Seconda Categoria

I volti nuovi della Junior Monticello in un intervista esclusiva

Scritto da Stefano Campana

Nell’ultima settimana per ben tre volte la società Junior Monticello è comparsa all’interno delle nostre notizie. Abbiamo quindi voluto dare voce ai protagonisti partendo dal DS Marco Piredda e coinvolgendo poi il nuovo mister Mirko Bellotto.

In condizioni normali la stagione non sarebbe ancora ufficialmente finita e invece la Junior Monticello ha deciso di bruciare le tappe e di dare un segnale forte sulla stagione prossima. State mettendo mano al settore giovanile, Bellotto è da ieri il nuovo Mister della prima squadra, lei come DS ma anche responsabile della comunicazione e dei rapporti con la stampa. Tutti i tasselli stanno andando al posto giusto?

Marco Piredda: Innanzitutto vi ringraziamo per questa opportunità che ci state dando “di raccontarci”. Dal punto di vista lavorativo la nostra società non vuole prendersi indietro e così subito, dal primo momento che si è potuto ripartire, ha voluto farlo con il turbo. In attesa di qualche ulteriore disposizione da parte della federazione, la Junior Monticello sta cercando di strutturarsi il più saldamente possibile per essere pronti quando ci sarà la fumata bianca. Il momento sappiamo bene tutti che non è dei migliori per le società sportive, però noi abbiamo voluto subito ricontattare i nostri ragazzi, dai piccoli fino alla prima squadra, per farci sentire vicini a loro e alle famiglie perché NOI CI SIAMO e RIPARTIREMO. Le nostre intenzioni, a partire dallo staff fino ad arrivare alla composizione delle squadre, sono quelle di creare gruppi coesi e con molta ambizione, vogliamo cercare di alzare sempre più su l’asticella. Devo fare un ringraziamento particolare al Presidente Marco Fioravanzo e alla società per la fiducia posta in me per la nuova stagione, assegnandomi questo ruolo importante soprassedendo all’età anagrafica e alla poca esperienza maturata fino ad oggi in questo ruolo. Già da qualche anno a questa parte la società ha voluto improntare la propria strada con progetti a lungo termine con un punto saldo in testa: i GIOVANI. Ovviamente, come si fa anche nel mondo lavorativo, per avere una macchina competitiva bisogna saper miscelare l’esperienza del “vecchio (inteso come esperienza sul campo)” con la voglia e l’ambizione del giovane. Quest’anno, questo concetto, posso dire che ci ha ripagato molto in quasi tutte le nostre squadre, dandoci diverse soddisfazioni, motivo per il quale anche per il prossimo anno ci stiamo strutturando per riproporlo. Senza gli autisti giusti le nostre macchine non possono dare il massimo, ed è per questo che la società ha voluto partire proprio da loro, i MISTER. Anche per questi ultimi, sentita la loro disponibilità nel continuare un percorso con noi per la nuova stagione, si stanno facendo, da parte del direttivo, tutte le opportune valutazioni del caso. L’unica anticipazione che per il momento vi posso dare è che quest’anno verranno inserite molte figure nuove giovani, alcune con già un’esperienza notevole sulle spalle altre invece neopatentate.

Al momento la nostra società ha, da una parte, un album con diverse caselle da riempire e dall’altra molte figurine molto interessanti da dover incollare nelle caselle giuste; nei prossimi giorni sarà proprio questo il lavoro più difficile da fare in quanto ogni scelta dovrà essere esaminata e confermata, evitando di commettere errori. Come si può intendere dai discorsi fatti finora e facendo riferimento alle vostre domande, attualmente non sono stati ancora stabiliti alcuni ruoli a parte quello del mister della Prima Squadra, Mirko Bellotto. Auspichiamo di procedere nei prossimi giorni quando, per le varie categorie, avremo risposte da parte della federazione e/o idee più chiare su quali saranno le realtà alle quali dovremmo approcciarci nella nuova annata sportiva.

 

La stagione passata, fino a che è durata, aveva dato delle belle soddisfazioni alla Società. Questo alza l’asticella delle vostre aspettative per la stagione prossima?

Marco Piredda: Certo, come già anticipato prima, la società vuole ogni anno porsi nuovi obiettivi cercando di alzare sempre più l’asticella. Questo modus operandi per il momento ci sta ripagando e dando molte soddisfazioni. Abbiamo diverse nuove richieste da parte di mister e giocatori i quali vorrebbero iniziare un nuovo percorso con noi, accettando e sposando così il nostro progetto. Tutto questo ci fa capire quindi che stiamo percorrendo la giusta strada.

 

Un’ultima domanda che avremmo preferito non farle ma che il periodo che stiamo vivendo rende pressoché obbligatoria. È preoccupato dal fatto che un possibile ritorno in autunno del coronavirus possa rovinare anche la, prossima stagione?

Marco Piredda: Penso che dire il contrario sarebbe una bugia, sfido chiunque a non aver questo tipo di preoccupazioni in questo momento, però mi rassicura il fatto che la nostra società stia cercando di prendere il tempo necessario per poter esaminare al meglio tutte le possibili ed eventuali problematiche che potrebbero ripresentarsi nei prossimi mesi causa mutazione del virus. La cosa non dipende da noi.

 

Veniamo ora a Mirko Bellotto, da ieri nuovo allenatore della prima squadra e che nell’ultima stagione era alla guida degli allievi regionali dell’UO Creazzo, e in precedenza è stato vice di Sgrigna a Longare e precedentemente al Valdagno Juniores Regionali, al Leodari (vittoria titolo provinciale Juniores e primo posto Allievi) Sovizzo, Due Monti e Vicenza Calcio Femminile.  Innanzitutto congratulazioni per questo nuovo incarico. Sappiamo che per la nuova stagione aveva deciso di non voler più allenare una squadra di un settore giovanile ma si aspettava così presto una chiamata?

 

Mirko Bellotto  Grazie. Se devo essere sincero qualche chiacchiera l’avevo fatta anche l’anno scorso con un paio di società quindi quest’anno speravo proprio di concretizzare e arrivare ad una prima squadra. Quando il presidente Fioravanzo ha deciso di offrire a me questa opportunità ne sono stato quindi estremamente felice.

Con che animo si appresta ad affrontare questa nuova avventura?

Mirko Bellotto Sono entusiasta! La società ha idee molto chiare, è organizzata e tutti mi hanno fatto un’ottima impressione. Nei prossimi giorni inizieremo i colloqui con i ragazzi e poi… speriamo di poter tornare presto a sudare e divertirci in campo! È lì che dovrò ripagare la fiducia che hanno riposto in me.

Un’ultima domanda. Lo scorso anno, fino a che si è giocato, la squadra si era ben comportata sotto la guida di Mister Cesarano (45 punti in 22 partite e 4° posto in classifica a soli 2 punti dal 2° e 5 dalla capolista). Quali sono gli obiettivi che con il Presidente Fioravanzo e con il DS Piredda vi siete posti per la nuova, stagione?

Mirko Bellotto La squadra stava facendo sicuramente bene e l’anno prossimo cercheremo di dare continuità a questi risultati tenendo sempre in considerazione la richiesta della società che è quella di raggiungere gli obbiettivi concordati facendo leva sui giovani promettenti del settore giovanile come è sempre stato fatto alla Junior negli ultimi anni.    

Interviste di Stefano Campana

Sull'Autore

Stefano Campana