“banner



Edicola EVIDENZA

L’edicola del venerdì: la calda estate….

Scritto da Federico Formisano

Oggi Ruzza ha dichiarato al Pippocalcio.it “Il CRV come già ribadito tante volte, pensa che visti i dati forniti quotidianamente non si possa iniziare e che ufficialmente non ha sospeso nulla. Anche perchè sarebbe un arbitrio. Stiamo portando avanti questo pensiero in ogni sede. Il prossimo step sarà il 14 aprile. Poi si deciderà. Ribadisco il Comitato Regionale Veneto della Figc UFFICIALMENTE NON HA SOSPESO NULLA. Saluti”

Pitton e Ruzza

Ieri abbiamo pubblicato il pensiero di Patrik Pitton in linea con quello di Giuseppe Ruzza e ribadito ieri sera nella trasmissione Tg Bassano. Pitton ripropone la promozione delle prime, nessuna retrocessione e i ripescaggi delle squadre migliori fra seconde e terze (nell’eventualità che ci siano fusioni o mancate iscrizioni).  Pitton mette nel conto anche il fatto che i gironi possano essere formati da più squadre rispetto alle canoniche 16.  Si auspica poi che il Ministro dello Sport chiuda i campionati con un decreto di sospensione (definito tombale) che taciti tutti coloro i quali volevano concludere questa stagione perché in posizione utile per i play-off. Almeno questo fa chiarezza sul fatto che non potrà essere un decreto a stabilire quali squadre promuovere e quali retrocedere.  In conclusione Pitton parla anche di una decisione univoca a livello nazionale, e sul fatto che si arrivi ad una decisione concorde,  esprimiano ancora qualche dubbio.  E  a questo riguardo vi invitiamo quanto ha dichiarato oggi il Presidente Sibilia.

Noi abbiamo fatto una raccolta delle proposte per uscirne che ci sono arrivate in redazione e valutate voi quale può avere più senso.

  • PROSEGUIMENTO STAGIONE CON PROROGA TESSERAMENTI proroga dei tesseramenti fino al termine del campionato e rinnovo delle assicurazioni contro gli infortuni. Chi, al 30 Giugno vuole liberarsi puo’ farlo ma non si puo tesserare con altra societa’ fino al termine del campionato corrente. Il campionato viene portato a termine senza play off e play out. La prima viene promossa e la seconda viene inserita nella graduatoria dei ripescaggi. Le ultime tre retrocedono. un mese di stop per calcio mercato e formulazione dei nuovi campionati. Se il numero delle squadre, comprese le ripescate e’ inferiore al numero necessario per fare gironi da 16 si fanno gironi piu’ corti. Causa inizio in ritardo della stagione, non si faranno play off e play out e varranno le stesse regole di quest’anno. dall’anno dopo poi puo’ essere ripristinato tutto.Per completare i gironi dopo i ripescati promosse le seconde e le terze delle coppe che saranno svolte con gare secche a partire dal primo turno. Questo vale Prime squadre e juniores. Per i giovani si riparte da come eravamo quest’anno.Ma per i tesseramenti stesse regole dei più grandi.E quindi fino ad ottobre tornei precampionato con nulla osta illimitati. Il Comitato dovrebbe fare una marcia indietro e ci sembra decisamente complicato per Ruzza tornare sulle decisioni già assunte
  • CAMPIONATO RIPRESO A SETTEMBRE:   “congelare” le attuali classifiche e poi ripartire, ipoteticamente, a settembre? Si può magari velocizzare, con turni infrasettimanali la stagione seguente. Anche in questo caso si dovrebbe assistere ad un cambio di linea del CRV ed inoltre verrebbe danneggiata anche la prossima stagione.
  • LA PROMOZIONE D’ELITE: un dirigente propone di creare una categoria intermedia tra l’Eccellenza e la Promozione che raccolga le formazioni retrocesse dall’Eccellenza in modo da garantire comunque un livello più elevato dell’attuale Promozione. Il che potrebbe far accettare la retrocessione anche a campionato non ultimata (si tratterebbe di una sorte di Promozione d’Elite). Proposta abbastanza laboriosa. E poi un girone veneto comporterebbe trasferte molto lunghe.
  • STAGIONE 2020/21 ABBREVIATA: Perché non provare a pensare ad una stagione 2020/21 più breve, con un minor numero di squadre per girone, esempio 12, con partenza a ottobre per dar tempo a tutti di riorganizzarsi e soprattutto alla federazione di affrontare tutti i ricorsi che arriveranno? Magari sviluppando in un modo innovativo la Coppa, alla quale potranno partecipare le società già “pronte” che occupi comunque il periodo agosto settembre ottobre e che venga premiata maggiormente a fine stagione (promozione certa per le due finaliste ad esempio)  È sicuramente un’idea che va fuori dai soliti canoni  cui siamo abituati, ma forse tutta la situazione non é “canonica”, quindi si dovrebbe cominciare a pensare in modo completamente diverso da come si é fatto fino ad oggi… Però c’è un problema di fondo: stiamo parlando di calcio, il gioco più tradizionalista che ci sia. Siamo pronti ad affrontare queste novità? Perché se siamo legati troppo al nostro vivere tradizionale, forse nn avremo problemi solo nel calcio, ma anche nella quotidianità extrasportiva. Anche in questo caso ad essere sacrificata sarebbe la prossima stagione
  • CLASSIFICHE A FINE ANDATA: perché non congelare le classifiche alla fine del girone d’andata: tutte le squadre hanno giocato almeno una volta con le loro avversarie. E questo non creerebbe delle situazioni di disparità per cui una squadra che è seconda con un punto da recuperare ma ha lo scontro diretto con la prima (magari in casa) si consideri la vincitrice morale del raggruppamento e non accetti di vedere gli avversari promossi. Il ricorso delle squadre attualmente al comando sarebbe scontato.
  • AZZERAMENTO DELLA STAGIONE: Campionati annullati, tutte le squadre ripartono dalla categoria in cui si trovavano ad inizio stagione. E alle squadre che hanno praticamente già vinto il campionato chi glielo va a dire… Inoltre si salverebbero squadre che non hanno meritato di rimanere nella categoria (come quelle che non hanno ancora vinto una gara). Certi i ricorsi delle squadre che hanno un buon vantaggio di punti. E inoltre anche ingiusto negare a squadre che lo hanno meritato il passaggio di categoria.

