Seconda Categoria

Le interviste (20): Cavedon  (Real  Brogliano)  Passione ed entusiasmo ma senza esasperazioni

Scritto da Federico Formisano

Le interviste (19): Cavedon  (Real  Brogliano)  Passione ed entusiasmo ma senza esasperazioni

Oggi abbiamo posto alcune domande sulla fase particolare che stiamo vivendo all’allenatore del Real Brogliano,   Daniele Cavedon.  

Cavedon Daniele

Che cosa pensi della norma sullo svincolo dei dilettanti? Lo trovo una cosa abbastanza assurda che finirà con il discriminare il lavoro di quegli allenatori che lavorano a livello di settore giovanile. Credo sia giusto riconoscere un merito a chi lavora bene nei vivai.

L’introduzione della clausola per la regolamentazione del lavoro sportivo penalizza le società sportive?

Il sistema del calcio è tenuto in piedi da volontari che lo fanno senza scopo di lucro, per passione, mettendo a disposizione il loro tempo. Queste persone  non ci fossero bisognerebbe inventarle.  Tanti dirigenti anche nella nostra società sono presenti per la sanificazione degli spogliatoi, per la misurazione della temperatura, la preparazione del campo e del materiale, che sono appena andati in pensione o che comunque svolgono il loro compito con impegno e dedizione.  Ringraziamo queste persone che ci sono e che ci saranno sempre. Creare ulteriori difficoltà burocratiche non mi sembra certo una buona soluzione.

i tre bomber del Brogliano, De Franceschi, Guiotto e Zarantoniello

Dopo le ultime affermazioni dei dirigenti federali sembra che sia possibile completare la stagione giocando anche durante la settimana e fino a giugno e luglio; sei d’accordo?

Ci deve essere un limite a tutto: giocare durante la settimana e giocare fino a giugno e luglio è improponibile. Siamo dilettanti; è vero che mettiamo passione ed entusiasmo in quello che facciamo, la voglia di fare qualche sacrificio c’è ma non possiamo esagerare. Alcuni giocatori del Brogliano mi avevano chiesto di non venire per non coinvolgere genitori e famigliari e non avere ripercussioni sul lavoro, e da quello che so questo è un tema comune a molti.

Forzare la mano per finire il campionato mi sembra fuori luogo.

Qualora si dovesse giocare solo il girone d’andata, pensi che sia giusto ridurre le retrocessioni e quindi puntare ad una nuova stagione con gironi di Eccellenza, Promozione e Prima Categoria a 18 squadre?

Non si può pensare che in un solo girone d’andata si possa  giudicare se una squadra deve essere promossa o bocciata; Ben venga dunque la ripresa del campionato ma senza decidere promozioni e retrocessioni. Io sarei per mantenere i punti conquistati e riprendere nella stagione successiva con i gironi congelati ma comunque partendo dal punteggio acquisito. E riportare nella prossima stagione i gironi a 16 squadre anche in Eccellenza, Promozione e Prima Categoria.  

Pensi che in queste condizioni sia possibile programmare l’attività sportiva?

Non ci sono le condizioni di programmare Si procede a vista: con la prima squadra stiamo pensando ad un allenamento alla settimana. Attualmente l’uso degli spogliatoi è interdetto: con il maltempo andare a casa a farsi la doccia potrebbe diventare addirittura controproducente per la salute.

Il calciomercato che inizia oggi proseguirà fino a febbraio; concordi con questa scelta della Federazione di tenere aperto il mercato per tre mesi? Voi vi muoverete sul mercato?

Per il momento il problema non ci tocca: attualmente siamo in 24 giocatori con tutti i ruoli coperti; noi quindi non interverremo sul mercato. Se ci sarà qualche possibilità  di intervenire la valuteremo.  La decisione di prolungare a febbraio ci lascia al momento indifferenti: sono decisioni che non ci riguardano. Per noi il mercato si chiude sostanzialmente in estate.

Sei soddisfatto finora della stagione della tua squadra?

Rispetto allo scorso anno il rendimento è stato leggermente inferiore, ma il gruppo sta lavorando molto bene e stiamo operando con un gruppo di giovani che potranno dare grandi soddisfazioni al paese e alla società. Adesso vedremo di riorganizzare la preparazione per ripartire con il piede giusto

Real Brogliano

Auguro a tutti un buon Natale e buone feste, soprattutto auspico che questo sia l’ultimo Natale trascorso in questo modo.

 

Finora abbiamo pubblicato le interviste ad Antonio Bonati (Real San Zeno) , Antonio Mandato (Longare), Claudio Giarolo (Montebello) Fabio Ebene (Calidonense), Giulio Strazzabosco (Maddalene), Marco Aleardi (Monteviale),  Luca Bertollo (Eurocalcio), Marco Piredda (Junior Monticello),   Spes Geremia (Rosà), Fabio  Bagnara (Trissino), Fabio Munaretto ( Toniolo ), Andrea Luccarda (Santomio) Loris Ambrosini (Bissarese) , Ivan Chiari (Alte), Matteo Busellato (Union Olmo Creazzo), Sergio Minchio (Altavilla) , Nicola Maccà (Altair),  Luca Guglielmi (Azzurra Maglio), Maurizio Cecchin (Santa Croce Bassano)

Sull'Autore

Federico Formisano