Presentazioni Promozione

Presentazioni (7): Le Torri, fra festa e scaramanzia

Scritto da Federico Formisano

Servizio di Federico Formisano, con la collaborazione di Irene Caldaro e le foto di Debora Giorio.

Il presidente: Mi sento di dire a tutti, specie ai giovani: non abbiate paura di osare, fate progetti, ponetevi degli obiettivi, cercate di raggiungerli. E una volta raggiunti ponetevene altri

Pitton e Bedin con il presidente Tonetto e i direttori sportivi

Alla presentazione del Le Torri siamo presenti almeno da 6  anni e abbiamo quindi assistito all’escalation di questa società che quest’anno arriva ad un traguardo cercato e voluto: quella della Promozione. E così mentre l’incontro dello scorso anno tenuto oltretutto agli inizi di settembre, forse nell’attesa di una gradita novità che non era poi arrivata,  aveva un vago sapore rivendicativo quello di quest’anno tornato alla normale cadenza di luglio, è sembrato decisamente più una festa. I toni sono stati quelli della contenuta soddisfazione ma i visi sono apparsi decisamente sorridenti ed in società si respira fiducia.

A dimostrazione della consolidata forza attrattiva di una società decisamente cresciuta anche nel campo dell’immagine ci sono i vertici federali e dell’amministrazione: c’è il vicepresidente vicario della Figc Patrik Pitton con il Coordinatore Regionale Veneto del settore giovanile Valter Bedin,  c’ è il Sindaco di Torri, Diego Marchioro e il Delegato allo Sport Giuseppe Lombardi. Ovviamente, nell’ospitale La Fornace di Mestrino,  ci sono  il presidente Massimo Tonetto, e il collega presidente dell’FC le Torri , la squadra di calcio femminile,  Danilo Colombo, il presidente onorario Fernando Rossi,  gli sponsor, i dirigenti e tutti gli allenatori delle giovanili.

 

Una serata caratterizzata anche da alcune espressioni tipiche della scaramanzia: ad esempio il giocatore Nicolò Zini se ne va dieci minuti prima dell’inizio degli interventi perché in passato ogni volta che ha fatto così la sua squadra ha ottenuto un risultato importante. Ed è una sorte di scongiuro quello di Antonio Bottazzi che lascia l’incarico della presentazione dei nuovi giocatori al collega Maurizio Battaglion. E alla fine diventa un siparietto simpatico visto che Antonio accetta un ruolo decisamente non abituale di secondo piano reggendo il microfono il collega, pur di non entrare nei panni scomodi del protagonista che evidentemente lo rimandano a tradizioni negative del passato.

Patrick Pitton  è il primo ad intervenire “Arriviamo da un periodo molto difficile, sia da un punto di vista economico, ma anche da un punto di vista sociale. La categoria più martoriata sono sicuramente i giovani. Quindi è doveroso ringraziare chi sta portando avanti questo nostro divertimento, dal presidente Massimo Tonetto, al direttivo e a tutti i dirigenti e i volontari. Sport significa socialità, condivisione, amicizia e donare un sorriso. Ricordiamoci che, mai come ora, l’importante é divertirsi e tornare ai valori di condivisione e crescita di quel calcio vero che tutti noi amiamo.”  Pitton ricorda la magica sensazione provata tornando a calcare l’erba di un campo di Calcio

Anche Valter Bedin si unisce all’in bocca al lupo e aggiunge: “Speriamo che quest’anno sia diverso e che si riesca a tornare a quei valori in cui tutti noi crediamo”.

La parola passa poi ai rappresentanti del Comune di Torri di Quartesolo, partendo dal Sindaco Diego Marchioro: “Abbiamo parlato di tornare ai valori in cui crediamo. Sulle maglie dei giocatori professionisti c’è scritto “Respect” e questo secondo me é fondamentale: rispettare l’avversario, rispettare gli altri in campo, ma anche fuori”. Ed insieme al Delegato allo Sport augura alla società una buona stagione e un percorso di crescita che servirà a dar lustro al territorio.

