Seconda Categoria

Sguardo Acuto fa il punto sul girone E (6) con top, marcatori e cronache

Scritto da Federico Formisano

Sguardo Acuto e il girone E

 

Il Maddalene leader. Telemar e Montecchio Precalcino non si fanno male. Crolla il Quinto. Incalza la Campodorese. Il Campodoro rinasce.

Nella giornata in cui lo Junior Monticello e’ costretto a fermarsi per casi di positivita’, il Maddalene non sbaglia il colpo e ne rifila sei al fanalino di coda Veggiano. Doppietta di Rosario, Magrin, Motterle, Mosele e Ceccani sono la prova di una gara a senso unico. La squadra di Dal Lago in casa e’ perfetta, tre gare, tre vittorie, 10 gol fatti, 2 subiti. E terza vittoria consecutiva.

A Vicenza va in scena la sfida piu’ attesa tra Telemar e Montecchio Precalcino. Chi si aspettava i botti, visto gli attacchi importanti delle due squadre, ha invece assistito a fasi difensive attente; a squadre forse piu’ preoccupate a non subire, che a far male all’avversario. Terzo pareggio per il Telemar, e quarto pareggio per il Montecchio Prealcino. Ma anche nota di merito per entrambe, per essere ancora imbattute. Rimane l’idea di due squadre che devono trovare ancora il corretto assetto ed equilibrio per innescare la scintilla della continuita’ vincente.

La Campodorese liquida un Pedezzi ancora orfano del Mister con un secco 4.0. Reti di Turetta, Zordan, Varotto e Paccagnella. La squadra di Padova con una sola sconfitta, potrebbe essere la vera spina nel fianco per tutti. Il duo d’attacco Zordan/Turetta e’ da categoria superiore . Il Pedezzi dopo la vittoria nella prima giornata, si ferma e non riparte piu’. Quattro sconfitte consecutive. La Societa’, riteniamo, dovra’ fare chiarezza e dare un segnale, relativamente alla guida tecnica, per poter programmare i prossimi mesi che la vede gia’ a rincorrere.

Foto da Facebook Campodorese

L’Isola sta reagendo ad un inizio di campionato difficile. E per poco non riusciva il colpaccio contro il Breganze che pare rallentare la marcia. Il vantaggio dei locali con Castagna, non basta e all’ultimo respiro la squadra di Mister Parison agguanta un pareggio inaspettato grazie al gol di El Mannouni su rigore al 96’.

Il Ronchi non esplode, fa segnare il quarto pareggio in cinque gare. La squadra padovana e’ ancora imbattuta ma siamo certi che un po’ di delusione per il pareggio contro il Grumolo c’e’. Gli ospiti non si fanno sorprendere e segnano a meta’ del primo tempo con il solito Balbo ma ci pensa sempre la stella Lattenero, al 2’ delle ripresa a rimettere le cose al suo posto. Non bastano altri 40 minuti per rompere un perfetto equilibrio.

La notizia sorprendente arriva da Campodoro che con secco 3.0, reti di Crivellari, Turetta e Piovan, demoliscono il Quinto alla terza sconfitta in 6 gare. Il Campodoro sta cercando di ripetere le imprese delle scorso anno dove in casa ha costruito vere e proprie imprese e vittorie incredibili. Per il Quinto, campanello di allarme.

Senza vincitori e vinti tra Fides e Novoledo. Segna la Fides con Montini all’8’ ma viene raggiunta dalla sqaudra di Mister Rusca da Parise al 32’.

La Fides lentamente sta risalendo la china, dopo un inizio di campionato complesso. Il Novoledo si piazza a meta’ classifica, dove dovra’ decidere che campionato vorra’ fare. Se scegliera’ la serenita’ o se la squadra di Rusca avra’ la forza e la costanza di osare ed ambire ai play off.

Il miglior attacco e’ della Campodorese con 13 reti, seguito dal Maddalene con 12. La miglior difesa e’ del Breganze con 4 reti al passivo. Nella giornata appena trascorsa 21 reti, un solo pareggio a reti bianche, e nessuna vittoria esterna.

Davanti a tutti nella classifica cannonieri, Jaibi dell’Isola con 6, a quota 5 Zordan e Turetta (Campodorese) e Marangoni (Telemar). Al momento la coppia bomber della Campodorese e’ la migliore del girone con 10 gol gia’ in attivo. Sperando ci sia continuita’ del campionato, domenica prossima un intrigante testa coda tra Pedezzi e Junior Monticello, ma anche gare insidiose tra Grumolo e Telemar, e tra Breganze e Maddalene.

