Promozione

Il Monteviale ci prova ma resta solo l’amaro in bocca.

Scritto da Antonio Martinello

ROSA’ – MONTEVIALE 2 – 1

ROSA’: Trentin, Maino **, Bizzotto, Loro, De Rossi, Dissegna M. , Dissegna  E.*** (dal 65’ Moretto), Menon* (dal 78’ Sgarbossa ***), Lazzarotto (dal 63’ Zarpellon L. ***) Battaglia, Guarise. Allenatore: Paolo Zanon

MONTEVIALE: Dalla Valle N. *, Porcellato, Pizzolato**(dal 78’ Sebastiani **), Casolin, Comparin (dal 76’ Skemby) Perucca, Zangara (dal 63’ Arcaro), Foletto, Marzari (84’ Erba M.), Belloni, Zanovello***Allenatore: Denis Lazzoron

 

Direttore: Vergani Paolo di Padova  Assistenti: Condrut Flavius e Ongarato Armando di Castelfranco

Vergani Paolo di Padova con gli assistenti e i capitani

Reti: al 40’ Bizzotto, al 65’ Guarise, al 91’ Erba M.

Ammoniti: Maino, Menon (R), Porcellato, Zanovello (M)

Servizio e foto di Antonio Martinello

Dopo sette mesi di sosta forzata, per la precisione sono 217 giorni, finalmente si torna in campo nelle categorie piu piccole quelle delle sfide tra paesi confinanti, tra quartieri della stessa città, cioè le sfide che sono l’essenza del calcio dilettantistico, dove il calcio è vissuto con la passione e l’entusiasmo che solo chi lo pratica o lo ha praticato lo può capire.

Oggi a Rosà sono state rispettate tutte le direttive della Federazione e complimenti alla società per l’abnegazione dei volontari nell’ottemperare con diligenza alle incombenze anti Covid.

I ragazzi di tutte e due le squadre lasciano trasparire che questa giornata sarà ricordata si per la partenza della stagione sportiva 2020/2021, ma soprattutto per il rientro in campo dopo tanto tempo. Se a tutto questo per la formazione ospite aggiungiamo il debutto assoluto nella nuova categoria il quadro è completo.

 

La partita inizia con le due squadre che cercano di studiarsi e prendere le misure. Iniziano gli ospiti con un colpo di testa di Belloni a punzecchiare la difesa di casa al 3’ , così come al 6’ minuto la provvidenziale gamba di un difensore rimpalla un tiro di Marzari che poteva aver miglior successo. Passano un paio di minuti e il Rosà su angolo si affaccia in area ospite, la palla in mischia viene deviata verso la porta del debuttante Dalla Valle ma la mira è imprecisa e se ne esce sul fondo.

La gara si snoda con veloci azioni da ambo le parti e sempre le difese hanno la meglio sugli attaccanti. Una azione di contropiede al 28’ trova la difesa ospite impreparata e Battaglia viene contrato fallosamente sul limite dell’area, i locali reclamano il calcio di rigore, ma l’arbitro Vergani di Padova è irremovibile e concede il calcio di punizione diretto appena fuori dei 16 metri, si incarica del tiro Lazzarotto, ma calcia malamente la punizione che controllata dal portiere sfila sul fondo. Ma questo calcio di punizione è importante perché al 40’ su un altro calcio diretto, questa volta più spostato a destra del fronte d’attacco, si presenta ancora Lazzarotto con a fianco Bizzotto, il portiere si aspetta il tiro dell’attaccante il quale fa una finta e lascia calciare di sinistro il numero tre che con un tiro ad incrociare sul palo lontano inganna il portiere vanamente proteso in tuffo sulla propria destra.

Nei minuti che mancano al 45’ il Monteviale accusa il colpo , i canarini locali sfiorano per ben tre volte la marcatura, prima con capitan Loro, tiro a lato, poi Battaglia scende sulla destra e Perucca gli ribatte la conclusione, poi l’ultima opportunità si presenta a Lazzarotto di testa dopo schema su calcio di punizione con palla di poco a lato.

Il primo tempo si chiude con il Rosà in vantaggio, un vantaggio meritato non tanto per quanto ha fatto vedere prima della marcatura, ma per quanto ha costruito dopo il gol. Merito proprio o calo psicologico degli avversari ?

Il secondo tempo si apre con due episodi chiave della gara. Il primo al 4’ quando Zanovello sguscia sulla sinistra e quasi dal fondo crossa al centro dell’area, la palla incoccia il braccio del numero 2 Maino e l’arbitro a non più di 10 metri dall’azione indica il dischetto. Si incarica del tiro lo specialista Marzari che si fa ipnotizzare dal portiere Trentin che si distende sulla propria destra e respinge il tiro. Il portiere Trentin, senz’altro il migliore in campo, compie un autentico miracolo opponendosi alla grande alla conclusione di Porcellato da distanza ravvicinata. Un minuto dopo siamo al 65’, il nuovo entrato Moretto crossa di precisione per la testa di Guarise che trova la rete del 2 a 0.

L’allenatore Lazzaron apporta alcuni cambi alla propria formazione che si riversa con sempre maggior spinta nella metà campo dei padroni di casa, riuscendo con Erba Marco a ridurre le distanze, ma ormai siamo in recupero e il tempo per raggiungere il pari sebbene l’arbitro abbia concesso 4 minuti dopo il 90’ non c’è e la gara si chiude con la vittoria dei padroni di casa per 2 a 1.

Il fischio finale viene accolto dai giallo/neri oggi in completo completamente bianco, con grande sollievo mentre per i ragazzi di mister Lazzaron oggi con la divisa nera con strisce verticali giallo/rosse la conclusione della gara lascia parecchio amaro in bocca per l’occasione sprecata di raggiungere un risultato positivo nella giornata di  debutto nella nuova categoria.

 

 

 

 

Sull'Autore

Antonio Martinello