Seconda Categoria

Bonaldo Ss uno squadrone, ma l’Altavilla non sfigura

Scritto da Monica Centomo

Altavilla- Bonaldo Santo Stefano 1—2

Gramegna(B) al 5’ Rigolon(A) al 46’ Migliorini (B) al 82’

Altavilla: Sandri,  Ferron, Facchin,  Sinico, Rigolon, Neri  Boschetto, (Tezze dal 46’),  Fracasso (Inkumsah dal 60′ )Tozzo, Pizzin Melison F.,   Allenatore: Trimigliozzi.

Bonaldo S.Stefano Academy:Puller, De Marchi(Longo dal 64’ ), Battaglia, Calearo, Callegaro, Bedin, Gramegna (Ferrarese dal 82’), Migliorini, Trivellin, Lora A., Dall’Omo. Allenatore Calzolari.

Arbitro:Faresin di Schio.

Servizio della redazione con le foto di Monica Centomo

L’obiettivo principale dell’Altavilla in questa stagione  è quello di ottenere una salvezza tranquilla togliendosi qualche soddisfazione, per contro il Bonaldo Santo Stefano nato dalla fusione del Boca e del Giovane è una squadra attrezzata per il salto di qualità e già partita con il piede giusto davanti a tutti in graduatoria. Ma il presidente Minchio dopo il bel successo di Lonigo voleva dare ancora continuità ai risultati anche per togliersi quel gusto amaro della pesante sconfitta con il Monteforte e di quel pareggio contro il Gazzolo arrivato quando sembrava che la vittoria fosse un dato scontato.

Sergio Minchio comunque è soddisfatto della prova dei suoi contro i veronesi. “Loro sono sicuramente più attrezzati di noi, e sostanzialmente hanno meritato di vincere ma noi abbiamo fatto la nostra onesta partita e non posso che dire bravi ai ragazzi.

Mister Trimigliozzi conferma il neo arrivato Rebeschini al centro dell’attacco con Melison e Taurino a supporto. Calzolari recupera Trivellin e schiera in attacco due bomber come l’ex Cologna e Dall’Omo.

Passano 5’ e già gli ospiti sono in vantaggio con un calcio di rigore trasformato da Gramegna.

L’Altavilla macina gioco e cerca di trovare il gol del pareggio ma si espone ai contropiede del Bss che trova però la fiera opposizione di un Sandri in giornata di grazia.

occasione per Dall’Omo

Alla fine del tempo però l’Altavilla riesce a pareggiare la gara: si accende una mischia davanti a Puller e sulla palla vagante si avventa Rigolon che trova la coordinazione e pareggia.

Il secondo tempo inizia con una fase di studio e di equilibrio, ma pian piano il Bonaldo riprende il predominio tattico della gara. La pressione di Trivellin e c. diventa insistente, ma bisogna attendere l’82 per vedere il gol decisivo: ci pensa Migliorini a dare la zampata decisiva e a regalare alla squadra di Calzolari la vetta della classifica.

 

Per l’Altavilla la soddisfazione di una buona prova e una classifica che da comunque serenità.

Sull'Autore

Monica Centomo