Promozione

Le interviste (24): Braceschi del Marola: ripartire solo in sicurezza!

Scritto da Federico Formisano

Oggi abbiamo posto alcune domande sulla fase particolare che stiamo vivendo al vice allenatore del Marola Nicola Braceschi

Nicola Braceschi

Che cosa pensi della norma sullo svincolo dei dilettanti? La possibilità di potersi svincolare ogni anno sicuramente penalizzerà tutte quelle società che stanno investendo nel settore giovanile. Penso sia più ragionevole abbassare il limite di età.

Ci sono due linee di pensiero sulla conclusione della stagione: c’è chi pensa di concludere alla fine del girone d’andata e quindi iniziare anche più avanti la stagione a marzo quando il pericolo Covid sarà scongiurato. La seconda ipotesi è quella di cercare di concludere il campionato giocando andata e ritorno e completando la stagione in giugno e luglio e con turni infrasettimanali. Tu come la vedi ?

Se si opta di giocare fino a giugno / luglio penso che l unico fattore negativo in quel periodo possano essere le temperature. Per giocare il turno infrasettimanale, credo ci siano molte strutture che non dispongono di un impianto che possa ospitare una partita in notturna e non trovo consono chiedere in questo periodo ai giocatori di prendersi permessi lavorativi per giocare di pomeriggio.

Ho letto molte interviste e mi sono confrontato anche con molte persone del settore. Io sono pro a tutte le soluzioni. Ci sono molte società che hanno fatto molti sacrifici per formare squadre, le stesse che hanno investito molti soldi per adeguarsi alle normative per aprire in sicurezza spogliatoio e impianti. Il COVID c’è e purtroppo non è fantascienza. Sono per il ripartire ma solo se è fatto in sicurezza, la salute è importante ed è sacra. Penso che ora come ora non ci siano i presupposti di prendere una decisone per come e quando terminare i campionati. Sicuramente sarà impensabile accontentare tutti perché le linee di pensiero sono molte e diverse. Sarei d’accordo visto che comunque la stagione è stata compromessa di riproporre anche per l’anno prossimo gironi a 18 squadre. Ribadisco solo il fatto che se c’è da ripartire lo si faccia in piena sicurezza perché la partita più importante che ci vede tutti protagonisti ora si gioca al di fuori del rettangolo verde.

Il calciomercato che inizia oggi proseguirà fino a febbraio; concordi con questa scelta della Federazione di tenere aperto il mercato per tre mesi? Voi vi muoverete sul mercato?

Tenere aperto il calciomercato per tre mesi è una cosa nuova a tutti. Ad oggi abbiamo congelato la trattativa con due giocatori, aspettiamo prima qualche certezza nella ripresa dei campionati.

Maddalena, uno degli ultimi arrivi con il presidente Bertuzzo

Sei soddisfatto finora della stagione della tua squadra?  Purtroppo io e il mister Luciano Marcolongo abbiamo avuto modo solo di guidare i ragazzi per una manciata di allenamenti. Siamo felici dei nuovi arrivati e dell’impegno che la squadra ha messo nei pochi allenamenti che hanno svolto.

 

Finora abbiamo pubblicato le interviste ad Antonio Bonati (Real San Zeno) , Antonio Mandato (Longare), Claudio Giarolo (Montebello) Fabio Ebene (Calidonense), Giulio Strazzabosco (Maddalene), Marco Aleardi (Monteviale),  Luca Bertollo (Eurocalcio), Marco Piredda (Junior Monticello),   Spes Geremia (Rosà), Fabio  Bagnara (Trissino), Fabio Munaretto ( Toniolo ), Andrea Luccarda (Santomio) Loris Ambrosini (Bissarese) , Ivan Chiari (Alte), Matteo Busellato (Union Olmo Creazzo), Sergio Minchio (Altavilla) , Nicola Maccà (Altair),  Luca Guglielmi (Azzurra Maglio), Cecchin (Santa Croce Bassano), Daniele Cavedon (Real Brogliano), Daniele Bagarollo (Angarano), Fabio Lionzo (Concordia) Damiano Gasparini (Zane) Nicola Braceschi (Marola)

Sull'Autore

Federico Formisano