“banner



Edicola EVIDENZA

L’edicola del mercoledì: ma il Coni può chiamarsi fuori; oggi giornata d’attesa

Scritto da Federico Formisano

L’art. 18 del Dpcm stabilisce che la vigilanza sul rispetto delle norme e quindi sulla definizione di quali eventi sono di interesse nazionale compete al Coni. Allora forse sarebbe il caso che il Comitato Olimpico Nazionale vigilasse sulla corretta applicazione  di tale norma per non creare sperequazioni fra Federazioni con il calcio che ferma anche i campionati più importanti (Juniores Nazionali o Elite) e altre federazioni che definiscono nazionali anche i tornei provinciali.

Oggi potrebbe essere una giornata importante sul piano comunicativo. Ma potrebbe anche essere che la Federazione decida di attendere il Consiglio Federale di Venerdì e le decisioni che Gravina ha già anticipato come quasi scontate

Le notizie pubblicate ieri

  • L’ edicola-del martedi:due date da cerchiare in rosso. Due step importanti ci attendono questa settimana: domani dovrebbe uscire un Comunicato che mai come questa volta è atteso dalle società.   Il presidente del Crv Giuseppe Ruzza, sulla ripartenza delle categorie dalla Promozione in giù,  ha dichiarato  ad Alex Iuliano del Giornale di Vicenza “la vedo molto dura perché i tempi diventerebbero troppi lunghi stando alle anticipazioni di quanto previsto nel nuovo dpcm. Dalla Promozione in giù il rischio è quello che la stagione termini qui. venerdì ci sarà il Consiglio Federale che dovrebbe dare il via libera al ritorno in campo dell’Eccellenza. Nel Veneto al momento 23 società  sulle 36 dell’ Eccellenza si sono dichiarate favorevoli al ritorno in campo
  • News pomeridiane: Dpcm in arrivo e le storie di Gresele, Sartor, Tiozzo : I contenuti del Dpcm nelle prime anticipazioni; sta meglio il giocatore del Verona, Gresele, Gigi Sartor condannato, Mister Tiozzo presenterà ricorso contro il Daspo.
  • Il punto sulla Serie A di Federico Formisano
  • Lr Vicenza – Cremonese la cronaca con tabellini e foto a cura di Federico Formisano e Luciano Zanini inviato al Menti

 

B

Battaglion: lo scorso 19 febbraio vi abbiamo raccontato la storia di Maurizio Battaglion pubblicando in particolare il suo ringraziamento ai medici e al personale sanitario dopo la sua guarigione dal Covid. Oggi il Giornale di Vicenza riprende la vicenda umana con particolari inediti: il 22 dicembre pareva un giorno lavorativo come tutti gli altri. Ma alla sera… «Rientrato a casa – ha raccontato Battaglion- ho iniziato ad avere qualche linea di febbre. L’indomani la temperatura è salita a 38 gradi e da lì a poco sono risultato positivo prima al test rapido e poi anche al molecolare; mi sono subito isolato ma via via la saturazione è diminuita tanto che la sera di Natale i sanitari, giunti a casa, mi hanno messo immediatamente sotto ossigeno decidendo il ricovero per polmonite bilaterale interstiziale”. E da quella sera fino al 21 gennaio (giorno nel quale ha avuto l’esito dell’ultima negatività) Battaglion ha dovuto ricorrere all’ossigeno. “Mi hanno ricoverato in pneumologia Covid con tanto di maschera ventilata. Non nascondo che i primi giorni ho anche pensato di non farcela. Un mio compagno di stanza non ce l’ha fatta e la scena più straziante è averlo visto uscire all’interno di un sacco nero chiuso con una cerniera: la classica scena da film che non avrei mai pensato di vedere dal vivo”  Debellato il virus, Battaglion è stato poi trasferito a Lonigo per la riabilitazione polmonare (con la quale è alle prese ancora oggi) rientrando tra le mura domestiche solo giovedì 17 febbraio. “Ho perso 19 chili, in quei giorni ho cercato di caricarmi pensando alle cose belle della vita tra cui ovviamente il calcio; mi sono ripromesso che se fossi riuscito a portare a casa la pelle avrei rivisto il mio stesso modo di vivere cercando di godermi maggiormente gli affetti più cari quali la moglie, i figli e gli amici.”

