Edicola EVIDENZA

L’edicola del sabato: il dialogo è continuo

Scritto da Federico Formisano

Ogni giorno intervistiamo allenatori, presidenti, direttori sportivi, giocatori con l’obiettivo di mantenere vivo quel rapporto costruito nel tempo con il mondo del calcio. Prima  eravamo abituati a confrontarci sui campi sportivi, negli studi televisivi, nelle sedi istituzionali per premiazioni e confronti. Ma crediamo che comunque lo scambio di idee e di confidenze anche attraverso il telefono, i social o la messaggistica sia comunque un modo di intrattenere relazioni e  di tenere vivo e costante questo meraviglioso rapporto.

Finora vi abbiamo parlato delle novità in casa di Altair, Alte, Arcugnano, Arzignano, Azzurra Maglio, Azzurra Sandrigo, Bassano, Bp 93, Camisano, Carmenta, Castelgomberto, Chiampo, Colceresa, Cornedo, Dueville, Eurocalcio, Grancona, Grumolo,  Lampo, La Rocca, Le Torri, Longare, Lonigo, Malo, Marosticense, Montecchio Precalcino, Mottinello, Novoledo, Orsiana, Real Brogliano, Real San Zeno, Rivereel, San Lazzaro, San Vito Cà Trenta, Schio, Sette Mulini, Sossano, Sovizzo,Telemar, Tezze, Tezze sul Brenta, Transvector, Trissino, Union Olmo Creazzo, Valbrenta,  Zanè.

 

Le notizie pubblicate ieri sul nostro sito:

https://www.calciovicentino.it/2020/05/08/ledicola-del-venerdi-the-day-after-il-consiglio-di-lega-pro-e-un-addio-eccellente/ I commenti alle decisioni del Consiglio di lega Pro e alla riunione fra Federazione e Comitato Tecnico scientifico. Le notizie di calcio mercato. L’addio eccellente è quello del tecnico del Telemar, Maggi.

https://www.calciovicentino.it/2020/05/08/calciomercato-del-pomeriggio-ancora-molte-notizie/ le news di calciomercato arrivano da Chiampo, Grumolo, Eurocalcio, Rivereel, San Lazzaro,Telemar, Union Olmo Creazzo

https://www.calciovicentino.it/2020/05/09/bogdan-popoiu-ci-parla-del-transvector-ed-inoltre-i-dati-e-lalmanacco/   Bogdan Popoiu ci parla del Transvector Ed inoltre le presenze e le reti realizzate finora , la rosa e le statistiche della squadra.

A

 

Almanacco: Continuiamo la pubblicazione delle pagine dell’Almanacco come immagini ridotte.  Queste sono le pagine dedicate al Trasvector

Andreucci: Il Corriere del Trentino da per probabile l’arrivo sulla panchina del Trento di Antonio Andreucci, il tecnico toscano che da anni vive nel Bassanese e che nel vicentino ha allenato il Real Vicenza e il Trissino.  Nell’articolo si dice che il tecnico che era in testa alla classifica con il suo Campodarsego potrebbe però rimanere nel Veneto e nella società padovana qualora questa venisse promossa in Serie C.  Le alternative ad Andreucci sono Parlato (ex mister del Pordenone e attualmente al Savoia) e Cristian Soave, oggi al Caldiero dopo le esperienze con il Dro.

Andreucci del Campodarsego

Arzignano: Il presidente Chilese in un intervista al Giornale di Vicenza: “Vista la complessità della situazione attuale è davvero difficile fare qualche previsione per il futuro, posso solo dire che se saremo ancora in Lega Pro allestiremo una squadra ricorrendo se possibile ad un numero ancor maggiore di giovani – va ricordato che la compagine di Colombo nel torneo in corso era la seconda per età media più bassa, dietro solo al Fano, con 23,5 anni (il Lane tanto per fare un paragone si attestava a 28,2, la Feralpi 29,1)- con la possibilità dunque di valorizzarli: in questo primo anno tra i prof, abbiamo avuto modo di fare esperienza e al contempo di capire gli errori commessi”… Già da mesi il presidente Ghirelli, che è una persona seria e preparata, sosteneva che il futuro per la terza serie non sarebbe stato facile, figuriamoci ora che salta un indotto economico e che per di più si disputeranno le gare a porte chiuse: a mio parere disputare un campionato di Serie C sarà ancora più dura per tutti e ritengo sarà devastante giocare le gare senza il pubblico”

