Seconda Categoria

Seconda categoria girone G: Il punto finale di Observer

Scritto da Federico Formisano

Con il playout di ritorno giocato ieri e vinto dall’Olympia Cittadella nel derby tutto cittadellese contro il Pozzetto è terminato anche il girone G di Seconda Categoria che ha visto trionfare il Colceresa alla penultima giornata su un Nove che comunque si è preso il palcoscenico a livello regionale, vincendo la Coppa Veneto e prendendosi la Prima categoria dalla porta di servizio.

La festa del Colceresa

Il duello tra le due contendenti ha visto primeggiare in un testa a testa emozionante forse la squadra che ai nastri di partenza sembrava la meno attrezzata tra le due, ma volendo dare un giudizio soggettivo forse la differenza l’ha fatta il gruppo e il fatto di non partire con i favori del pronostico, quasi a fari spenti. Per il Nove invece già tante aspettative a inizio campionato che sono state ripagate guardando soprattutto i dati difensivi (solo 18 gol subiti) e le sconfitte che sono state solamente 3, di cui 2 nelle ultime 4 giornate ossia a cavallo con la finale di Coppa che ha comunque dato il pass per il passaggio di categoria.

E quella del Nove

Ben distanti e mai realmente in lotta per il titolo sono finite tre squadre discontinue, che hanno legato le proprie fortune a tre bomber ma che non sono riuscite a tenere il passo del duo di testa. Al terzo posto il Montecchio Precalcino aveva fatto del proprio campo un vero fortino vincendo in casa 7 partite consecutive e con l’acquisto di Prepelita a novembre sembrava potesse stare lì con le prime due.

Prepelita

Ma le cartucce dell’airone biancoverde in primavera si sono inceppate e a Montecchio si sono dovuti accontentare di una seppur ottima terza piazza. A ruota è arrivato un Real Stroppari giovane ed incostante ma ben guidato dall’allenatore giocatore Mirco Geremia, che grazie soprattutto al capocannoniere del girone Sene Aziz ha raggiunto un quarto posto che in altri tempi avrebbe significato playoff. A tre lunghezze è arrivato invece il Quinto, squadra che aveva infiammato il proprio pubblico soprattutto nell’andata del girone per poi rallentare nella seconda fase dove 5 sconfitte sono obiettivamente troppe per chi vuol sognare. In più alcuni punti persi in malo modo, come con il Pozzetto, con la Fides e con il Facca hanno minato il morale di una squadra che veleggiava a braccetto con Colceresa e Nove nelle prime giornate.
Staccate a una decina di punti troviamo Lampo e Breganze. Due squadre per certi versi antitetiche, la prima era partita male ma trascinata dalla terza difesa del campionato e da un gruppo ben rodato da anni è risalita raggiungendo la metà della classifica già a fine andata; il Breganze invece era partito a razzo mettendo in mostra i propri giovani gioielli ma poi è mancato soprattutto nei due finali di girone e proprio la sconfitta con la Lampo in casa propria per 1-4 ha finito per dare la mazzata finale a Marchetti e compagni. Per entrambe in ogni caso è stata una buona stagione che le ha confermate come squadre e società in salute.

Lampo e Fides in occasione della gara conclusiva

A 5 punti di distanza la Fides e poi subito a ruota il Longa sono riuscite a mantenere la categoria già con qualche giornata d’anticipo, la prima trascinata soprattutto dai gol di Savegnago, la seconda dall’esperienza e dal carisma di Mister Pellizzer, una garanzia in qualsiasi categoria.
A 26 punti troviamo invece appaiate Facca e Union Lusiana Conco che hanno dovuto aspettare l’ultima giornata per tirare un sospiro di sollievo ed evitare i playout, giocati invece dalle altre due cittadellesi: Olympia e Pozzetto, con quest’ultima che retrocede in Terza dopo due anni.
Ultimo invece ma retrocesso comunque all’ultima giornata il Lugo che dopo esser partito con un handicap di una squadra rifatta all’ultimo secondo era riuscito in ogni caso a rientrare nella bagarre salvezza, ma senza riuscire a staccare il ticket per i playout.
Come per il girone di andata vi proponiamo la nostra TOP 11 del girone, questa volta generale, tenendo conto di tutte le 26 giornate di campionato. Una formazione che idealmente potrebbe essere allenata da Alessandro Munaretto, coach del Colceresa che tra i vari allenatori è quello che riteniamo meriti la palma di miglior allenatore del girone per questa stagione appena trascorsa.
Observer
TOP 11 3-4-3
PORTIERE Andrighetto Andrea (Nove Stefani)

Stefano Andrighetto

DIFENSORI Signoretti Francesco (Colceresa), Anziliero Anthony (Nove Stefani), Franzina Manuel (Montecchio Precalcino)

Signoretti

CENTROCAMPISTI: Caron Luca (Colceresa), Giaretta Davide (Quinto Vicentino), Dalle Tezze Fabio (Lampo 1945), Poli Samuele (Colceresa);

Poli del Colceresa

Giaretta

ATTACCANTI:  Baggio Steven (Nove Stefani), Sene Aziz (Real Stroppari), Bertazzo Riccardo (Colceresa).

Sene Aziz

Classifica cannonieri

25 reti: Sene Aziz (Real Stroppari);
20 reti: Bertazzo (Colceresa);
18 reti: Lattenero (Quinto) ;
15 reti: Poli (Colceresa), Cecchetto (Facca);
14 reti: Dalle Tezze (Lampo), Costa Solano (Montecchio Precalcino);
13 reti: Guazzo (Breganze),  Baggio S. (Nove);
12 reti: Savegnago (Fides), Seganfreddo (Longa);
10 reti: Prepelita (Montecchio Precalcino) Celin (Quinto);
8 reti: Marchetti A. (Breganze), Louriga (Nove);
7 reti: Pierobon, Valente (Fides), Bernardi (Longa), Serghini (Lugo),  Baggio A. (Nove), Frigo (Quinto), Osmani (Real Stroppari), Minuzzo (Union Lc);
6 reti: Micheletto (Longa),
5 reti: Tessarollo (Lampo), Vicentini (Montecchio P.),    Zonta(Nove), Celeghin (Quinto), Meneghetti (Pozzetto), Lambrinoc, Pellizzari  (Real Stroppari),Ronzani (Union Lc);
4 reti: Caron, Mabilia, Nicoli, Pigatto, Signoretti (Colceresa), Contin (Facca), Zacchia (Lampo),  Simpson (Lugo), Akhber (Pozzetto);

 
 

Sull'Autore

Federico Formisano