Seconda Categoria

Union Olmo C. due volte in vantaggio e due volte raggiunto a Tremignon

Scritto da Stefano Campana

REAL TREMIGNON – UNION OLMO CREAZZO 2-2

Pareggio sostanzialmente giusto a Tremignon dove i padroni di casa rimontano due volte gli ospiti
REAL TREMIGNON: 1. SCHIEVANO Giacomo, 2. NICOLE Manuele, 3. DE AGOSTINI Giulio, 4. DALLA LIBERA Jacopo, 5. CANTON Daniele, 6. SARDENA Diego ©, 7. CAZZOLA Mirco, 8. BARICHELLO Daniele, 9. GAMBA Michele, 10. NENZI Fabrizio (dal 17’ st 19. SYLL Mahmoud), 11. NDOYE Mame Moussa. Allenatore: Oscar TISO
UNION OLMO CREAZZO: 1. CASARA Stefano, 2. PASQUALOTTO Tommaso, 3. TOMMASINI Mattia Andrea © (dal 15’ st 15. GAROFALO Paolo), 4. PERRA Giulio, 5. MALTAURO Alessandro, 6. POLETTO Filippo, 7. CATTANI Francesco, 8. PORTINARI Gabriele, 9. STURARO Filippo (dal 23’ st 20. TONELLO Giovanni), 10. FIORAVANZO Luca (dal 10’ st 18. CAMPANA Nicolò), 11. SOTTORIVA Samuele. Allenatore: Ivan RIZZOTTO
Arbitro: Aurelian JORDAN (Sezione di Castelfranco Veneto)
Marcatori: 10’ pt Sturaro (UOC), 15’ pt Nenzi (RT), 25’ pt Sottoriva (UOC), 7’ st Nenzi (RT)

Pomeriggio soleggiato a Tremignon dove i padroni di casa del Real Tremignon, in completa divisa rossa, puntavano a conquistare 3 punti per agganciare la zona playoff contro l’Union Olmo Creazzo, pantaloncini neri e maglia a strisce biancoazzurre, che a sua volta puntava a fare punti utili a tenere lontana la zona playout. Alla fine sarà pareggio per 2-2, un pareggio sostanzialmente giusto che premia la voglia di far risultato degli ospiti, andati 2 volte in vantaggio nel primo tempo, e la caparbietà dei padroni di casa nel rimontare per due volte un risultato che li vedeva soccombere.

Un pareggio che tutto sommato piace sicuramente di più all’Union Olmo Creazzo, visto che nessuna delle squadre che la precedono o che la seguono in classifica ha fatto bottino pieno, ma che non può piacere altrettanto al Real Tremignon che pur mantenendo invariata la distanza di tre punti che la separava dalla zona playoff, in virtù del pareggio casalingo della Campodorese, si vede scavalcato in classifica dal Grantorto vittorioso a sorpresa sul campo del Junior Monticello secondo in classifica.

Fasi di studio nei primi minuti con gli ospiti che sembrano disposti a lasciare l’iniziativa al Real Tremignon, entrato in campo apparentemente un po’ svogliato, pronti magari a tentare di colpirlo con rapide ripartenze. E la prima fiammata in avanti dell’Olmo Creazzo frutta anche il primo vantaggio. È il 10’ quando gli ospiti cercano di infilare i padroni di casa sulla trequarti costringendoli al fallo. Batte la punizione Fioravanzo e Sturaro sorprende il portiere di casa Schievano portando il risultato sullo 0-1.

Sturaro

La reazione dei padroni di casa è veemente ma inizialmente sterile. Minuto dopo minuto però il Tremignon prende campo e al 15′ perviene al pareggio. Azione di ripartenza ben sviluppata con lancio sulla destra per Ndoye che arriva sul fondo e mette un bel cross rasoterra a centro area dove si avventano ben due attaccanti in maglia rossa. Ha la meglio Nenzi che di piatto dal limite dell’area piccola non deve far altro che spingere il pallone in rete e portare la sua squadra sull’1-1.

