Prima Categoria

Per vincere la prima gara in casa, il Real SZ regola la capolista Due Monti

Scritto da Monica Centomo

Real San Zeno- Due Monti 1-0 

Real San Zeno: Peruffo, Pellizzari (Faedo dal 71′), Rigodanzo, Andretti, Signorin (Vicentin dal 55′), Mantovani; Donadello (Marzotto dal 80′), Dal Toè, Sinaj (Bergozza dal 80′), Zoccante, Cazzavillan; Allenatore  De Forni

Due Monti: Boateng, Bagarello (Guengane dal 65′), Zambonin (Martini dal 75′), Dal Maso, Owusu, Zilio (Russotti dal 65′), Benvissuto, Trevisan, Carraro (Prosdocimi dal 80′), Micheletto, Zarantonello (Bonato dal 49′);  Allenatore Zordan

Ammoniti REAL: Dal Toe’, Signorin, Donadello, Faedo, mister De Forni, Cazzavillan

Ammoniti DUE MONTI: un giocatore dalla panchina, Trevisan

 

Servizio della redazione, foto di Monica Centomo
Al Dal Molin di Arzignano arriva la capolista Due Monti, rullo compressore che ha conquistato la vetta a suon di gol dei suoi avanti. Dall’altra parte il ritrovato Real San Zeno di Davide De Forni, reduce dalla rotonda vittoria per 3-0 sul campo del San Lazzaro fanalino di coda che inizia un mese di Dicembre infuocato che la vedrà affrontare le prime tre della classe una dopo l’altra e che mercoledì si giocherà i quarti di finale di coppa a Dueville. Fanno da cornice alla sfida i piccoli leoncini classe 2006, splendide mascotte che regalano un sorriso ai tanti spettatori presenti oggi.
Parte forte il Real San Zeno, deciso a sfatare il tabù che li vede miglior squadra in trasferta ma mai vincente tra le mura amiche. Dopo soli 30” è Sinaj ad avere la palla giusta ma il bomber non riesce a deviare di testa l’invitante cross di Pellizzari, tra i migliori oggi.
Insiste il Real collezionando un paio di corner dove però l’attenta retroguardia del Due Monti ha buon gioco. L’ottimo Boateng da prova di sè alla mezzora deviando miracolosamente il tiro al volo di Rigodanzo dopo sponda di petto di Sinaj: la palla era destinata al sette alla sinistra del portiere.
Esce alla distanza il DNA della capolista: il trio Michelotto, Zarantonello, Carraro inizia a confezionare giocate; è su un lancio lungo però che capita una palla d’oro proprio per il numero 9 Carraro: lancio sopra la difesa, non impeccabile nell’occasione, e solo un miracolo di Peruffo tiene la partita sullo 0-0.
Il Due Monti cresce e da l’impressione di poter spostare l’inerzia del match dalla sua parte, ma la retroguardia locale non concede la gioia del gol ancora all’ottimo Carraro, che trova ancora disco rosso al 42′: Signorin, Andretti e Mantovani non fanno rimpiangere l’assenza di Raschietti al centro della difesa.
Si va a riposo quindi a reti bianche, con il Real che dimostra di non meritare la classifica che ha, e il Due Monti che invece dal canto suo si rivela la miglior compagine vista quest’anno al Dal Molin: quadrata, solida e con giocatori in grado di risolvere il match in qualsiasi momento.
Riparte il match dopo il tè caldo, oggi quanto mai provvidenziale, e i padroni di casa mettono subito in chiaro che oggi non sono spettatori non paganti: Rigodanzo, un’ira di dio sulla sinistra, centra per l’accorrente Donadello sul secondo palo che di testa supera Boateng uscito a vuoto…incredibilmente la palla non centra lo specchio della porta ma finisce sui piedi di Sinaj che in acrobazia mette a lato di un soffio. Occasione clamorosa per il San Zeno al 50′.
Il Due Monti fatica ora a contenere, e solo la spina dorsale formata dall’ottimo capitan Dal Maso, dal metronomo Trevisan (classe 2000) e da Michelotto si ergono a baluardo del risultato. Al minuto 61 però nemmeno loro possono sulla punizione liftata dalla destra di Pellizzari: Sinaj brucia il marcatore e sul primo palo segna la fotocopia del gol che ha punito il Brendola: 1-0 meritatissimo per i ragazzi di De Forni.
Il Due Monti a questo punto non ci sta e cala l’artiglieria pesante, con Bonato a dar man forte a Carraro davanti e Michelotto a supporto. Proprio quest’ultimo con un numero d’alta scuola prova a portarsi a tu per tu con Peruffo al minuto 70 ma Mantovani e Andretti estraggono dal cilindro il semaforo rosso. Piovono i cross in area nerazzurra ma Peruffo in uscita è sempre puntuale.
Girandola di cambi con il Real che inserisce non proprio delle riserve…parliamo di Faedo e Bergozza davanti e Vicentin a puntellare la difesa: mosse decisive per mettere in ghiaccio il risultato. Escono tra gli applausi i mattatori di giornata bomber Sinaj, il mastino Donadello e Signorin.
Finale con assalto all’arma bianca del Due Monti, con anche Boateng a cercar fortuna in attacco, ma Zoccante e compagni vogliono e riescono a chiudere il match con il secondo clean-sheet consecutivo. Al fischio finale esplode la gioia dei tifosi di casa, che hanno assitito ad una vittoria meritatissima, ormai consapevoli che il San Zeno darà filo da torcere a chiunque da qui in avanti. Dedica speciale dei ragazzi al tifoso numero 1 del club, il papà di mister De Forni, che lotta contro il nemico più duro dei nostri tempi…coraggio!
Il Due Monti esce sconfitto ma assolutamente non ridimensionato, ma attenzione agli strascici che potrebbe lasciare la seconda sconfitta stagionale in vista dello scontro al vertice di domenica col Sovizzo….a godere potrebbe essere ancora una volta la neo-capolista Valdagno di mister Cappellini, che però Domenica al Fiori dovrà vedersela proprio con i ragazzi terribili di De Forni, in un derby dai molti significati: tanti ex nel Valdagno (lo stesso Cappellini, Peron, Isteri), e un corteggiamento non concretizzatosi dei lanieri a De Forni in estate…
Real invece con la testa già alla sfida di coppa di Mercoledì, dalla quale uscirà una delle quattro semifinaliste di coppa!

Sull'Autore

Monica Centomo