EVIDENZA Promozione

Marola riparte dalla seconda !!!

Scritto da Federico Formisano

Sabato nel nostro editoriale abbiamo scritto: c’è una società che vuole ridimensionare i programmi dopo il Covid e chiederà l’autoretrocessione.  Oggi possiamo svelarvi una notizia che era nell’aria già da tempo ma che abbiamo tenuto riservata per rispetto del lavoro della società

La società in questione è il Marola che rinuncia alla Promozione e riparte dalla seconda categoria. Il vicepresidente Federico Casarotto, spiega le motivazioni: “avere disputato il campionato di Promozione è stata comunque importante per capire la rilevanza e l’importanza del settore giovanile. Per certi versi, ovviamente nel rispetto delle persone che purtroppo ci hanno lasciato,  il Covid è stata un’opportunità perchè ci fatto riflettere sulla situazione e prendere una decisione importante: ripartire dai giovani, ripartire dal valore sociale del calcio.  L’analisi seria e ponderata che è stata fatta in società ci ha portato a comprendere l’importanza di avere un vivaio e da questo vogliamo ripartire. Faremo in modo di riorganizzare l’attività: la nostra intenzione è di avere due allenatori per ogni squadra, direttori sportivi che seguano l’attività della prima squadra ma nel contempo si occupino anche del vivaio. Cercheremo di creare un legame forte con il Vicenza per dare una prospettiva ai nostri atleti, per impegnare i giovani del paese. Torniamo in sostanza alla vera missione della società che è una polisportiva dove all’interno ci sono Pallavolo, Pallacanestre e altre discipline”

 

C’erano stati dei contatti per una cessione del titolo di Promozione? “ Si certamente, ma una fusione avrebbe significato perdere la nostra matricola, i sessanta anni di storia che il Marola può vantare e così abbiamo preferito rinunciare ad alcuni vantaggi economici ma mantenere la nostra gloriosa storia. Ripartiremo dalla seconda categoria facendo giocare i ragazzi che escono dal vivaio, dagli Juniores con alcuni elementi di esperienza” 

La notizia è stata comunicata ufficialmente  a tutti i componenti della squadra, che adesso ovviamente si guarderanno intorno ” Non abbiamo chiuso la porta in faccia a nessuno ma ovviamente sappiamo di non poter offrire  opportunità importanti a giocatori che erano venuti a Marola per giocare in Promozione. Saranno loro a valutare e a decidere”

Ma è abbastanza evidente che i giocatori di nome arrivati a Marola la scorsa estate (Moroni, Pedon, Hannioui, Marchetti, Pedron, Santonocito, ecc. ) difficilmente rimarranno a giocare in seconda categoria.  “Ce ne rendiamo conto ma lo ribadiamo la nostra società (dove Alessandro Bertuzzo rimane il presidente e il punto di riferimento) in questo momento intende ricostruire  un settore giovanile importante e lavorare in quest’ottica !

La scelta del Marola è una scelta certo coraggiosa, ma appare evidente come non sarà l’unica società ad attuarla. L’esperienza del Covid ha comunque rappresentato un momento di chiarezza e questi sono i segnali più evidenti che qualcosa è cambiato.

Sull'Autore

Federico Formisano