La sospensione del campionato ormai è  un fatto quasi assodato. E soprattutto condiviso abbastanza ampiamente visto che tutte le squadre che rischiano retrocessione o play-out e quelle che non hanno più nessun interesse, si saldano al gran numero di società che ha problemi di natura economica. Il vero problema una volta deciso questo è come gestire il poi: ed è lì che ci attendiamo una calda estate..

Federico Formisano

Le notizie pubblicate ieri sul nostro sito:

http://www.calciovicentino.it/2020/04/02/ledicola-del-giovedi-gravina-e-ghirelli-pensano-ancora-a-finire-la-stagione/ Le dichiaraizione di Gravina e Ghirelli. Le altre notizie, le interviste, i commenti.

http://www.calciovicentino.it/…/perche-non-ci-metteremo-ma…/ Il presidente regionale annuncia la conclusione della stagione ma ci sono dei puntini da mettere nelle i e noi li mettiamo

http://www.calciovicentino.it/2020/04/02/pitton-lesigenza-di-un-segnale-forte-spadafora-si-riparte-a-maggio/ la telefonata di Patrik Pitton e le altre notizie del pomeriggio.

http://www.calciovicentino.it/2020/04/01/settori-giovanili-dopo-lo-schio-il-camisano/ Con Luca Di Massimo responsabile del settore giovanile del Camisano affrontiamo un tema nuovo quello dei settori giovanili.

http://www.calciovicentino.it/2020/04/02/tezze-il-racconto-di-giulio-vallarsa-e-inoltre-i-dati-sulla-squadra/ Giulio Vallarsa fa il punto della situazione in casa  Tezze ed inoltre le presenze e le reti realizzate finora , la rosa e le statistiche della squadra.

