Serie C

Arzignano: i pareri e i dati

Scritto da Federico Formisano

Le dichiarazioni raccolte ancora nelle settimane scarse da Nicola Ciatti, addetto stampa, al presidente Lino Chilese e al mister Colombo, integrate con quelle del Mattia Serafini (da pianeta-calcio.it) ci permettono di introdurre i dati statistici sulla squadra, le presenze e le reti e l’Almanacco versione 2019/20.

Colombo:

 In queste ultime settimane abbiamo imparato a conoscere un avversario diverso da quello che abitualmente affrontiamo sui campi da calcio. Un avversario silenzioso, invisibile, ma molto pericoloso. Però ci è anche stato spiegato come affrontarlo ed evitarlo: certi comportamenti sono da tenere in grande considerazione. Sono sicuro che una volta che raggiungeremo il comportamento ideale avremo tutto il tempo per correre sui campi da calcio, per far urlare la gente ai nostri gol, e per tornare a far appassionare la gente a tutto quello che ruota attorno alla nostra realtà, alla prima squadra e al settore giovanile. Non si giudica una persona se non riesce a vincere, ma da quante volte riesce ad alzarsi dopo una caduta: sono sicuro che ci rialzeremo, ancora una volta, e dimostreremo quanto siamo forti, noi come FC Arzignano Valchiampo, ma soprattutto noi come Italiani. Il nostro grazie vada poi a tutti i medici, infermieri e operatori sanitari che stanno facendo un lavoro splendido, ed è loro che dobbiamo ringraziare se c’è speranza e se ogni giorno ci sono sempre più persone che guariscono. Grazie”

 

 

 

Chilese

Un momento così particolare come quello che stiamo vivendo lascerà il segno. Poco da fare. Ma quando riprenderemo, sarà ancora più bello, e inizieremo davvero ad apprezzare il valore delle cose. Anche nello sport, anche nel calcio: ci manca tanto il nostro FC Arzignano Valchiampo. Manca tantissimo anche al suo presidente, Lino Chilese, che ha deciso di mandare un messaggio, a distanza di sicurezza, ai tifosi giallocelesti, e a tutti gli appassionati del mondo del pallone.  “Carissimi tifosi, amici, stiamo vivendo un periodo che non ha precedenti. Io, da imprenditore, spero che le cose si sistemino in fretta: dobbiamo cercare di tutelare il lavoro delle persone, nel miglior modo possibile.  E’ però il momento di fare dei sacrifici, poco da girarci attorno. Lo dobbiamo fare per noi stessi e per le persone che amiamo: anche io sto rispettando la regola dello stare a casa, dobbiamo farlo tutti. Ci manca il calcio, io questo sport l’ho vissuto in tutti i ruoli possibili, e starne lontano è davvero difficile, ma indispensabile. So che ce la faremo, tutti insieme, perché dimostreremo al mondo intero cosa significa essere italiani: io ho grande stima del nostro popolo, sono certo che faremo vedere a tutti di che pasta siamo fatti e ne usciremo. Per il resto, a tutti i nostri tifosi e appassionati dico di non mollare, di continuare a starci vicino anche a distanza di sicurezza…”.

Serafini (dichiarazione raccolta da Andrea Nocini per www.pianeta-calcio.it

Per adesso stiamo attendendo di avere una linea guida, delle disposizioni per capire come dobbiamo comportarci a seconda di quello che richiede questo momento così delicato. La ripresa solo se saremo nelle condizioni di andare in campo, supportati da uno staff medico, composto da dottori e sanitari, al fine di salvaguardare prima di tutto la nostra salute. Intanto, mi auguro che si abbassi fino alla soglia zero il tasso di letalità causato dal Coronoavirus; e, questo grazie alla scoperta di un vaccino. I nostri ragazzi si stanno allenando con lena, all’interno delle loro mura domestiche. So che il primario obiettivo del club gialloceleste che rappresento è il raggiungimento della salvezza, e, se si dovesse riprendere, tutto sarà quindi finalizzato a quel traguardo

Dovessi essere chiamato a suggerire in che maniera, a livello di verdetti, si può archiviare definitivamente – non si dovesse più andare in campo -, questa stagione, quale idea propineresti nella stanza dei bottini della serie C? “Non so risponderti, non voglio esprimermi per non cadere in baggianate. Speriamo che ci siano persone, là di sopra, più intelligenti e più preparate, in grado di prendere le decisioni più imparziali, più consone, più giuste rispetto al sottoscritto”. Che calcio si configurerà in serie C nella prossima stagione calcistica 2020-21? “Il calcio non morirà, se è questo a cui lei vuole alludere: diciamo che sarà l’occasione per rivedere un po’ di situazioni, un’opportunità per vedere la sostenibilità della nostra categoria. Vedremo prima cosa decideranno le varie Leghe calcistiche. Il calcio, tra tutte le industrie che attendono di ripartire, è una realtà che va in secondo piano: ha, alla pari di ogni altra disciplina agonistica, uno scopo sociale importante, come quello, ad esempio, di togliere i ragazzi dalla strada, di favorire la socializzazione, altro. E, vedremo, dopo aver fatto bene i propri conti, quanto le aziende del territorio potranno devolvere al calcio. Speriamo che il segmento calcio venga aiutato con qualche decreto governativo al fine di salvaguardarne la sostenibilità e la continuità”.