Giunge quindi il momento del discorso del Presidente Massimo Tonetto:

“Nel 2014 mi é stato chiesto di ripartire con la società del Le Torri, che poi è diventata Le Torri Bertesina. Voleva dire mettersi in gioco rischiando di fare un buco nell’acqua. Abbiamo cominciato senza un Settore Giovanile e ora abbiamo più di 200 ragazzini tesserati. Quindi mi sento di dire a tutti, specie ai giovani: non abbiate paura di osare, fate progetti, ponetevi degli obiettivi, cercate di raggiungerli. E una volta raggiunti ponetevene altri.

Questo è il mio modo di pensare e voglio ringraziare chi condivide questo mio pensiero: il Direttore Generale Alberto Menti, i Direttori Sportivi Maurizio Battaglion ed Antonio Bottazzi, i responsabili del Settore Giovanile Paolo Dalla Pozza e Matteo Zocca, tutti i dirigenti e ovviamente i nostri sponsor”.

Fabio Casarotto, il mister ha dapprima ringraziato i vertici della Federazione (“ci sono problemi enormi che noi non potremmo risolvere facilmente e che comportato impegni di grandi energie”) e   della Società che hanno avuto fiducia in lui (“ Alla luce degli sforzi enormi del Presidente, del DG e dei DS,  il mio staff ed io cercheremo di ripagare questa fiducia”)  . “Domandiamoci tutti – ha concluso Casarotto –  Siamo qui per fare una cosa ordinaria o straordinaria? Fare una cosa ordinaria o una fuori dal comune dipende solamente da noi. Il momento è ora”.

i portieri Zordan e Mangiaracina con il preparatore Bonaldo

In conclusione simpatico l’intervento di Peter Taccardi l’allenatore dello scorso anno che ha rivolto il suo augurio ai giocatori e si è detto convinto che senza l’interruzione del campionato, il Le Torri avrebbe ottenuto sul campo l’auspicata promozione.

La rosa

Portiere: Alberto Mangiaracina (2002, dall’ Armistizio Esedra), Alessandro  Zordan (2001), difensori:  Alessandro Dal Ceredo (2001 dall’Armistizio Esedra), Ismaele Lahroussi (2003 dall’ Armistizio Esedra) Roberto Lovato  (91 dal Tombolo)  Nicolò Pedon (91 dal Limena), Luca Pizzolato ( 2001 dal Monteviale),  Klaudio Zaimi (99), gli esterni: Nicolò Agostini (2003 dall’Armistizio Esedra), Luca Dalla Via (2003, dall’ Armistizio Esedra)  Gian Maria Pegoraro (98), Pietro Ruaro (2002), Pierre Zanandrea (96 dal Trissino),    i centrocampisti Adam Bondi (2002) , Riccardo Guzzo (2003 dall’ Armistizio Esedra), Enrico Lotto (91), Andrea Mariotto (98), Tommaso Rosa (2000), Andrea Spoladore (97) Nicolò Zini, (2000, dal Tombolo ); attaccanti: Kevin Bordin (2000) Cesare Bressan (98), Alessandro Dal Lago (92) Gianluca Fasolo (95) Ion Gunea  (2003 dall’Armistizio Esedra). Monye Ogorchukwu (99)

Lo staff tecnico è composto oltre dal mister Fabio Casarotto, da Andrea Giaretta che ha già lavorato per parecchie stagioni a Camisano con mister Casarotto. Il preparatore dei portieri sarà ancora Stefano Bonaldo. Il team manager Gianluca Zanini.

L’allenatore degli Juniores sarà Davide Quadri coadiuvato da Mattia Cherubin

Settore Giovanile

Responsabili del settore giovanile: Matteo Zocca e Paolo Dalla Pozza.

Dalla Pozza e Zocca

La società dà molta importanza al settore giovanile e investe nel settore giovanile: attualmente ci sono 190 tesserati. L’anno scorso non si sono mai fermati rispettando ovviamente i protocolli e le disposizioni anti covid. Gli allenatori del settore giovanile sono tutti patentati, e la società quest’anno ha investito risorse per far ottenere a quattro allenatori del settore giovanile il patentino Uefa.

 

 

Sull'Autore

Federico Formisano