“banner



Edicola EVIDENZA

L’edicola del lunedì: si precisano i contorni di una decisione ineluttabile

Scritto da Federico Formisano

Rispetto a quanto pubblicato ieri arrivano altre indiscrezioni: il campionato di Eccellenza riparte con i tamponi veloci a 3 euro e partecipazione obbligatoria altrimenti retrocessione diretta per chi non partecipa. Dalla Promozione in giù un’arrivederci a settembre. Ovviamente sono molte le questioni irrisolte. Come verranno sostituite le società che retrocederanno dall’Eccellenza? Come ci si regolerà con i risultati ottenuti in questo campionato, verranno considerati o azzerati completamente? Le società dovranno pagare una nuova iscrizione?  I dubbi sono tanti ma anche ieri è arrivata la conferma che la decisione di ripartire a settembre per Promozione, Prima, Seconda e Terza categoria è stata assunta nella riunione allargata del Comitato Regionale Veneto di venerdì.

Noi abbiamo solo un dubbio: se tra un mese veramente la campagna vaccinale decollerà e i casi caleranno radicalmente, se il tempo sarà clemente, non ci sarà nessun rimpianto la domenica per non giocare??

Le notizie pubblicate ieri

  • L’ edicola-della domenica: in arrivo una clamorosa decisione. mercoledì sarà ufficiale una decisione che è nell’aria da tempo. Intanto le altre federazioni definiscono di interesse nazionale anche le partite strapaesane.. La presentazione delle gare della giornata con le probabili formazioni. Tiozzo interdetto per 5 anni. I commenti del giorno. Mercato sempre attivo.
  • I risultati di domenica 28 febbraio con la serie D e la Serie B Femminile
  • Arzignano – Trento la cronaca con tabellini e foto della gara di Nicola Ciatti (Ufficio Stampa Arzignano)
  • Pontedera- Vicenza cf la cronaca con tabellini e foto della gara dell’Ufficio Stampa Vicenza cf

 

 A

 

Arzignano:  In queste immagini il calcio di rigore concesso al Trento con l’Arzignano https://www.facebook.com/SpecialeDilettanti/videos/845691142822716

Nel video l’azione appare più chiaro. Questo è un fermo immagine

B

Bollettino Covid: mezzo milione di vaccini come auspicio  Attualmente positivi: 422.367 Deceduti: 97.699 (+192) Dimessi/Guariti: 2.405.199 (+6.847) Ricoverati: 20.869 (+281) di cui in Terapia Intensiva: 2.231 (+15) Tamponi: 40.132.887 (+257.024) Totale casi: 2.925.265 (+17.455)

Vaccini somministrati fino alle 17 di oggi in Italia: 4258271 Di cui prime dosi: 2862050 Di cui seconde dosi: 1396221 Variazione dosi totali rispetto alle 17 di ieri: +101889 Media settimanale delle somministrazioni giornaliere: 114568

La percentuale dei positivi risale nuovamente ( 6,7  tamponi positivi ogni 100 effettuati)  Salgono ancora  i ricoveri e  le terapie intensive. Il Veneto scende a  911  casi, davanti a tutte le regioni c’è sempre la Lombardia con 3529  casi

Un cambio di strategia sui vaccini, che prevede un ruolo sempre più centrale di Palazzo Chigi nella campagna anticovid, affinché Protezione Civile ed Esercito siano pronti ad intervenire per limitare eventuali gap nelle regioni: l’auspicio è di procedere fino al ritmo di 500mila dosi al giorno già nel mese di aprile, quando dovranno arrivare anche le prime dosi di Johnson & Johnson. Sarà una settimana di svolta, dunque: entrano in vigore le ultime ordinanze del ministro della Salute, con la Sardegna prima Regione a diventare area bianca e Lombardia, Marche, Piemonte in arancione. Mentre Basilicata e Molise vanno in area rossa. Il Governo tornerà a riunirsi, almeno nell’ambito della cabina di regia di ministri per mettere a punto il Decreto della Presidenza del Consiglio, sciogliendo gli ultimi nodi. L’attenzione è in particolare sulla scuola alla luce delle indicazioni del Cts: nelle zone rosse tutti gli istituti dovrebbero essere chiusi. Gli esperti hanno anche valutato che gli studenti dovranno essere in Dad nel caso l’incidenza sia superiore a 250 casi ogni 100mila abitanti.