Venturini, Battaglion e Bottazzi

Bollettino Covid:    Attualmente positivi: 430.996  Deceduti: 98.288 (+443) Dimessi/Guariti: 2.426.150 (+10.057) Ricoverati: 21.897 (+496) di cui in Terapia Intensiva: 2.327  (+38) Tamponi: 40.649.503 (+335.983) Totale casi: 2.955.434 (+17.083)

Vaccini somministrati fino alle 17 di oggi in Italia: 4.434.131 Variazione delle dosi totali di vaccino rispetto alle 17 di ieri: +120.498

La buona notizia del giorno è rappresentata dalla discesa della percentuale dei positivi ( 5,0 tamponi positivi ogni 100 effettuati contro i 7,6 di ieri )  Salgono  i ricoveri e  le terapie intensive. Il Veneto risale a  1228  casi, mentre torna al comando la Lombardia con 3762 casi.

Cresce in Italia la preoccupazione per il diffondersi delle varianti del virus SarsCov2 che, più contagiose, rappresentano una nuova minaccia. Le mutazioni si stanno infatti espandendo sul territorio nazionale sempre più rapidamente e lo dimostrano i risultati dell’ultima indagine dell’Istituto superiore di sanità (Iss): il 54% delle infezioni Covid-19 nel nostro Paese è dovuto proprio alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% alla sudafricana. Una situazione che, avverte l’Istituto Superiore di Sanità, impone un rafforzamento delle misure per frenare i contagi.

D

Dpcm: Per quanto riguarda le attività sportiva gli articoli 17 e 18 ripropongono quanto già presente nei precedenti Decreti

Art. 17 È consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, ove accessibili, purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività salvo che sia necessaria la presenza di un accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti.

Sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali. Ferma restando la sospensione delle attività di piscine e palestre, l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere svolte all’aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati, sono consentite nel rispetto delle norme di distanziamento interpersonale e senza alcun assembramento, in conformità con le linee guida emanate dall’Ufficio per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), con la prescrizione che è interdetto l’uso di spogliatoi interni a detti circoli; Fatto salvo quanto previsto all’articolo 18, comma 1, in ordine agli eventi e alle competizioni sportive di interesse nazionale, lo svolgimento degli sport di contatto, come individuati con provvedimento dell’Autorità delegata in materia di sport, è sospeso. Sono altresì sospese l’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa di avviamento relative agli sport di contatto nonché tutte le gare, le competizioni e le attività connesse agli sport di contatto, anche se aventi carattere ludico-amatoriale

Art. 18 Sono consentiti soltanto gli eventi e le competizioni – di livello agonistico e riconosciuti di preminente interesse nazionale con provvedimento del Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e del Comitato italiano paralimpico (CIP) – riguardanti gli sport individuali e di squadra organizzati dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva ovvero da organismi sportivi internazionali, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico.

Le sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, degli sport individuali e di squadra, partecipanti alle competizioni di cui al presente comma e muniti di tessera agonistica, sono consentite a porte chiuse, nel rispettodei protocolli emanati dalle rispettive Federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate e Enti di promozione sportiva. Il Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e il Comitato italiano paralimpico (CIP) vigilano sul rispetto delle disposizioni di cui al presente comma.

Detto fra di noi il Coni dovrebbe vigilare anche perché le federazioni non definiscano di interesse nazionale anche eventi che assolutamente non lo sono.

 

F

Fabris: La Fermana ha comunicato ufficialmente l’arrivo di Vittorio Fabris centrocampista classe 1993 di estrema duttilità. Prodotto del settore giovanile del Vicenza dove ha militato fino alla Primavera. Nel Luglio 2012 firma con il Parma in Serie A e viene mandato in prestito alla FeralpiSalò. Successivamente ha giocato con Venezia, Padova, Monopoli e Sud Tirol.

Fuori gioco: Non avete potuto guardare la puntata di FUORI GIOCO con l’intervista all’ex giocatore del Vicenza, poi approdato al Chelsea, Lele Ambrosetti? Niente paura, di seguito il link al canale #youtube di LP Network per poterla guardare in streaming. https://youtu.be/U7nGd-xMSUI

 

L

Lazio Torino: Alle 19.15di ieri sera  l’arbitro Piccinini ha dato la comunicazione della mancata effettuazione della gara Lazio Torino  e ha messo a referto che una delle due squadre (Il Torino) non si è presentata neanche dopo i 45′ previsti dal regolamento. La palla passa al Giudice Sportivo.  E ovviamente saranno poi scontati altri ricorsi fino al Coni se il Gs dovesse pronunciarsi per la sconfitta a tavolino. Ma non era più semplice pensare da subito ad un rinvio.

Liste: A questo link potete trovare le schede aggiornate del Transvector  https://www.calciovicentino.it/list/transvector/   Come quella di Mattia Bizzotto nel nostro sito ci sono oltre 4000 schede di giocatori con indicate le squadre dove hanno giocato, le presenze e le reti realizzate. Per visionarle è sufficiente indicare il cognome del giocatore nello spazio scrivi qui cosa cercare.