Tra l’altro l’Arzignano perderà quasi certamente le gare con il Vicenza che consentono l’incasso più importante della stagione. Ed è ancora in dubbio dove saranno ospitate le gare casalinghe se al Menti o allo Stadio dei Fiori di Valdagno. “Stavamo vivendo un campionato fantastico  – ha concluso il Presidente – che ci ha permesso di gustarci trasferte in città splendide come Gubbio, Pesaro; concludere così sarebbe un dispiacere enorme ma, è inutile negarlo, al momento sarebbe stato impossibile giocare stando anche alle ultime notizie dei nuovi contagi in squadre della massima serie. Accetteremo ogni decisione, come già detto in precedenza ritengo che le direttive sanitarie imposte per la ripartenza si possano sostenere in Serie A o io in B. La voglia di tornare a giocare è tanta ma sinceramente, finchè entrano in azienda i dipendenti con le mascherine, non vedo come possiamo pensare a disputare una gara di pallone dove il contatto fisico è inevitabile. A mio parere si dovrà riprendere solo in massima sicurezza”

B     

Bassan Team Motta: Il presidente Ceccato è possibilista sulla permanenza sulla panchina del Bassan Team Motta dell’allenatore Enrico Trevisan.  “Per noi è giusto che il tecnico rimanga al suo posto per il lavoro che ha fatto. Non ci siamo ancora parlati, ma credo che non ci siano problemi.”  Il Bassan Team è una delle squadre che attende non senza una certa trepidazione le decisioni della Federazione visto che è finalista in Coppa.

Bollettino Coronavirus Il numero dei nuovi positivi conferma il trend generale in discesa, scende l’incremento del numero dei decessi, stabile l’incremento dei guariti. È quanto si rileva dai dati del monitoraggio sanitario sulla diffusione del nuovo coronavirus diffusi alle 18 dell’8 maggio dalla Protezione civile. L’incremento dei nuovi positivi è pari a 1.327. Complessivamente i casi dall’inizio dell’emergenza sono 217.185, così divisi: 99.023 guariti 87.961 attualmente positivi  30.201 deceduti (questo numero potrà essere confermato dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso)  Tra gli attualmente positivi: 72.157 sono in isolamento domiciliare 14.636 ricoverati con sintomi 1.168 in terapia intensiva

Sono 18. 618 i malati nel Veneto, con un aumento di 65 casi in più rispetto a ieri mattina.  Sono 1627 le persone decedute: 59 più di ieri. I guariti sono 10.804 Le persone attualmente ricoverate in terapia intensiva sono 79.  2809 invece i casi della provincia di Vicenza con 6 nuovi casi e 289 persone decedute con l’età media di 81 anni. 56.635 vicentini sono stati sottoposti a tampone, 11000 a test sierologici e 7204 a test rapidi. Sono 1492 i vicentini guariti.

C

Chiampo: Mister Dennj Rezzadore, per il secondo anno consecutivo nello staff gialloverde, è stato intervistato sul sito del Chiampo:

Come hai accolto la notizia della riconferma? Riconferma, lo dice la parola stessa, implica il fatto che il tuo lavoro è stato apprezzato e che vi è il desiderio che esso venga riproposto (con variazioni sul tema ovviamente). Per un allenatore come me questo è molto importante, quindi ne sono stato molto felice e fiero. Con questa riconferma per me è’ il 6° anno a Chiampo Tante emozioni e tante soddisfazioni! Ecco perché l’anno scorso, quando il Direttore Generale Corato assieme al DS Robertino Negro mi hanno illustrato il progetto che avevano in mente e mi hanno proposto un ruolo che andasse al di la del fatto Tecnico, non ci ho pensato molto. Mi è stata descritta una società giovane ma ambiziosa, con una struttura verticale snella che aveva bisogno anche della mia esperienza maturata in 23 anni e quasi 600 panchine, per crescere e migliorare. Devo dire che le prerogative societarie del Presidente Ivan Peloso, della Vice Natascia Peloso e del Direttore Corato, erano le mie e quindi la conseguenza è di un bilancio senz’altro positivo, non tanto e non solo per la posizione in classifica. I dirigenti sono stati sempre vicini alla squadra, hanno sempre messo tutti nelle condizioni di rendere al meglio, non facendo mai mancare nulla. C’è molta professionalità, qualità importante per durare nel tempo.  Infine, con i tifosi e con le persone che collaborano togliendo tempo alle proprie famiglie per prepararci al meglio il campo, o il bar o le cene in sede il venerdì sera… si è creata una chimica importante e di questo ne sono orgoglioso.