C

Cartigliano: Partita equilibrata, complimenti ai nostri avversari per essersi dimostrati pericolosi e corretti in campo. I nostri ragazzi centrano un palo e un incrocio, in una partita che solo un episodio avrebbe potuto sbloccare. Ecco il commento del nostro mister Alessandro Ferronato che accetta con soddisfazione il punto e guarda già al prossimo match contro la Manzanese. https://www.facebook.com/ssdarlcartiglianocalcio/videos/278505713660810

: Bogdanic, Boudraa, Gobbetti, Marchesan (42’ st Michelon), Pelizzer, Buson, Romagna (23’ st Affolati), Burato (42’ st Pregnolato), Di Gennaro, Mattioli, Barzon (23’ st Murataj). All. Ferronato
: Aldegheri, N’Ze, Braga, Burato, Rossi, Baschirotto, Zerbato, Filiciotto, Cherubin, Viviani, Peli (35’ st Boldini). All. Soave
Arbitro: Ursini di Pescara

Crotone: si va verso l’esonero di mister Stroppa a Crotone. l’allenatore che ha portato i calabresi in serie A deve fare i conti con una classifica deficitaria (ultimo con 12 punti) e starebbe per pagare la sconfitta con il Cagliari che avrebbe potuto rappresentare la gara del rilancio. E si parla di una possibile panchina a Crotone per l’ex biancorosso Bucchi

F

Fuori gioco: Questa sera alle 17.30  nella puntata di Fuori gioco sarà  il momento di Lele Ambrosetti, indimenticato attaccante del Vicenza di Guidolin, uno dei protagonisti della vittoria in Coppa Italia : 105 partite in biancorosso fra il 1995 e il 1999 condite da 18 reti. Dopo la semifinale di Coppa delle Coppe fu acquistato dal Chelsea; successivamente dopo un esperienza a Piacenza tornò a Vicenza nel 2002 prima di chiudere la carriera nella Pro Patria.  E’ stato vice allenatore  di Guidolin allo Swansea.

 

L

Liste: A questo link potete trovare le schede aggiornate del La Contea  https://www.calciovicentino.it/list/La Contea/  Come quella di Harpret Singh  nel nostro sito ci sono oltre 4000 schede di giocatori con indicate le squadre dove hanno giocato, le presenze e le reti realizzate. Per visionarle è sufficiente indicare il cognome del giocatore nello spazio scrivi qui cosa cercare.

S   

 

Scoutit: Lo scouting è un attività estremamente esperienziale, nella quale va investito tempo, energie e passione. Tempo per affinare il proprio occhio, elemento fondamentale all’interno dell’attività dello scout, che si deve calibrare per visionare al posto di guardare. C’è una differenza oceanica tra le due azioni che possiamo svolgere con la nostra vista. Ci vuole tempo si, ma questo lasso temporale necessario a imparare le principali accortezze dello scout può essere ridotto acquisendo esperienze esterne ed “abbeverandosi” da chi di questa attività ne ha fatto un mestiere.

E’ per questo che Scoutit, in attesa di tornare a farlo sui campi, organizza un vero e proprio laboratorio Scouting via video. Un occasione dove si andrà a  visionare una gara del campionato Primavera 1, non da soli ma insieme a due professionisti del mestiere. Saranno infatti presenti Christian Bruccoleri, capo scout del Como e Lorenzo Giunta, match analyst del Potenza. Due professionisti che guideranno i corsisti alla ricerca del dettaglio e dentro quelle competenze specifiche del mestiere. Una lezione pratica che può velocizzare le proprie abilità nell’ambito e che soprattutto ti può mettere alla prova in un attività completamente interattiva dove sarai chiamato a fare le tue osservazioni e potrai porre tutte le questioni che desideri!

