Presentazioni Prima Categoria

Presentazioni (24): Thiene, davanti agli ex illustri, i giovani rossoneri non vogliono sfigurare!

Scritto da Federico Formisano

Peccato solo per il tempo: il Thiene che già aveva rinviato la sua presentazione una settimana fa, ci ha riprovato ma anche ieri sera il tempo ha voluto metterci lo zampino. La sposa bagnata generalmente è fortunata e questo Thiene nasce comunque fra buoni auspici. Innanzitutto perché ha voluto presentarsi al cospetto di un cospicuo gruppo di ex giocatori coordinati da Giuseppe Joe Bonato e tra i quali non possiamo non citare Toto Rondon, Marcello Crestani,  Luciano Sbarra, Pietro Dalle Carbonare (non il quasi omonimo PierAldo che era assente giustificato). Presente anche il mitico Giovanni Giuriato, “Stanco” il massaggiatore che a  89 anni non disdegna di andare ancora in bicicletta.

Il tempo comunque non impedisce di andare alla scoperta di tante novità che partono come si sa dal livello societario.

Il cambio della compagine societaria

Ancora qualche mese addietro la Presidentessa  Silvana Dal Ferro, in scadenza di mandato, ha deciso di non ricandidarsi per la prossima stagione. Con lei ha lasciato il coordinatore del settore tecnico Alberto Parisotto.   Assume pertanto l’onere e l’onore di condurre la nuova società il gruppo ex Rozzampia ed ex Zanè con Menaldo (che ha assunto anche la presidenza), Melotto, Bisacco, Casalini e Barausse. E non a caso una delle prime istantanee è scattata proprio a questo gruppo, unico assente il segretario Barausse.

Il Thiene è Srl

L’annuncio arriva nella serata: il Thiene ora è una società a responsabilità limitata:” lo abbiamo fatto – spiega Menaldo – perché così il nostro operato sarà del tutto trasparente ed i bilanci potranno essere consultati da tutti, dai genitori, dai dirigenti e da tutti coloro i quali vorranno sapere come ci siamo comportati.”

Lo Stadio Miotto e gli impianti nuovi che forse arriveranno ma forse mai

Leggermente bagnato dalla pioggia serale il manto dello Stadio Miotto appare alla vista bello da vedere. L’impianto ha le caratteristiche di un vecchio manufatto che abbisognerebbe di cure, ma l’Assessore Giampi Michelusi che interviene alla presentazione spiega che la strategia (ormai datata) delle amministrazioni comunali che si sono succedute era quella di puntare alla nuova struttura del Parco Sud di Thiene. Ma Michelusi (che potrebbe essere candidato alla poltrona di sindaco tra un anno) non nasconde la sua delusione per il modo in cui questa Cittadella è stata concepita con una serie di impianti (un campo da calcio a 11 e uno a 8 e due campi da calcetto, un campo da rugby, una pista di atletica e un’arena per concerti ed eventi), realizzati però in project financing e con oneri a carico dell’Amministrazione Comunale molto pesanti.  Intanto il Miotto resiste e fa ancora la sua bella figura.

Michelusi, Panarotto e Menaldo

Il saluto della Figc è il saluto di un amico

La Figc è rappresentata a Thiene da Alberto Parisotto, da poco entrato in Federazione e da poco uscito dal Thiene.  In questo duplice ruolo Parisotto porta i saluti di Pitton e di Franceschetto (consigliere regionale e delegato) che non hanno potuto essere presenti.  Parisotto ricorda anche la sua fresca appartenza rossonera. E chiude dicendo “ Se mi avessero che sarei diventato il presidente del Thiene e che sarei entrato in Federazione non ci avrei creduto”

I giovani e le idee chiare

A presentare le nuove politiche giovanili del Thiene è il responsabile Carlo Pasin che dimostra di avere le idee chiare: “Abbiamo centrato il primo obiettivo quello di ottenere il riconoscimento della Scuola Calcio, ora vogliamo la Scuola Calcio d’Elite e almeno un paio di formazioni nei campionati regionali. Puntiamo a raggiungere i 250 atleti e già oggi i pulcini stanno per completare il limite numerico che ci eravamo ripromessi di raggiungere.

La Squadra

Il  presidente Claudio Menaldo  schiera poi la squadra per il prossimo anno in cui molti sono i nuovi acquisti: il difensore esterno  del 1997 Mattia Oriente proveniente dal Sarcedo e Montecchio Precalcino e Lugo, i centrocampisti Alessandro Cebba (95) ex Lakota, Raffaele Ceci (87) ex Zanè e Rozzampia, Salvatore Lamia (99) ex Motta, l’esterno Davide Pizzato che torna a Thiene dopo l’esperienza alla Pedemontana, gli attaccanti Prince Anizoba (91 dal San Lazzaro ed ex Vicenza fc), Michael Fontana (2000) dal Malo, Alioune Sy  (93) ex Summania e Zanè.

Cebba, Ceci, Fontana e Oriente

Questa la rosa  per la prossima stagione:  portieri:  Casarotto Tommaso (2001), Eberle Mattia (95) difensori: Carillo Raffaele (87)  Crocco Marco (94), Cunico Federico  (2000), Dal Molin Giovanni (2000) Oriente Mattia (97 dal Montecchio Precalcino), Ramon Olanrewaju Ader,  Saddoune Anas (2000); centrocampisti: Bellotto Andrea (88), Cebba Alessandro  (95 dal Lakota), Ceci Raffaele (89 dallo Zanè), Lamia Salvatore (99 dal Motta),  Legnante Antonio (87), Maddalena Daniel (97), Okechukwu Alessandro (91), Pizzato Davide (2000 dalla Pedemontana) Sy Serigne Bamba;  attaccanti: Anizoba Prince (89 dal San Lazzaro),  Bamba Oussene (2002), Cornale Stefano (92) Dalla Riva Vittorio (80), Fontana Michael (2000 dal Malo), Prepelita Denis (91) Sy Alioune (93 dal Summnia).

Lo staff:

Bozzetto Roberto: allenatore; Oriente Egidio: vice allenatore; Lanaro Giulio:  preparatore portieri Toldo Nicola, Munari Andrea, Saugo Giacomo e Tomiello Sergio: altre mansioni.

Sull'Autore

Federico Formisano