Cassola, Castelgomberto, Chiampo, Colceresa, Dueville, Eurocalcio, Grantorto, Grisignano, Grumolo,  Isola Castelnovo, Junior Monticello, Lakota,   La Rocca,   Le Torri, Longare,  Lugo, Maddalene, Malo, Marola, Marosticense,  Molina, Montebello, Montecchio, Monte di Malo, Monteviale, Nova Gens,   Novoledo, Orsiana,  Pedemontana,  Poleo, Pozzetto, Rosà, San Lazzaro, San Pietro Rosà, Santomio, San Vitale, Sarcedo, Schio, Summania, Telemar, Tezze, Thiene,  Transvector, Trissino, Union Olmo Creazzo,  Union Csm, Valbrenta, Valdagno, Valli, Vicenza, Virtus Cornedo, Zanè .

S

Summania: Le presenze e le reti realizzate dal Summania: Calgaro 22 (11),  Vaccari 21, Saccardo 21,  Clementi 20 (3), Brunello 19, Zuliani 19 (1),  Manea 17, Stefani 17,  Andretto 17 (1),  Benetti 15 (1), Traore 12, Lovato 9, Talli 7, Petrera 6, Zordan 5, Marchesini 5, Toniollo 3, Zavagnin 3, Faccin 2, Viero 2, Sekou 1, Dalla Vecchia 1  Ceduti a dicembre: Grotto 12, Pozzan 10, Basso 10,

Per un refuso abbiamo pubblicato sull’articolo del Summania le affermazioni di un altro allenatore attribuendole invece a Mauro Fontana. Ora abbiamo corretto ma è giusto riprendere un concetto espresso da Mauro che ci sembra molto importante: Ho letto molte considerazioni su questo argomento – scrive Fontana – e mi sono stupito che nessuno abbia sottolineato, il problema legato al fattore economico. Non è assolutamente un dettaglio secondario. Nel valutare le priorità i soldi sono, ovviamente, dopo la salute, un fattore determinate per la sopravvivenza del calcio! I soldi per il calcio provengono dalle aziende, dalle attività commerciali, più le quote dei “sgnarocconi” del settore giovanile. Se queste fonti di sostentamento sono in grande difficoltà, come può sopravvivere il calcio! Quando chi di competenza valuterà l’eventuale possibilità di riprendere il campionato e le relative modalità e tempistiche, spero tenga conto anche che chi paga il nostro divertimento dovrà far fronte a problematiche catastrofiche, inerenti alla gestione della propria attività e, di conseguenza, valuterà con molta attenzione se continuare la propria avventura calcistica, nella prossima stagione. Sono convinto anche che nello schieramento di chi sostiene con veemenza l’annullamento del campionato, ci siano anche una nutrita schiera di sciacalli che, per classifica deficitaria o per risparmiare qualche soldo, pregano ogni giorno che si passi  direttamente alla prossima stagione. Chissenefrega, ci sono sempre stati e ci saranno sempre; invece bisogna motivare e stimolare con concrete agevolazioni le società, a continuare, anche nei prossimi anni, evitando l’ennesimo ridimensionamento del calcio e scongiurando lo tsunami di fusioni, avvenuta dopo la crisi del 2008. Non lo so se questa stagione debba proseguire o terminare, ma spero solo che chi è chiamato a decidere, consideri con altissima priorità la prospettiva economica delle società, dimostrando rispetto per tutti quei presidenti e sponsor che, con la loro generosità e altruismo, permettono puntualmente ogni anno che il pallone non si sgonfi.

Fontana con Pesavento

V

Vicenza: Quinto appuntamento live sul nostro profilo ufficiale Instagram con LR On Air. Quest’oggi in compagnia in una diretta condivisa di Rachid Arma e Andrea Nalini che hanno risposto alle curiosità dei tifosi. Iniziamo con l’attaccante Arma (dal sito del Vicenza)

Partiamo dal messaggio finale, ma il più importante, lanciato in coro: “Rimanete a casa, lo sentite spesso dire, ma è un momento delicato per tutti e solo così se ne viene fuori. Non usciamo per motivi futili, facciamolo per tutti quanti e per il prossimo. Piu’ stiamo a casa e prima usciremo e prima torneremo al Menti”.