Usufruendo di questo codice: CALCIOVICENTINO-10  otterete uno sconto di 10 euro sul costo di partecipazione

Serie D:   risultati e classifica

Ambrosiana-Union San Giorgio Sedico 1-2 24’ Perinelli (A) 75′ Serena (US)  85′ Ostojic (US)
ArzignanoValchiampo-Trento 0-1 75′ Gatto (T) su rigore   Per questa gara pubblicheremo la cronaca e le immagini
Belluno-Union Feltre 2-1 6’ Benedetti (UF) 64′ Masoch (B)  75′ Petdji (B)
Campodarsego-Manzanese 1-4  5’ Akammadu (C), 16’ Boscolo Papo (M), 37’ Moras (M) 74′ Fyda (M)  94′ Casella (M)
Cartigliano-Caldiero Terme 0-0
Chions-Luparense 1-1  7’ Florian (L), 17’ Torelli (C)
Cjarlins Muzane-Montebelluna 1-3 21’ Sottovia (C), 35’ Lukanovic (M), 39’ Fasan (M) 53′ Franceschini (M)
Delta Porto Tolle-Mestre 0-1  41’ Telesi (M)
Este-Union Clodiense 0-3 5’ Ndreca (U), 21’ autogol Pasha 90′ Gioè
Virtus Bolzano-Adriese 5-0 ; 27’ Timpone 49′ Elis Kaptina,  54′ Arnaldo Kaptina,  60’Timpone  90′ Gulic (VB)

Classifica: Trento 49 (22), Manzanese 44 (22) Clodiense Chioggia 41 (22), Belluno 38 (22), Mestre 36 (23), Luparense  35 (23),   Adriese 30 (23), Cartigliano 29 (23), Este 29 (21), Caldiero 29 (22), Arzignano 27 (21), Cjarlins Muzane 26 (21),   Virtus Bolzano 26 (23), San Giorgio Sedico 26 (22), Montebelluna 25 (23) , Delta Porto Tolle  23 (15), Union Feltre 22 (23),   Ambrosiana 19 (22),   Campodarsego 19 (19), Chions 17 (22) 

 

 

V

Vicenza: l’intervista a Di  Carlo dopo la gara di sabato Sinceramente devo fare i complimenti alla squadra per l’atteggiamento e per la mentalità, siamo venuti qui a Pisa per fare una partita propositiva e dopo il vantaggio di 2-0 eravamo in totale controllo, chiaro che la qualità del Pisa non la vediamo oggi, l’abbiamo vista contro l’Empoli e contro altre squadre e quando riescono a bucare e arrivare vicino all’area di rigore sono giocatori che hanno qualità. La differenza l’ha fatta questo, perché dopo a fine gara quando ho cambiato tutto l’attacco siamo tornati ad avere 3-4 occasioni per fare goal e vincere la partita quindi la mentalità c’è, l’atteggiamento c’è, peccato perché ad ogni errore noi prendiamo gol e invece non riusciamo a sfruttare quando a noi ci capitano le palle importanti per vincere la partita. 3 minuti di blackout? Più che tre minuti di blackout succede che quando prendi un gol, poi nel secondo Pasini era fuori, ma cosa dovrei dire a Pasini? Ha fatto una grande partita, con tutto il bendaggio è rimasto in campo fino alla fine è un peccato perché un errore ci può stare ma non è Pasini, è la giocata, loro l’hanno trovata. Il 2-1 secondo me non era preoccupante, il 2-2 invece era evitabile perché abbiamo perso una palla in tre a centrocampo e loro hanno fatto un eurogol e quando un giocatore fa un eurogol bisogna fargli anche un applauso, come lo facciamo a Meggiorini e Dalmonte lo facciamo anche a Mazzitelli.

 