Classifica: Maddalene  12, Junior Monticello 10, Telemar 9 , Breganze, Campodorese,  Novoledo,   8, Grumolo,  Isola , Montecchio Precalcino, Ronchi 7, Quinto   6, Lampo e Fides  5 Pedezzi, Campodoro 3 Veggiano 0.  Junior Monticello e Lampo una gara da recupare.

I top

Alberto Balbo (Grumolo)  il Grumolo conta sulle sue reti e lui  ritorna come l’anno scorso ad essere il capocannoniere della sua squadra.

Alberto Balbo uno dei punti di forza del Grumolo

Andrea Fin (Pedezzi): non gioca una partita da 6 anni, ma dopo l’infortunio di Signorato la Pedezzi lo richiama in servizio attivo e il preparatore dei portieri torna in servizio permanente effettivo e in questi casi il risultato non conta.

A 46 anni Nicola Fin torna a giocare dopo 6 anni di inattività

Stefano Rosario  (Maddalene): Lo scorso anno sembrava deciso a mollare per i troppi infortuni; nell’ambiente di Maddalene assieme a molti ex compagni rossoblu si è ritrovato e segna con regolarità.

Le cronache

 

Campodorese – Pedezzi 4-0 Il meteo ci regala per il match con la Polisportiva Pedezzi una domenica di fine estate con la colonnina di mercurio vicina ai 20 gradi facendoci dimenticare in fretta il freddo e la pioggia di sette giorni fa a Gazzo. La più rilevante novità di giornata si registra all’esterno del rettangolo verde dove a farla da padrona è la candida casetta griffata “Fattore legno” adibita a ristoro che ci farà da focolare e badante nelle gare casalinghe, unica nota stonata l’ingenuità del fido Ale Guerra nel calcolare la quantità di “liquido” rosso necessaria…”Sei bottiglie dovrebbero bastare” pensava il sornione dirigente…la storia gli darà ampiamente torto!!! Il Timoniere Pasianotto per portare a casa l’intera posta si affida per dieci undicesimi alla formazione che ben ha figurato domenica scorsa cambiando solo la corsia difensiva sinistra con Oxygen Barco al posto di un incerottato Sciabola Pizzolato. Il tempo di scartare un paio di boero e inveire alla cattiva sorte che la giacchetta nera da il via alle ostilità.

Partiamo subito all’arma bianca tentando di portarci avanti e nei primi dieci minuti sfioriamo il vantaggio al 4′ e 8′ rispettivamente con l’enfant prodige Pengo e il Conte Venturato peccando però di scarsa precisione. Un vecchio detto dice che “quando il gioco si fa duro i duri iniziano a giocare” e allora dal 13′ al 15′ i Calispo boy salgono in cattedra e ci portano sul doppio vantaggio, Zorro Zordan scartando il cioccolatino offertogli dal gemello diverso e Popeye Turetta raccogliendo un assist suntuoso di Oxygen Barco. 2-0. Teniamo il pallino del gioco sfiorando il tris su calcio piazzato con Nostromo Vanotti che timbra la traversa dai venti metri vanificando la presenza del fido a quattro zampe accorso per essere talismano…Simba lo sarai presto non disperare!!! Ci pensa Sentinella Varotto al minuto 20 a mettere in giaccio il risultato finalizzando una caparbia sfuriata di Pengo.3-0.

Prima dell’intervallo da segnalare un tentativo dalla distanza del Conte Venturato e poco altro. Duplice fischio e assalto alla casetta che complice la buona cornice di pubblico fa sold out e promette tra quindici giorni novità importanti. Da segnalare anche il ritorno tra i convocati di Swarovski Masiero, vederlo trotterellare con gli scarpini ci fa emozionare (e toccare gli zebedei), asciughiamo la lacrimuccia nell’istante in cui l’aitante direttore di gara decreta l’inizio della ripresa. Pensiamo soprattutto a controllare senza quasi mai pungere, l’unico che prova a movimentare la situazione soporifera è Guercio Paccagnella che al 34′ intercetta una palla vagante in area e dopo settimane di calvario si toglie la prima soddisfazione personale della stagione. 4-0.

Portiamo a casa la vittoria allungando a tre la striscia di risultati positivi, vincere aiuta a vincere e domenica ci attende il derby nella tana di un Veggiano obbligato a dare segni di vita e quindi il peggior avversario da incontrare. MEMENTO AUDERE SEMPER Dal Sintetico di Camisano è tutto la linea allo studio  (Da Facebook Campodorese)

Junior Monticello – Lampo  è stata rinviata a data da destinarsi, per una positività di un giocatore dei nostri avversari. (da Facebook Lampo)

Fides – Novoledo  1-1  per questa partita abbiamo pubblicato il servizio di Matteo Parma

Ronchi – Grumolo  1-1  Non una buona domenica quella di oggi, portiamo a casa un punto, ma sono più 2 punti persi che 1 guadagnato. Nel primo tempo creiamo qualcosa ed è Luca Zoppello ad avere 2 occasioni, ma su entrambe è bravissimo l’estremo difensore avversario. Poi la partita si trasforma in una sorta di ping pong, poca palla a terra e da un errore in uscita dalla nostra area la palla schizza addosso a Marco Pavan che non riesce a liberarsene ed velocissimo Alberto Balbo a farla sua e incrociare con il destro trovando il gol del vantaggio. Andiamo negli spogliatoi sotto di 1. Mister Grandini apporta subito dei cambiamenti all’assetto, ma dopo pochissimi secondi dall’inizio della ripresa è Alberto Garon a doversi superare con un gran intervento.