A

Almanacco: Continuiamo la pubblicazione delle pagine dell’Almanacco come immagini ridotte.  Queste sono le pagine dedicate al Tezze

B

Barolo: Sergio Barolo, dirigente prima categoria e responsabile settore giovanile, Aqs Borgo Veneto: Nel rispetto di tutte le società, dalla piu piccola alla più forte, da chi ha potuto investire e chi non ne aveva le possibilità, il mio, modesto, parere e questo: campionati annullati, e si riparta (speriamo) dalla prossima stagione con stessi gironi, stessi organici, e si riparti da zero. Capisco che, le prime in classifica, alcune già quasi promosse, non gradiranno questo mio modo di vedere il proseguo del nostro amato gioco, ma mi viene spontaneo essere chiaro. Per la Figc ci sarebbe il 95% delle società soddisfatte, e magari d’accordo, capisco il 5% incazzato( giustamente) ma questo porterebbe pochissimi problemi per Figc, che si troverebbe i campionati gia compilati, e per le società una ripresa gia sicura, senza spese per iscrizioni e tesseramenti, E trasferimenti vari.. io la penso così, e credo che anche per quei pochi  sponsor che ci rimarranno, almeno inizialmente possa essere una vetrina da sfruttare già da ora, conoscendo gia il futuro di tutte le squadre delle società..

Bollettino Coronavirus :  

Sono 115.242   contagiati in Italia (attualmente positivi 80.572). Le  guarigioni sono 16.847 con un incremento di 2937 in un giorno.   Purtroppo anche 13.155  decessi (7593,  dei quali in Lombardia, la regione che da sola ha il 60% dei decessi ).  Sono 9748 i malati nel Veneto, 123 in più rispetto a ieri mattina.  Sono 517 le persone decedute: 17 più di ieri. Inizia ad essere significativo i dati dei dimessi 961.  Le persone attualmente ricoverate in terapia intensiva sono 348.   1376  invece i casi della provincia di Vicenza con  101 persone ricoverate al San Bortolo, 26 delle quali in terapia intensiva. E in provincia finora ci sono stati 69 decessi. In città ci sono finora 140 casi rilevati.

Vicenza  si inserisce al quarto posto dopo Padova che ha 2227 casi, Verona con  2221,  Treviso con  1529, e davanti a Venezia che ha 1192 casi.   A Vo non si registrano casi nuovi (ormai sono tre le settimane esenti).  La dinamica in Veneto dice che c’erano 25 casi lunedì 24 febbraio, 45 martedì, 71  mercoledì, 98 giovedì,  116 venerdi e 151 Sabato, 223 domenica.  265 lunedì 2 marzo , 291 martedì, 333 mercoledì, 386 giovedì, 459 venerdì,  511 sabato, 598  domenica, 744 lunedì 9 marzo, 771 martedì, 913 mercoledì, 1023  giovedì, 1673 venerdì, 1994 sabato, 2246 domenica,  2451 lunedi 16 marzo,  2670 martedì,    2923 mercoledì, 3384 giovedì , 3751 venerdi, 4237 sabato, 4809 domenica, 5272 lunedì, 5638 martedi, 6069 mercoledì, 6583 giovedì, 7200 venerdì, 7735  Sabato, 8100.

C’è anche un nuovo sito per seguire gli aggiornamenti regione per regione: www.italiatuttobene.it

 

G

Gol al Corona Virus !!!!   ieri ha aderito anche il Novoledo : nei giorni scorsi sono arrivate  le adesioni del Belvedere, del Pozzetto di Cittadella, del  Real Brogliano, del Telemar e del Futsal Cornedo, dell’Alto Astico Cogollo, della Spes Poiana e dell’Eurocalcio, dell’Azzurra Maglio, dell’Academy Plateola, del Breganze. Altre società hanno chiesto i dettagli per le offerte.

Queste le società che hanno finora provveduto a destinare somme per gli ospedali di Bassano, Padova, Vicenza, Santorso e per la Croce Rossa di Verona est.

7 Comuni,  7 Mulini, Academy Plateola,  Aia Vicenza, Altavilla, Alte, Altivolese,  AltoAstico Cogollo,  Azzurra Maglio, Azzurra Sandrigo,  Bassan Team Motta,  Bassano,  Belvedere, Berton Bolzano, Bissarese, Breganze, Brendola,  Calcio Vicentino,  Calidonense, Camisano,  Castelgomberto,  Chiampo, Due Monti, Eurocalcio, Futsal Cornedo, Grantorto, Grisignano, Junior Monticello, La Contea,  Lampo, Le Torri,  Longare,  Lugo, Malo, Molina, Montebello, Pedezzi,  Poleo, Pozzetto,  Real San Zeno,  Real Valdagno, Sambonifacese, San Giovanni Ilarione, San Vitale, San Vito Bassano,  San Vito Cà Trenta, Sarcedo, Schio, Silva, Solagna, Sovizzo,  Spes Pojana, Telemar, Thiene, Transvector, Treschè Conca,   Trissino, Unione La Rocca, Union Olmo Creazzo, Valdalpone, Zanè  Sono pervenute anche offerte di singoli giocatori, allenatori o dirigenti.

