EVIDENZA

Le Torri-Summania sconfitte a tavolino: una decisione da respingere con fermezza

Scritto da Federico Formisano

Non spetterà a noi farlo, ma siamo sgomenti di fronte alla decisione del Gs sulla gara di Prima Categoria fra Le Torri e Summania, e riteniamo che il Presidente del Comitato Regionale dovrebbe intervenire in autoimpugnativa ed annullare la decisione del Gs

La Decisione del Giudice Sportivo

gara del 25/10/2020 LE TORRI BERTESINA – SUMMANIA In occasione della gara tra le società Le Torri Bertesina e Summania, prima della disputa della stessa, i dirigenti accompagnatori ufficiali di entrambe le società informavano il direttore di gara che queste ultime non intendevano prendere parte alla stessa. Il motivo era da ricercarsi nello stato febbrile in cui versava il giocatore Sy Alioune del Summania, che comunque non era presente allo stadio.

Alioune Sy

Il G.S. delibera le seguenti sanzioni:

– sanziona Le Torri Bertesina con la perdita della gara (risultato Le Torri Bertesina-Summania 0-3);
– sanziona Summania con la perdita della gara (risultato Le Torri Bertesina-Summania 3-0);
– la sanzione, per entrambe le società, di Euro 300,00 per prima rinuncia alla disputa di gara,
– inibire i dirigenti accompagnatori Cherubin Mattia (Le Torri Bertesina) e Bedin Raffaello (Summania) fino al 9/11/2020.

I fatti

Il Summania venerdì si allena regolarmente: con la squadra c’è anche l’attaccante Alioune Sy.  Il Summania non ha giocatori positivi nè avvertenze di problemi. Nella mattinata di Domenica Sy lamenta qualche linea di febbre (per la precisione ha 38.2 di febbre)   E avverte i suoi dirigenti e l’allenatore. La squadra decide di partire comunque per Lerino per presentarsi in campo. Nel frattempo vengono avvertiti i vertici della Federazione.

All’arrivo al campo i dirigenti delle due squadre si consultano e ritengono che far disputare la gara sia un grave errore: i giocatori del Summania che sono stati a contatto con Sy potrebbero a loro volta contagiare i giocatori del Le Torri, visto che il calcio è uno sport di contatto, e quasto sarebbe oltremodo pericoloso per tutti. Si contattano i vertici della Federazione che non assumono alcuna decisione anche perchè il giocatore non è in quel momento positivo. L’arbitro non può assumersi alcuna responsabilità: chiede alle società di sottoscrivere una dichiarazione e prende atto della mancata presentazione.

Il giocatore Sy nella stessa giornata viene sottoposto a tampone e l’esito (comunicato lunedì)  è positivo  !

I commenti:

Taccardi Peter (allenatore Le Torri) : Come è possibile che si prenda una decisione del genere?..abbiamo preservato tutti e abbiamo fatto BENISSIMO visto il rischio che abbiamo corso tutti noi e tutti quelli che ci sono vicini! Parliamo di vite umane!!parliamo di proteggere noi e i nostri cari!!Ma veramente è normale una decisione di questo tipo? Ma veramente ha senso continuare a fare calcio in questo modo?  È una pagina molto triste del calcio dilettantistico. Stiamo parlando di vite umane a fronte di un risalutato sportivo di prima categoria. Spero questo possa avere risvolti pesanti e che sappiano TUTTI cosa sia successo..anche a carattere nazionale..che sia di esempio (ovviamente negativo) da far conoscere a TUTTI!  Avremmo costretto i nostri giocatori in quarantena..a rischiare la vita e il loro lavoro..permettimi di dire che a questo punto è arrivata l’ora di chiudere tutto!! Loro si presentavano senza giocatori importanti (tra i quali Sy, che è risultato positivo al COVID e Gheller)..noi avremmo potuto approfittarne di queste assenze per giocarla…..ma che senso avrebbe avuto?? ma veramente siamo arrivati ad un livello tale di INCIVILTÀ???..sono assolutamente convinto di aver fatto la scelta giusta nel non giocare per preservare TUTTI!!  e credo che questa sia la pagina più brutta che abbia mai vissuto da quando alleno…è talmente squallida che ci vorrebbe ora da parte di tutti una vera RIVOLUZIONE! Per quanto mi riguarda passa completamente la voglia di continuare.