Al quinto troviamo il pareggio: Aleks Doda lancia Denis Lattenero che con il macino fulmina il portiere 1-1. Passa pochissimo ed è ancora Denis Lattenero ad avere la palla del 2-1 ma calcia debole a lato. Poi poca roba, tanta palla lunga fino al 94 esimo quando sugli sviluppi di una mischia su calcio d’angolo il Grumolo colpisce un palo. Nemmeno il tempo di battere il rinvio dal fondo che l’arbitro fischia. Altro pareggio per noi. Questa volta un brutto pareggio. Visto le voci di corridoio su possibile dpcm speriamo di tornare in campo martedì per preparare la gara di domenica.   (Da Facebook Ronchi Mga)

Telemar Montecchio Precalcino  0-0 Per questa partita abbiamo pubblicato il servizi di Corrado Battilana. Questo invece quanto pubblicato su Facebook /Telemar Partita d’alta classifica oggi alla Telemar Arena. Partita tosta, complicata, tesa ma corretta e sempre in bilico. Si scontrano i migliori attacchi; la partita nel primo tempo vede una gara giocata principalmente a metà campo. Con poche occasioni da entrambe le parti. Da segnalare una clamorosa traversa di Savegnago a metà tempo. Il Telemar appare vivo e presente e in mezzo al campo combatte con coraggio. Gli avversari sono attenti e concedono poco. Davanti quando il Montecchio prende spazio ci fa preoccupare.

Nella ripresa il Telemar prende fiducia e appare più propenso ad affondare. Abbiamo spesso il controllo. Nel momento migliore il Montecchio ci fa prendere paura con un palo dalla lunga distanza.La sfida è su ogni pallone, in ogni contrasto. Ma non caliamo. Non cediamo. Non arretriamo. Vendiamo cara la pelle. Al 94’ ecco Marangoni che ci prova dalla lunga distanza ma il portiere fa la parata importante e sulla ribattuta non ci siamo!Portiamo a casa questo pareggio con fiducia per il proseguo! Da segnalare la grande prova difensiva della squadra! (Da Facebook Telemar)

 

 

 

La classifica cannonieri

6 reti: Jaibi (Isola C);
5 reti:
Zordan (Campodorese), Marangoni (Telemar);
4 reti: Serafin (Breganze), Turetta M. (Campodorese), Rosario (Maddalene),   Graziani (Montecchio Precalcino);
3 reti: Turetta (Campodoro),  Balbo (Grumolo), Dal Lago,  Moresco (Junior Monticello), Parise (Novoledo) Bellotto (Pedezzi) Lattenero(Ronchi );
2 reti: El Mannoui (Breganze), Balbo,  Pillan (Grumolo),  Prendin (Isola C.)  Piccolin (Junior Monticello),  Tessarollo (Lampo), Magrin (Maddalene),  Bertacche, Bellon, Zancan ( Montecchio Precalcino), Chemello, Fontana, Parise (Novoledo) Celin,  Zebele (Quinto) Cortese, Passaro, Santini (Telemar), Bagarello (Veggiano);

1 rete: Guazzo, Kaabouri (Breganze), Barco, Paccagnella, Varotto (Campodorese), Baldini, Crivellari, Pinna, Piovan,  Rocco (Campodoro),  Bressan, Montini, Pigato, Valente (Fides),  Maggiolo, Pauro  (Grumolo), Campana, Castagna (Isola C),  Dalla Pozza, Pettenuzzo, Stella (Junior Monticello),  Dalle Tezze, Donanzan L. , Gasparini, Kasmi (Lampo), Ceccani, Gresele, Mosele, Motterle,  (Maddalene),  Bassan, Bellon, Costa, Zancan ( Montecchio Precalcino), Saccardo, Tecchio (Novoledo) Menti, Palmese (Pedezzi), Andriano, Frigo, Giaretta,  Marangoni (Quinto) Antonello (Ronchi ) Alberti, Savegnago (Telemar)  Bagarello, Giacomin (Veggiano);

 

Sull'Autore

Federico Formisano