I dati

 

L’Arzignano   è  terzultimo in classifica con 22  punti,staccato di  una sola lunghezza dall’Imolese ma con un gara in più per gli emiliani. Ben 15 punti sono stati fatti in trasferta solo 7 al Menti. Ha vinto 4  gare (tutte in trasferta), ne ha pareggiate 10 e ha perso 12 volte. Ha segnato 18  reti (peggior attacco del girone) e ne ha subite 32 (ben 9 squadre hanno fatto peggio).

Presenze e reti:  Portieri: Faccioli 1 , Tosi 24, difensori: Barzaghi 20,  Bigolin 10 (1), Bonalumi 25 (2), Lo Porto 11, Pasqualoni 20,  Tazza 23, centrocampisti: Balestriero 25 (2), Calcagni 7,  Casini 9, Hoxha 15, Maldonado 25  (1), Pattarello 20, Perretta 25, Attaccanti: Cais 25 (2), Ferrara 14  (1), Heatley 8, Piccioni 19 (3), Rocco 23(3) ceduti a gennaio: Bachini 14, Valagussa 15, Anastasia 11,

La rosa:

Portieri:  Cristian Amatori (2002 dal Venezia), Diego Faccioli (98 dal Lentigione),  Riccardo Tosi (99), Difensori: Riccardo Barzaghi (96 dal Ravenna), Danilo Pasqualoni (94 dal Sud Tirol),  Salvatore Tazza (98 dal Benevento) Simone Bonalumi (94 dal Giana), Cristiano Bigolin (90), Matteo Calcagno (2000 dal V. Francavilla), Alessandro Lo Porto (96 dal Gubbio), Centrocampisti Marco Hoxha (98), Davide Balestrero (95 dall’Albissola), Gabriele Perretta (2000 dall’Empoli), Riccardo Calcagni (94 dal Pontedera) Riccardo Casini (92 da Rimini) Luis Alberto Maldonado (96) Alessandro Sbaffo (90 dal Gubbio);  Attaccanti Gianmarco Cavaliere (2001), Vincenzo Ferrara (93 dalla Virtus Verona), Emiliano Pattarello (99 dal Bologna),  Davide Cais (94 dall’Albissola) Kayro Flores Heatley (98 dalla Cavese), Daniele Rocco (90 dalla Giana Erminio) GianMarco Piccioni (91, dal Rimini), Daniel Kouko (89 dall’Albinoleffe).

L’Almanacco 2019/20

La nostra inchiesta corredata dai dati aggiornati (presenze e reti, statistiche, rosa e staff delle squadre) ci ha  portato finora a sentire gli allenatori e i giocatori di queste squadre:
Serie C  (2 su 2) : Vicenza e Arzignano (Colombo e Chilese)
Serie D (1 su 1):
Cartigliano (Camparmò, Di Natale, Murataj e  Pellizzer)
Eccellenza (2 su 2):  Matteo Girlanda mister del Montecchio e Federico Molinari del Camisano
Promozione gironi A e B  (14 su 14) Giocatori: Dalla Benetta del Rivereel, Sandonà del Bassano, Benvegnù dello Schio, Lovato del Cornedo, Contro della Marosticense, Battaglia del Rosà, Borotto del La Rocca, Vallarsa del Tezze, Lissandrini del Montebello, Mietto della Calidonense, Zanin del Longare, Davide Dalla Bona del Valbrenta, Marchetti del Marola, Azzolini e Spanevello del Sarcedo.
Prima categoria girone B (3 su 3) e  C (11 su 16): Lazzaron del Monteviale, Lelj del Le Torri,  Remonato della Pedemontana, Nicolè dell’Azzurra Sandrigo , Rosin del Grisignano, Bozzetto dello Zanè, Zuccon del Berton Bolzano, Motterle del San Lazzaro, Fontana del Summania, Cogno dell’Arcugnano e Zordan del Due Monti. Panarotto, Bajramaj e Diquigiovanni del Chiampo, Tugnoli del Sovizzo, Nicola Dalla Bona del Real San Zeno
Seconda Categoria gironi E (7 su 16)  e F (6 su 16) : Mariga del Bp 93, De Franceschi del Grumolo, Cesarano della Junior Monticello,  Masiero dell’ Union Campo San Martino, Maggi del  Telemar, Dal Lago del Maddalene, Rizzotto dell’ Union Olmo Creazzo,  Lorenzi del Valli, Colombo del  Thiene, Dal Bianco del Lugo,  Baù del  7 Comuni, Poletto del Molina, Scarpinato dell’ Orsiana

 

Sull'Autore

Federico Formisano