N

Novoledo: Calcio Novoledo Villaverla ha organizzato una raccolta fondi interna (Prima Squadra, dirigenti e staff tecnico del Settore Giovanile) e ha effettuato una donazione a “Vicenza for Children” per i presidi sanitari per l’emergenza Coronavirus.

P

Presenze e reti: finora abbiamo pubblicato i dati (di cui abbiamo tenuto conto o che ci sono stati forniti dalle società) di queste squadre:  7 Comuni, Altair, Alta Valle del Chiampo, Altavilla,  Alto Astico Cogollo, Arcugnano, Arzignano, Aurora Cavalponica, Azzurra Maglio, Azzurra Sandrigo, Bassano,   Berton Bolzano, Bissarese, Bp 93, Breganze,  Calidonense,  Camisano, Carmenta, Cartigliano,  Cassola, Castelgomberto, Chiampo, Colceresa, Dueville, Eurocalcio, Grantorto, Grisignano, Grumolo,  Isola Castelnovo, Junior Monticello, Lakota,   La Rocca,   Le Torri, Longare,  Lugo, Maddalene, Malo, Marola, Marosticense,  Molina, Montebello, Montecchio, Monte di Malo, Monteviale, Nova Gens,   Novoledo, Orsiana,  Pedemontana,  Poleo, Pozzetto, Rosà, San Lazzaro, San Pietro Rosà, Santomio, San Vitale, Sarcedo, Schio, Summania, Telemar, Tezze, Thiene,  Transvector, Trissino, Union Olmo Creazzo,  Union Csm, Valbrenta, Valdagno, Valli, Vicenza, Virtus Cornedo, Zanè .

S

Sibilia: “Io esprimo un giudizio. Aspettiamo senza fare previsioni, che possono essere smentite da un giorno all’altro. Se devo dire con certezza quello che succederà, non sento di pronunciarmi. Vogliamo chiudere questa tragedia del Coronavirus e con la collaborazione delle istituzioni cercare di rimettere al centro il pallone e far ricominciare i campionati. C’è una valutazione approssimativa della questione, e dobbiamo rispettare le regole affinchè passi subito questo momento. Come LND vogliamo portare a termine il campionato: secondo noi il giudice deve essere il campo e vogliamo raggiungere questo obiettivo, quando le condizioni saranno ottimali.  Tutti i campionati devono ripartire. Il calcio esce insieme da questa situazione. Io sono il responsabile di una miriade di società: 12000, 60mila squadre oltre un milione di tesserati e organizziamo circa 550-600 partite l’anno. Siamo stati i primi a fermare il campionato, e per questo ringrazio anche i comitati regionali. Noi siamo un mondo che rappresenta tante persone e tante qualità umane che portiamo sui campi di calcio, che ne uscirà da questa situazione quando e se ci saranno le condizioni sanitarie. Non vogliamo mandare nessuno allo sbaraglio. Prima vorremmo chiudere questa tragedia: partiremo tutti insieme dalla Serie A arrivando ai campionati regionali. All’attenzione di tutti ci saranno i campionati professionistici (A-B-C), noi siamo pronti a ripartire con le cautele del caso. Oggi si faceva l’ipotesi del 17 maggio: se dovessimo ripartire nella seconda metà di maggio, chiudiamo il campionato a fine giugno, giocando tre volte a settimana. Tutti abbiamo l’obbligo di portare a termine i campionati. Vogliamo impiegare 40 giorni per chiudere il campionato. Si riparte dall’ultima giornata e si completa (8 partite nei Gironi del Sud e 11 per quelli colpiti dal Coronavirus). Se ci saranno le condizioni, ci si potrà allenare quanto prima, ma dobbiamo aspettare i fatti: con il 14 Aprile si chiude con un provvedimento del Governo. Noi siamo pronti a discutere il tutto e raggiungeremo il risultato”. 