Quali obiettivi ti sei prefissato per la nuova stagione?  Come intendi iniziare, cosa ripeteresti e cosa cambieresti rispetto alla stagione in conclusione? Ora bisogna capire se la stagione è conclusa, se riprenderà più avanti o cosa. Intanto, finché non c’è l’ufficialità da parte della Lega Nazionale Dilettanti, la nostra squadra continua a fare 2/3 allenamenti online a settimana, con il Preparatore Nicola Casarotto e la Supervisione del mio Secondo Patrick Carraro ed io come Special Guest.  Successivamente, nel caso il Campionato fosse ritenuto concluso, bisognerà capire in quale categoria andremo a giocare. Questo, al di la di tutto, frena la programmazione della stagione da parte della Società, ma sono sicuro che in qualsiasi situazione ci verremmo a trovare si farà il massimo sforzo, assieme, per cercare di fare bene e migliorare. Le foto che mi arrivano del campo in sintetico di Arso, la dicono lunga su come Chiampo città (grazie al Sindaco Macilotti, e all’Assessore allo sport Righetto), e la Società gialloverde hanno scelto di reagire. Vorrei che questo fosse un messaggio positivo per tornare verso la normalità, dove tutti i tasselli rientrano al loro posto, compresa questa passione viscerale per il calcio. Mi si chiede come vorrei iniziare? Mi basterebbe iniziare, perché significherebbe che il peggio è passato e perché, anche se dovremo convivere con questo intruso, vorrà dire che non farà più paura.  Ogni anno non è uguale all’altro, per cui ripartire, ricreare una mentalità, formare un gruppo forte determinato e vincente, sono motivazioni gratuite che sono il sale del calcio… ecco, io spero di tornare presto con questa Società, con questi tifosi e le persone che vogliono bene al Chiampo, con questi giocatori che ho avuto la fortuna ed il privilegio di allenare lo scorso anno, a rivivere le emozioni e le gioie che questo sport sa dare. Per mio conto devo continuare ad impegnarmi e a dare il massimo a far si che la stima e fiducia che le persone hanno nei miei confronti non abbiano a venire meno.

 

 

G

Ghirelli: C‘è la possibilità che la Figc ribalti questa vostra delibera ha chiesto la giornalista Alberta Mantovani del Giornale di Vicenza al presidente Ghirelli “La Figc è il “dominus” della situazione, i suoi poteri sono relativi a tutte le materie esaminate dalla nostra assemblea. Resta il fatto che come Lega di serie C noi abbiamo adottato una delibera e auspichiamo che sia considerata in Consiglio federale” Alcuni club, come la Reggiana ad esempio, hanno già detto che si tratta solo di una proposta e ha preannunciato la volontà di fare ricorso.«L’ho già detto, la decisione ultima spetta alla Figc, dopodichè posso anche mettere in preventivo che la Reggiana o altri pensino al ricorso, ma bisognava pur decidere e la soluzione votata è quella che fa meno male alla Lega Pro nel suo insieme».

R

Ricorsi: Ghirelli spera di evitare i ricorsi dopo la decisione presa dal Consiglio di lega. Ma pare proprio che non sia così: dopo l’immediata uscita del Presidente della Reggiana sono arrivati i preannunci di guerra del Bari e del Padova (l’Amministratrice Delegata,   Alessandra Bianchi ha detto: “Penso che faremo ricorso  se verrà tenuto conto il criterio del merito sportivo. In caso di decisione del Consiglio federale orientata ad appoggiare questa linea noi non ci sentiremmo tutelati e sicuramente difenderemo la nostra posizione in tutte le sedi competenti”)

S

Schio: Su Facebook /Schio vengono quotidiniamente pubblicate le interviste agli allenatori della società. Ecco quella a  mister Antonio Dalla Pozza attuale allenatore dei nostri Giovanissimi. Un allenatore d’esperienza che ha avuto ottimi risultati con prime squadre dell’alto vicentino e con le giovanili regionali d

ello Schio. Ricordiamo anche una splendida parantesi come DS della nostra società. Allora Mister come va? Intanto grazie per avermi dato la possibilità di fare queste due chiacchiere insieme voi. Al momento tutto bene, anche se il periodo è po’ così per tutti, ma lo sto passando abbastanza bene anche se sembra un po’ tutto strano. Anche a me il calcio sta mancando tanto, i ragazzi, vivere lo spogliatoio e sopratutto le partite domenicali.

