Prima Categoria

Berton si rilancia battendo in rimonta la capolista Monteviale

Scritto da Federico Formisano

Berton Bolzano Monteviale  2-1

BERTON BOLZANO VICENTINO: Loria, Costa, Cailotto, Lovato ( dal 27’ st. Munari), Maruzzo, Visentin, Mamoci, Miotti, Cornale, Placido (dal 39’ st. Carli), Gianesini.  Allenatore: Zuccon A disposizione: Oliviero, Segato, Scapinello, Rizzato, Pizzato, Moresco, Infelise.

MONTEVIALE: Erba F., Zenere (dal 34’ st. Fait), Radodavljevic (dal 11’ st. Rainaldi), Shkembi, Cantarello, Perucca, Foletto, Cisco (dal 27’ Erba M.), Marzari, Belloni, Maiova (dal 15’ st.) Allenatore: Lazzaron A disposizione: Berno, Porcellato, Penzo, Bedin, Boateng.

Reti: Al 2’ Cantarello (MTV), al 50’ Cornale, al 78’ Miotti (B.B.V.)

Ammoniti: Perucca al 54’,Zenere al 59’, Shkembi al 62’(MTV), Gianesini al 66’, Miotti al 72’, Cailotto al 85’ (B.B.V)

Recupero: pt. 1’, st. 4’

Arbitro: Mattia Rosini di Vicenza

Rosini Mattia di Vicenza

Bolzano Vic. 12/01/2020

Oggi a Bolzano Vicentino è in programma lo scontro tra la prima della classe il Monteviale e il Berton B.V. che dopo la campagna acquisti di dicembre cerca in tutti i modi di dare un significato al proprio campionato fino ad ora molto avaro di soddisfazioni. Degli acquisti dicembrini sono in campo Miotti e Gianesini mentre Rizzato, Pizzato e Carli partono dalla panchina.

La partenza è di marca ospite, basti pensare che al primo affondo i ragazzi di mister Lazzaron passano. Calcio di punizione calciato a centro area da Cisco dove sbuca la testa di capitan Cantarello che anticipa Costa e trafigge il portiere Loria.

Di certo mister Zuccon non si aspettava un inizio così in salita per i suoi ragazzi, anche perché gli avversari sulle ali dell’entusiasmo riescono con facilità a contenere gli attacchi dei padroni di casa. Devono passare i primi venti minuti per vedere un Berton più tonico che comincia a chiudere gli ospiti nella propria metà campo non permettendo spesso di uscire palla al piede. In questo frangente si distinguono per intraprendenza il nuovo arrivato Gianesini sulla sinistra e il numero 9 Cornale protagonista di un bel duello con il proprio marcatore Perucca per tutto l’arco dell’incontro.

Gianesini in azione

Nella prima frazione troviamo un paio di buone parate di Erba nella parte centrale della frazione e la difesa ospite chiude con sicurezza i vari attacchi degli avanti locali.

La ripresa vede subito un Berton intenzionato a trovare il gol del pari che arriva al 5’ minuto quando uno svarione difensivo del numero 3 Radosavljevic, palla colpita male su rinvio, libera tutto solo Cornale davanti a Erba, tiro violento da non più di cinque/sei metri e il pareggio è servito. Grande festa in casa Berton.

I locali e gli ospiti non si accontentano del pareggio, ed è in questo frangente che le squadre si allungano concedendo agli attacchi migliori opportunità per concludere. E’ importante la maggiore freschezza atletica dei padroni di casa che sfruttano le doti di velocità dei propri avanti per mettere in difficoltà la difesa ospite, Bravo Erba a parare con i piedi in uscita una conclusione di Gianesini dai 16 metri.

 

 

La freccia del sorpasso viene esposta al 33’ quando su una mischia in area la palla giunge a Miotti che a pochi passi da Erba non ha difficoltà a depositare la sfera in rete, l’azione viene contestata dai difensori ospiti per una sospetta posizione dello stesso Miotti ma l’arbitro indica il centrocampo convalidando.

La squadra ospite nei minuti che mancano alla fine cerca di gettarsi in avanti alla ricerca del pari, ma così facendo si espone al micidiale contropiede dei ragazzi del Berton che con Cornale sfiorano la marcatura scheggiando la traversa, e trovo ancora Erba a chiudere la porta su un’altra buona occasione.

L’arbitro Rosini di Vicenza chiude  la sfida dopo 4 minuti di recupero , una direzione sufficiente con le ammonizioni sventolate a mò di deterrente per tenere nei corretti binari la gara. Purtroppo non ci è possibile rivedere l’azione del gol di Miotti, perciò bisogna fidarsi della buona fede dell’arbitro.

 

Sull'Autore

Federico Formisano