Giacomo Lorenzi (allenatore Summania):  Preferisce non commentare la decisione del Gs ma si intuisce che ritiene di aver operato secondo coscienza.

Massimo Tonetto (Presidente Le Torri): “Sono amareggiato. Quando telefoni in Federazione e non ti danno indicazioni, l’arbitro nemmeno, a quel punto pensi solamente alla salute dei ragazzi … ”

Nell’ambiente sportivo del Le Torri c’è anche chi afferma che si potrebbe ritirare anche la squadra dal campionato.

Alberto Menti (segretario del Le Torri): Abbiamo deciso in comune accordo di non fare la partita visto che il loro giocatore era in ospedale per sottoporsi al tampone e naturalmente visto che i giocatori erano venuti a saperlo non erano nelle condizioni psicologiche di entrare in campo per disputarla . Penso che in questo momento un po’ di attenzione per la salute dei giocatori non la baratto con una partita di calcio.

Il commento finale

Noi riteniamo che la decisione delle due società sia stata comprensibile e corretta al 100% . Ne andava di mezzo la salute dei giocatori e dei loro cari. E’ vero che Sy non era presente a Lerino ma era stato con i suoi compagni ad allenarsi venerdì sera e rischiava di averli contagiati. E di conseguenza rischiava di contagiare i giocatori del Le Torri che a casa hanno familiari, compagne, mogli, figli, genitori  che possono essere a loro volta contagiati. Forse il Crv avrebbe dovuto regolarsi come aveva fatto giorni prima la Lombardia e sospendere i campionati d’autorità. Senza attendere che la decisione la prendesse il Governo o il Presidente della Regione. Ma di questo potremmo parlare a lungo senza arrivare ad una conclusione univoca. (FF)

 

La comunicazione ufficiale del Le Torri

Con la presente siamo ad esprimere il nostro completo disappunto nei confronti della FIGC in ordine a quanto accaduto domenica 25 ottobre 2020 econclusosicon la sentenza del giudice sportivo pubblicata nel C.U.n. 35 del29 ottobre 2020. Questo in considerazione del momento storico in cuinoituttistiamo vivendo.Premesso che occorre considerare che chi quotidianamente permette a livello territoriale di andare avanti nello sport, nel nostro caso nel calcio,merita un plauso, vogliamo chiaramente divulgare quanto accaduto alla nostra Società.

I fatti, domenica le due squadre si presentano al campo di Lerino seguendo il protocollo figc in termini di accesso alla struttura, emerge quindi che un tesserato del Summania avrebbe palesato poche ore prime sintomi febbrili importanti, lo stesso non presente la domenica ma avrebbe preso parte all’allenamento del venerdì prima della gara. Da qui inizia il proficuo confronto tra società, nel quale viene sentito informalmente anche una persona di vertice dellla FIGC Veneto; l’arbitro non riconosce che non è nelle sue competenze la scelta se giocare o meno la gara alla luce di una situazione dubbia.

Le società di comune accordo tra dirigenti, DAP e allenatori decidono di non giocare la gara tenendo conto del momento storico nel quale versa il nostro Paese e ancor di più alla salvaguardia dello stato di salute dei propri tesserati, ricordiamolo: uomini e donne che con passione e sacrificio dedicano tempo allo sport sottraendolo alla propria famiglia, alla vita privata.  L’indomani emerge la positività del tampone effettuato dal ragazzo oltre all’isolamento fiduciario di un membro dello staff del Summania.  Puntuale arriverà la sentenza del giudice sportivo per questa scelta sottoscritta nera su bianco dalle due società, piena di fortissimo senso di responsabilità e capacità decisoria razionale e conscia: sanzione di 300€ per entrambe le società, perdita della partita 3-0 a tavolino per entrambe le società e inibizione per due dirigenti accompagnatori. Inutile dire quanto sia immorale, imbarazzante e priva di qualsiasi contenuto umano questa decisione che disarma ancora una volta chi con amore per questo sport è chiamato costantemente ad assumersi rilevanti responsabilità in nome dello sport, giovanile e non.

Attendiamo con la serenità, che contraddistingue chi sa di essere dalla parte della ragione una presa di posizione da parte dei vertici federali e non esiteremo a ricorrere nelle opportune sedi congiuntamente con la Società Summania. (Presidente del Le Torri Massimo Tonetto)

 

Sull'Autore

Federico Formisano