Tutte le curiosità rivolte a Rachid Arma:

Devi segnare di più. “Spero di fare più gol possibili, ma quest’anno l’obiettivo più importante è realizzare il sogno di tutti noi, squadra e tifosi”.

Cinelli dice che deve correre per te? (risate) “Assolutamente no, tutti vedono quanto noi attaccanti e esterni cerchiamo di correre per dare una mano al centrocampo e alla difesa, stiamo facendo tutti grandi sacrifici e speriamo di essere premiati alla fine”.

Il momento più bello della stagione? “Quest’anno ci sono stati davvero tanti bei momenti. Forse dopo la sconfitta contro il Padova, pochi giorni dopo ci siamo rifatti subito vincendo 4-1 in casa loro e poi siamo andati a vincere a Trieste, quella è stata un po’ la svolta della stagione.

Hai un po’ l’accento veneto come Di Carlo? “Sono 25 anni che sono qui in Veneto, può essere che abbia preso un po’ di accento anche perché ho fatto elementari, medie e superiori qui”.

Difensore più duro che hai incontrato quest’anno? “Sirignano della Virtus Verona di Gigi Fresco, più che duro è molto fastidioso in campo”.

Ti mantieni fisicamente? “La società si è fatta trovare pronta perché ci ha consegnato il materiale per poter allenarci anche a casa. Cerchiamo di allenarci per quello che si può, soprattutto per non perdere tono muscolare. Quando riprenderemo vorrà dire che avremo passato questo incubo che è il virus, perciò non vediamo l’ora. Siamo veramente un grande team, a partire dai magazzinieri, dal presidente, dalla società, da noi giocatori e dai tifosi, tutti insieme”.

Vittoria più emozionante? “Probabilmente quella di Trieste, c’erano moltissimi tifosi nostri, come ho detto prima è stata un po’ la partita della svolta, venivamo dalla sconfitta con il Padova, abbiamo vinto 3-0 in trasferta, i tifosi non potevano chiederci di più”.

Come è segnare sotto la Curva? “Segnare sotto la Curva è davvero emozionante, penso che tutti gli attaccanti giochino per vivere questi momenti, avere lo stadio sempre pieno è molto bello e tuttora è da brividi, spero di tornare presto a esultare sotto la Curva”.

Giocarci la promozione con la Reggiana? “Sarà sicuramente una bella sfida fino alla fine con Reggiana e Carpi. Abbiamo dimostrato di essere tre belle squadre, la Reggiana è quella che ci ha impressionato di più a livello di gioco e sicuramente non mollerà fino alla fine”.

Com’è stato tornare a Vicenza? “Particolare ma bello. Una sfida personale ma ringrazio la società che mi ha dato la possibilità di tornare in questa bellissima piazza. Sapevo che in due anni avremmo potuto costruire un percorso molto importante ed è il motivo per il quale sono tornato”.

Ti sarebbe piaciuto giocare all’estero? “No, ho sempre preferito giocare in Italia. Avendo girato molto, non c’è miglior paese dell’Italia, per qualità di vita, per il cibo, per tutto. Spero che presto usciremo da questa situazione, perché questa nazione merita tanto”.

Meglio Reggio o Pordenone? “Sono due piazze diverse. A Pordenone l’ambiente è più familiare, con poche pressioni. Mentre a Reggio ci sono molti tifosi, la piazza giustamente pretende di più, ma mi sono trovata bene in entrambe. A Pordenone avevo sfiorato la Serie B.

L’attaccante più forte del girone, tolti i biancorossi? “Vano del Carpi”.

 

 

info@calciovicentino.it
Telefono e Whatsapp 335 7150047
Facebook / calcio vicentino

Sull'Autore

Federico Formisano