Quando pensa si potrà ripartire?  Anch’io come gli altri mister non sono in grado di dare delle risposte a questa domanda, anche perché effettivamente ci sono persone molto più competenti di noi per dare questo tipo di risposte. Speriamo al più presto e soprattutto che ci sia a breve una fine a questo virus in modo che da settembre si possa ripartire in sicurezza. Ecco soprattutto in sicurezza che sarebbe una cosa fondamentale per tutti.

Cosa le lascia questa stagione?  Mi lascia l’amaro in bocca per non aver potuto portare a termine un percorso didattico e poi a livello umano mi mancano i miei straordinari Ragazzi, mi manca la quotidianità di tutti i giorni al campo, mi manca il mio fido collaboratore Andrea Prosdocimi, mi mancano i miei dirigenti, mi manca anche la collaborazione che era nata con Dario Pellizzari che era molto interessante e positiva. Ecco mi mancano tutte queste cose….e mi mancano pure i genitori.

Progetti per il futuro? È chiaro che dopo la mezza stagione fantastica dello scorso anno e la metà di quest’anno mi piacerebbe come detto prima concludere il mio percorso didattico con questi ragazzi, poi quando ci sarà la possibilità ci siederemo a tavolino e si cercherà di capire qual è la miglior soluzione per me e per questi ragazzi, perché alla fine comunque sono a disposizione della della società.

 

V

Valli (progetto nuovi spogliatoi): A Valli è  in programma la realizzazione di nuovi spogliatoi, visto che gli attuali sono “vetusti e sottodimensionati rispetto alle numerose presenze di atleti”. La delibera della giunta ha affidato allo studio tecnico Storti di Schio l’incarico del progetto di fattibilità tecnico-economica per i lavori di costruzione dell’impianto per una spesa di 200 mila euro affrontata con il contributo regionale e per la parte eccedente con fondi dell’amministrazione comunale. L’intervento rientra nel piano di miglioramento delle strutture sportive del paese gestite dall’ A.S.Valli, la storica società fondata nel 1975 per il calcio e nel corso degli anni diventata polisportiva che oggi accoglie varie discipline e promuove molte iniziative locali in strutture polifunzionali come la palestra, utilizzata perlopiù da pallavolo e calcio a 5, e la tensostruttura,sempre in via mons. Bicego, destinata a feste, concerti e altre manifestazioni. (Dal Giornale di Vicenza)

Stadio Valli

 Vicenza Calcio: Giuseppe Magalini ha partecipato alla trasmissione “Cuore biancorosso” di Luisa Nicoli ed è tornato sulle decisioni dell’assemblea di Lega Pro che si è svolta ieri: “Ci auguriamo venga confermato quello che si è deciso ieri, siamo contenti e ci fa piacere che molte società hanno dato l’assenso. Adesso siamo fiduciosi su quello che dirà il consiglio federale per la delibera per poter ambire a qualcosa che ci meritiamo non solo perché siamo primi in classifica ma perché il cammino che abbiamo fatto la dice lunga. Anche noi saremmo stati molto più felici di concludere sul campo, però è andata così e ci auguriamo che possa succedere quello che ci auguravamo quando ci siamo incontrati in Piazza dei Signori per la presentazione. Mi ricordo che dissi: “Siamo fiduciosi di ritrovarci per festeggiare, magari succederà anche se non so quando e come, ma l’intento è quello”.

Z

Zampa: il sottosegretario alla Salute, Sandra Zampa, ha rilasciato a Radio Punto Nuovo, questa dichiarazione: “Gli incontri per il protocollo sanitario si stanno dimostrando costruttivi. Il via libera ancora non c’è, ma si sta andando verso una buona direzione, quella che si auspicano tutti i tifosi di calcio”.

Recapiti del sito:info@calciovicentino.it
Telefono e Whatsapp 335 7150047
Facebook / calcio vicentino

 

Sull'Autore

Federico Formisano