V

Vicenza:  Guerra  “Ci manca tutto: il campo di allenamento, lo stadio…Ci mancate voi” Appuntamento live sul nostro profilo ufficiale Instagram con LR On Air. Quest’oggi in compagnia in una diretta condivisa di Simone Guerra e Mirko Albertazzi che hanno risposto alle curiosità dei tifosi.

Sei in scadenza? “Io a livello contrattuale ho un opzione di rinnovo in caso di vittoria del campionato, spero quindi che il campionato si possa concludere con una promozione per poter dire la mia anche l’anno prossimo”.
Il tuo miglior gol quest’anno? “Credo sia stato quello di Cesena, in una partita bella e importante, è stata una bella azione che si è conclusa nei migliori dei modi”.
Se si vince il campionato che propositi avete? “Si spera di chiudere questo campionato, siamo ancora in casa fino al 13, attendiamo, abbiamo voglia di ritornare in campo, di dire la nostra e di chiudere il campionato nel modo in cui tutti speriamo”.
E se la Serie B arrivasse a tavolino? “Diciamo che siamo primi e lo siamo per merito per quanto successo finora in campo, se dovesse avvenire la sentirei comunque mia. Speriamo comunque che riparta il campionato”.
Come vi allenate? “La società ci ha messo a disposizione un bel po’ di attrezzature per tenerci in allenamento, cyclette, step, pesi. La società è stata presente e speriamo che finisca presto questo periodo”.
Come stai passando questo periodo? “Lo trascorro in casa con la famiglia, ogni tanto disegniamo, cuciniamo, facciamo un po’ di attività per passare il tempo, abbiamo un cane, a volte esco con lui per prendere un po’ d’aria. Inoltre mi sto impegnando, insieme a mia moglie preparo qualche pizza, pasta o torta, ci sto provando, qualche risultato buono è riuscito”.
Se ripartiamo le motivazioni saranno inferiori? “Le motivazioni non calerebbero, ci saranno tante partite in poco tempo e dovremmo essere sempre sul pezzo. Sicuramente il ritmo partita non sarà lo stesso all’inizio anche perché stiamo lavorando da casa, ma il ritmo gara è un’altra cosa”.
Il difensore più tosto che hai incontrato in questa stagione? “Credo Lovato del Padova, adesso è andato a Verona. Credo sia stato quello più duro. I nostri difensori però in allenamento sono davvero tosti. Padella è meno aggressivo rispetto alle partite, invece giocare contro Bizzotto, Pasini e Cappelletti è dura, sono fastidiosi, giocano sempre con le mani addosso, non è facile giocare contro di loro”.
Cosa si prova a portare la maglia del Vicenza? “È un grande orgoglio portare questa maglia, è una società storica, con un pubblico che ti fa vivere grosse emozioni, ti dà quella sensazione in più di fare calcio vero”.
Come ti trovi a Vicenza? “Bene, io mi trovo bene, anche la mia famiglia si trova bene perché è una città che ti fa stare sereno e tranquillo, quindi spero di rimanerci”.
Chi è più forte tra la Reggiana e il Carpi? “La Reggiana penso sia la squadra che esprime il miglior calcio nel girone, il Carpi invece è una squadra molto fisica”.
Il gol più bello del Vicenza quest’anno? “Ce ne sono 3: quello di Pontisso contro la Sambenedettese, quello di Bruscagin contro la Reggiana e quello di Marotta con la Feralpisalò”.
Quali sono i giocatori della Berretti che ti hanno impressionato di più? “Ci sono giocatori bravi come Issa, si è allenato con noi e ha fatto anche una panchina a Pesaro, se in futuro non perderà la testa potrà provare a far carriera. Poi Mancini ma anche Alberto degli Allievi
Com’è Mimmo? “Il mister si fa sentire, poi lui in passato ha avuto tanti successi qui e vorrebbe ripeterli da allenatore. Ci tiene molto e ci sta facendo capire quanto sia importante giocare per il Vicenza”.
Sarai il capocannoniere della squadra? “Me lo auguro ma l’importante è l’obiettivo di squadra”.

 

info@calciovicentino.it
Telefono e Whatsapp 335 7150047
Facebook / calcio vicentino

Sull'Autore

Federico Formisano