Dopo l’uscita di Meggiorini è mancato il finalizzatore? No, perché abbiamo costruito ancora azioni, abbiamo ricominciato a giocare ancora perché in quel momento lì eravamo un po’ calati quindi ho voluto cambiare sia l’attacco che gli esterni. Ho messo dentro giocatori per avere forze fresche, tecniche, abbiamo creato 4 occasioni da gol ma non siamo riusciti a farlo, dobbiamo lavorare così. Io sono contento della squadra, dell’atteggiamento e della mentalità che abbiamo proposto qui a Pisa. Sugli episodi bisogna essere più attenti e concentrati e chiaramente non sempre va così male. L’uscita di Dalmonte preoccupa? Come sta? Preoccupa sì perché abbiamo visto che lui ha quell’imprevedibilità nel gioco, ha avuto fastidio, non muscolare e quindi è una cosa anche gestibile però purtroppo lui stringe i denti, speriamo di recuperarlo per la prossima partita. Zonta? Loris ha preso un bel colpo. Oggi proprio una giornata in cui quelle due sostituzioni non erano in preventivo. Chi è subentrato ha fatto bene e devo fare i complimenti anche a loro. Ripeto, io vedo il bicchiere mezzo pieno perché non siamo venuti a fare barricata e non abbiamo subito il Pisa, abbiamo imposto il nostro gioco e la nostra mentalità. Questo ci ha portato a fare due goal, ne abbiamo subiti due e abbiamo provato a vincere la gara, come con la Spal non abbiamo finalizzato ma la strada da intraprendere è questa. Gori poca serenità o altro? Difficile dire se poca serenità, Gabri ci mette tutto se stesso, è giovane, finché ci mette la garra, la volontà e la determinazione nessuno potrà dirgli mai niente compreso il proprio allenatore. Io sono contento di lui, peccato che non è riuscito a fare gol perché poteva essere un riscatto per quella occasione con la Spal, ci deve riprovare, continuare a insistere e lavorare e non mollare niente perché questa è una squadra che non molla niente e sul 2-2 chi doveva vincere la partita era il Vicenza. Inizialmente non era soddisfatto dell’atteggiamento di Pontisso? Non solo Pontisso, erano 3-4 giocatori che non avevano iniziato con il ritmo giusto e non riuscivamo a proporre gioco. Dopo diversi minuti la partita ha iniziato a mettersi a posto, abbiamo preso campo e abbiamo iniziato a giocare. Mi è piaciuta la personalità della squadra, a ogni fine partita siamo rammaricati, però con una situazione di gioco propositiva, non perché gli altri hanno sbagliato 10 gol, siamo noi che li sbagliamo, quindi finché sarà così la squadra deve mantenere la fiducia e la lucidità per cercare di rifarsi già dalla prossima partita. La classifica preoccupa? La classifica preoccuperà sempre finché non si faranno 3-4 vittorie, ci proveremo martedì contro una squadra che ha dei valori alti, che col cambio di allenatore ha ripreso a correre però tutte sono squadre difficili. Oggi abbiamo provato a vincere col Pisa, ci riproveremo con la Cremonese in casa”.

Vicenza- Cremonese: Per la gara di domani sera con la Cremonese Di Carlo dovrà sicuramente apportare dei cambi. Probabile intanto che nessuno dei tre assenti di Pisa sia recuperabile: Ierardi, Da Riva e Jallow non avranno il tempo materiale per recuperare. Possibili anche le assenze di Dalmonte e di Zonta usciti a Pisa. Infine sarà squalificato Pasini che era diffidato.  Quasi certo il rientro dal primo minuto di Rigoni e Padella che hanno riposato contro i toscani.   Non escluso in ottica turn over l’utilizzo di Bruscagin e Barlocco. Ipotizziamo questa formazione: Grandi, Bruscagin, Padella, Cappelletti, Barlocco; Rigoni, Cinelli, Agazzi; Vandeputte; Meggiorini, Longo.

Dalmonte quasi certamente assente

 

 

Recapiti     del sito:info@calciovicentino.it
Telefono e Whatsapp 335 7150047
Facebook / calcio vicentino

In calce all’edicola ogni giorno uno o più commenti:

Simone Sonda (direttore sportivo Tezze sul Brenta) sulla questione sospensione campionati A settembre non cambiera nulla: si giocherà per  qualche settimana  e poi tornerà esattamente come quest anno! cosi avremo davanti due anni senza che si possa giocare a calcio: con  conseguenze immaginabili  e drastiche. E’ arrivato il momento che ognuno si prenda le proprie responsabilità.

Matteo Molari (Allenatore giovanili Arzignano) sulla questione dei campionati di altre federazioni spacciati per nazionali È corretto definire di interesse nazionale l’attività dei nostri ragazzi ? forse (ma lascio il giudizio a chi ha più competenza in materia) non è altrettanto corretto riprendere i campionati in questo momento. Sarebbe un giusto compromesso poter riprendere a fare attività “normale” anche nei soli allenamenti.

 

Sull'Autore

Federico Formisano