Prima Categoria

Badoere pragmatico, Carmenta solo rimpianti

Scritto da Redazione2

CARMENTA – CALCIO BADOERE 1-2

CARMENTA: Bassi, Lago, Bahria, Bevilacqua (30’ pt Securo), Bianchi, Tessarollo, Scanagatta, Guzzi, Camara D., Peruzzi (30’ st Facchinello), Moretto. All. Vezzaro
CALCIO BADOERE: Ferro, Prandstraller, Favaro, Ndoka (36’ pt Pellizzari), Pezzato, Bernardi, Sartori (21’ st Vidotto), Cinel, Gioia (12’ st Buranello), Cisotto, Mazzetto (16’ st Biundo). All. Tonin
Arbitro: Cazzavillan di Vicenza
Reti. Pt 46’ rig. Peruzzi (C); st 26’ e 43’ Buranello (CB)
Note. Ammoniti Facchinello (C), Prandstraller, Pezzato, Biundo (CB). Espulso al 23’ pt Lago (C) per fallo su chiara occasione da rete. Corner 6-2; rec. pt 2’, st 3’.

Servizio e foto di Roberto Pivato

CARMIGNANO DI BRENTA
Quando le cose non vanno succede anche che ti trovi a giocare tre quarti di partita in inferiorità numerica eppure riesci a passare in vantaggio, non rischi praticamente nulla, getti al vento delle
colossali occasioni per raddoppiare e poi regali ai tuoi avversari due gol, uscendo dal campo con zero punti e infiniti rimpianti.
È quanto accade al Carmenta contro il Badoere. I rossoblu incappano nel terzo ko consecutivo davanti al proprio pubblico, due punti nell’ultimo mese, ottenuti fuori casa e facendosi raggiungere ambedue le volte nel recupero, e una situazione di classifica allarmante.


Il primo episodio determinante è l’espulsione di Lago, al 23’. Un lancio lungo sorprende la retroguardia di casa; Mazzetto si invola verso la porta e viene steso dal difensore carmignanese:
ineccepibile il rosso. La punizione dal limite viene battuta magistralmente da Sartori col mancino: palla sulla traversa e di nuovo in campo, anche se i trevigiani ritengono che dopo il rimbalzo abbia oltrepassato la linea.
Al 29’ ci prova Scanagatta, sempre su calcio piazzato: il suo sinistro è centrale. Dieci minuti più tardi Camara fa filtrare per Moretto, il quale va alla battuta di destro: a lato di poco. Nel frattempo Vezzaro ha sostituito Bevilacqua con Securo, che va a fare il centrale di difesa al fianco di Tessarollo, mentre Bianchi si sposta sulla destra. Il vantaggio locale giunge nel primo minuto di recupero: Moretto fugge verso la porta e viene a contatto con Pezzato: per l’arbitro è rigore, che capitan Peruzzi trasforma con freddezza. Subito dopo l’azione si ripete: Moretto viene lanciato in campo aperto, ma stavolta si allunga troppo il pallone e permette a Ferro di rimediare in uscita.

Rigore di Peruzzi

Il Badoere torna a farsi vedere dalle parti di Bassi al 3’ della ripresa: Gioia riceve e si gira in area, ma il mancino è telefonato. Al 5’ Pellizzari scende a sinistra e centra teso: il numero uno di casa
smanaccia in corner. Si tratta di un fuoco di paglia: l’undici di Vezzaro torna a controllare il match e si divora al 14’ il 2-0. Moretto da destra pesca Camara nel cuore dell’area, provvidenziale il
recupero di Prandstraller; l’azione prosegue e nuovamente Moretto si libera e dal fondo mette in mezzo un pallone che deve solamente essere spinto in rete: impresa che non riesce ad alcun compagno.

Come da atavica e infallibile legge calcistica, all’impotenza offensiva dei rossoblu fa da contraltare il pragmatismo essenziale dei giallorossi: lancio di Vidotto, dormita di Tessarollo e Bassi, Buranello gioca tutti con un beffardo tacco che vale il pari (26’). I cambi di mister Tonin danno immediatamente i loro frutti.
Da segnalare che pochi minuti prima ci sarebbe un secondo calcio di rigore per i padovani: Peruzzi crossa dalla destra, Cinel intercetta di mano almeno un paio di metri dentro l’area, il signor
Cazzavillan incomprensibilmente concede una punizione dal limite e nemmeno ammonisce il centrocampista trevigiano. Anche questi sono segnali.

Il Carmenta ha cuore, gambe e anche manovra, tutte caratteristiche che gli consentono di non andare ancora al tappeto. Sono almeno quattro le chiare occasioni da rete che i padroni di casa
costruiscono nel giro di un quarto d’ora: al 28’ destro secco di Camara, respinge Ferro; dal corner seguente di Guzzi incornata dello stesso Camara e sfera sulla traversa; 60 secondi e Moretto,
smarcato di tacco da Peruzzi, si trova a tu per tu col portiere, ma manda alto; al 39’, infine, Camara carica il destro da fuori, costringendo l’estremo ospite ad un affannoso salvataggio.
E il Badoere con l’uomo in più da un’ora? Si difende e si accontenta di un pari che sarebbe già oro colato. E invece, senza quasi volerlo, va a centrare il successo, a due minuti dal 90’. Punizione di
Vidotto, Pezzato prolunga di testa, Bassi è sorpreso ma lo salva la traversa; nessuno tuttavia lo salva dal destro di Buranello, che si infila sotto la traversa come una lama nel fianco di un
Carmenta punito ben al di là dei propri demeriti.

Sull'Autore

Redazione2