Prima Categoria

Una gara equilibrata risolta a 10′ dalla fine da una prodezza e l’Eurocalcio vola

Scritto da Federico Formisano

Fontanivese – Eurocalcio 0-1

Fontanivese: Bevilacqua, Mazzon, Zanchin, Antonello, Santi, Libralato, Agyeman, Petranzan, Bosco, Smania. Battistella; a disposizione Pontarolo, Daminato, Zaramella, Marcolongo, Pivato, Filoso L., Filoso G.  Allenatore: Torresan

Eurocalcio: Cucinato, Pigatto, Cuman, Ceccato (Vivian dal 31’) Toniolo, Memedovsky, Rech, Carniel, Frison (Corezzola dal 85), Moletta (Sbrissa dal 85’) Pasquetti (Airulaj dal 50’); a disposizione. Dal Monte, Marchesan, Marin, Osmani,  Gheno.  Allenatore Comacchio

 

Arbitro:Thomas Manzini di Verona

Cronaca e foto di Federico Formisano

Una gara troppo importante per la classifica con l’Eurocalcio primo e la Fontanivese che insegue ad un solo punto.  E come spesso succede quando la gara è importante si finisce con il trascurare la cosa più elementare di questo sport: il giocare, possibilmente bene,  a calcio.

Eppure gli elementi giusti ci sono tutti: un discreto pubblico ad assistere alla gara, due squadre che non lesinano certo lo spettacolo con giocatori di categoria.
A fare da corollario però anche altri elementi: la tensione della gara, un campo non in perfette condizioni e dalle dimensioni non adatte a praticare un gioco arioso.

Nella prima fase di gioco i vicentini sembrano più ispirati e Frison rappresenta una spina nel fianco nella difesa della Fontanivese che fatica a contenere la velocità dello sgusciante attaccante.  Ma le conclusioni latitano e la squadra ospite si fa notare solo per una conclusione di Cuman alta sulla traversa su invito di Pasquetti.

Bisogna aspettare 25’ per assistere alla prima vera azione pericolosa della gara: con un azione di Bosco che penetra in area da destra e impegna Cucinato.

Al 30’ l’Eurocalcio perde per infortunio Ceccato e Comacchio cambia anche l’impostazione della squadra: inserisce Vivian che va a fare la seconda punta mentre Rech e Pasquetti si pongono ai lati degli attaccanti come esterni in un classico 4-4-2

Sembra di intuire che il mister ospite abbia deciso di non giocare più con una fitta rete di passaggi ma cercando l’impostazione con lunghi lanci per la velocità di Frison e Vivian.

Però qualche sbavatura in difesa fa correre qualche rischio di troppo a Cucinato: al 34’ il contropiede libera il veloce Agyeman che non riesce a trovare la conclusione vincente. Poi su un errato disimpegno ci riprova ancora Bosco ma la difesa chiude bene.

Il secondo tempo procede sulla falsariga del primo con molto equilibrio e tanto gioco di contenimento. I portieri non corrono soverchi pericoli e la gara sembra scorrere verso la naturale conclusione del nulla di fatto. Ma a dieci minuti dalla fine Frison si inventa l’azione decisiva: l’ex giocatore del Mussolente scarta tre avversari e serve Ajrulaj che insacca con un tiro che bacia il palo e si insacca.

La Fontanivese reagisce e attacca con tutti gli effettivi sganciando sui calci da fermo anche il portiere Bevilacqua per cercare il pari. Ma l’Eurocalcio con la coppia centrale Toniolo- Memedovsky molto attenta non si fa sorprendere. Su una ripartenza dei rossoblu (oggi in maglia nera) capita ancora la palla buona ad Ajrulaj ma in quest’occasione il tiro è molto meno preciso e la palla esce a lato. Nei minuti di recupero su conclusione di Antonello, Cucinato compie una bella parata e l’Eurocalcio si porta a casa tre punti che gli permettono di accennare la prima fuga, incrementando quel bottino di punti e di record che gli ha permesso di dominare il 2019.

Sull'Autore

Federico Formisano