Nenzi

Sulle ali dell’entusiasmo i padroni di casa provano a mettere pressione agli ospiti che però non vanno mai in apprensione se non su un paio di iniziative del velocissimo Ndaye. Al 25’ è proprio il n. 11 in maglia rossa che, come in occasione del gol del pareggio, scende veloce sulla destra e tenta di servire un compagno davanti alla linea di porta. Questa volta però ha la meglio la difesa biancoazzurra che riesce la rinviare la palla su Cattani che controlla la sfera, prima attende che i compagni di reparto si proiettino in contropiede e poi lancia sulla fascia sinistra Fioravanzo che dribbla il diretto marcatore e poi mette palla in mezzo per Sottoriva che a contatto con Schievano approfitta di un rimpallo, si ritrova di nuovo la palla sul piede destro, e ad un metro dalla porta con il portiere a terra non ha difficoltà ad insaccare il pallone del secondo vantaggio ospite.

 

Sottoriva

I padroni di casa questa volta sembrano subire un po’ il colpo e al 27’ concedono un veloce contropiede a Cattani che parte dalla sua metà campo e ad un paio di metri dal limite dell’area viene steso da dietro dal capitano
Sardena che nell’occasione viene anche ammonito. La posizione è sicuramente invitante ma il tiro di Fioravanzo non riesce a scavalcare la barriera. Gli ultimi minuti della frazione di gioco sono appannaggio dei padroni di casa che hanno una prima occasione al 40’. Punizione dalla trequarti per fallo sul centravanti Gamba. Batte Canton su Nicole che gli restituisce palla. Lo schema dà i suoi frutti e permette a Canton di lanciare a Dalla Libera che si è liberato in area. Stop e tiro a giro con la palla che sfiora il palo alla sinistra dell’attento portiere Casara. E nel minuto di recupero concesso dal giovane direttore di gara Jordan della Sezione di Castelfranco Veneto, il
Real Tremignon tenta di approfittare di una mischia in area, a seguito di un ennesimo calcio da fermo, con conclusione di Sardena sul corpo di un difensore e palla in corner battuto senza esito.

Il secondo tempo inizia come era finito il primo, con i padroni di casa proiettati in avanti alla spasmodica ricerca del pareggio. E la voglia di raddrizzare la gara dà i suoi frutti già al 7’. Solita discesa sulla destra di Ndaye e solito cross rasoterra teso. L’estremo difensore ospite Casara c’è ma sulla ribattuta Nenzi colpisce il palo prima che la difesa riesca a mettere la palla in calcio d’angolo. Sul corner è lo stesso Nenzi che stacca pressoché indisturbato e di testa fa 2-2. Al 10’ con l’ingresso in campo di Campana, proveniente dall’FC Vicenza e all’esordio stagionale con l’Union Olmo Creazzo, inizia una serie di cambi con cui i due allenatori cercano di immettere forze fresche in campo.
Nella mezz’ora finale però il gioco appare più confusionario e meno fluido che non nella prima frazione di gioco e molto spezzettato dai tanti falli. Il Real Tremignon ha sicuramente cercato di più il gol della vittoria, ma più con furia agonistica che con efficacia, mentre l’Olmo Creazzo è parso accontentarsi del risultato di parità e ha cercato di controllare, peraltro con successo, le folate offensive avversarie. Solo un paio di azioni di rilievo vanno segnalate e sono a favore dei padroni casa. Al 20’ bel lancio sulla sinistra su Cazzola che entrato in area scocca un gran tiro in corsa con la palla che esce una spalla dall’incrocio dei pali opposto. Al 29’ l’occasione più nitida:
corner battuto dalla destra da Cazzola con la palla che passa davanti a 6-7 giocatori e arriva sui piedi del forse sorpreso Dalla Libera che da un metro alza sopra la traversa.
Nessun’altra emozione fino al 3’ di recupero quando la difesa ospite è costretta a fermare fallosamente Ndaye sul limite della lunetta. Batte lo stesso numero 11, deviazione della barriera e palla in corner. Batte ancora Cazzola ma questa volta anticipa tutti Campana che di testa mette la palla fuori area. E sul colpo di testa del centrocampista biancoazzurro arriva il triplice fischio del direttore di gara che mette fine alle ostilità.

Stefano Campana

Sull'Autore

Stefano Campana