P         

 

Presenze e reti: Queste le presenze e le reti dei giocatori del Marchesane: Maroso F. 4, Maroso R. 4, Degetto 4, Collanega 4 (2), Comacchio 4 (1), Seck 4 (3), Carollo 4, Menegazzo 4, Andreazza 3, Caregnato 3, Volpato 2 (1), Mattesco 2, Marcon 2, Baratto 2, Panzarin 2, Andriolo 2, Lovato 1.

Finora  abbiamo pubblicato Altavalle del Chiampo,  Altavilla, Alte, Alto Astico Cogollo,   Arcugnano, Arsenal, Arzignano,  Azzurra Maglio, Azzurra Sandrigo, Bassano, Berton Bolzano, Breganze, Brendola, Calidonense,  Camisano,  Carmenta, Cartigliano,  Cassola, Castelgomberto,  Chiampo, Due Monti, Dueville, Eurocalcio, Fides,  Grancona, Grantorto,  Grisignano,  Grumolo, Isola Castelnovo, La Rocca, Lampo, Le Torri, Longare, Lugo, Maddalene, Malo, Marchesane, Marosticense, Molina, Montebello,  Montecchio, Montecchio Precalcino, Montecchio San Pietro,  Monteviale, Mottinello, Nova Gens, Nove, Novoledo, Orsiana, Pedemontana, Pedezzi, Poleo, Ponte dei Nori,  Quinto, Real Brogliano,   Real San Zeno, Real Stroppari, Rivereel, Rosà, San Lazzaro, San Pietro Rosà, Santa Croce  Bassano, Sant’Eusebio, Santomio,   San Vitale, San Vito Cà Trenta, Sarcedo, Schio, Silva, Solagna,  Sovizzo, Spes Poiana, Stella Azzurra,  Summania, Telemar, Tezze, Thiene, Transvector,  Trissino, Union Olmo Creazzo, Valbrenta, Valdagno, Valli, Vicenza, Virtus Cornedo, Virtus Romano (84)

 

S   

 

Scoutit: Lo scouting è un attività estremamente esperienziale, nella quale va investito tempo, energie e passione. Tempo per affinare il proprio occhio, elemento fondamentale all’interno dell’attività dello scout, che si deve calibrare per visionare al posto di guardare. C’è una differenza oceanica tra le due azioni che possiamo svolgere con la nostra vista. Ci vuole tempo si, ma questo lasso temporale necessario a imparare le principali accortezze dello scout può essere ridotto acquisendo esperienze esterne ed “abbeverandosi” da chi di questa attività ne ha fatto un mestiere.

E’ per questo che Scoutit, in attesa di tornare a farlo sui campi, organizza un vero e proprio laboratorio Scouting via video. Un occasione dove si andrà a  visionare una gara del campionato Primavera 1, non da soli ma insieme a due professionisti del mestiere. Saranno infatti presenti Christian Bruccoleri, capo scout del Como e Lorenzo Giunta, match analyst del Potenza. Due professionisti che guideranno i corsisti alla ricerca del dettaglio e dentro quelle competenze specifiche del mestiere. Una lezione pratica che può velocizzare le proprie abilità nell’ambito e che soprattutto ti può mettere alla prova in un attività completamente interattiva dove sarai chiamato a fare le tue osservazioni e potrai porre tutte le questioni che desideri!

 

Usufruendo di questo codice: CALCIOVICENTINO-10  otterete uno sconto di 10 euro sul costo di partecipazione

 

Serie B: I risultati del Turno infrasettimanale

Venezia- Reggiana 1-2 Libutti (R) doppietta di Aramu (V) il primo gol su rigore
Ascoli- Pisa 0-2Mastinu, Marconi
Cittadella – Pescara 0-1 Odgard
Frosinone – Monza 2-2 
Iemmello (F) Paletta (M) Gjlkiaer (M) Salvi (F)
Lecce – Entella 0-0
Chievo- Pordenone 3-0  Ciciretti, Garritano, Obi
Salernitana- Spal 0-0
Reggina- Empoli 0-3  Olivieri, Mancuso, Matos
Brescia – Cosenza 2-0 Bjarnasson e Aye
Vicenza – Cremonese 3-1 Meggiorini (2) Ciofani (C) Nalini (V)

Classifica: Empoli 49, Venezia 45, Monza 44,  Salernitana, 43,  Chievo 42, Cittadella 40, Lecce 40,  Spal 38, Pisa  36  Frosinone 34 , Pordenone, Reggina 32, Vicenza 31,  Brescia 30, Cremonese 29,   Reggiana 28,  Cosenza 26,  Ascoli 22, Pescara 22, Entella 19

Il punto: martedì favorevole a Empoli e Venezia che approfittano dei pareggi di Monza e Salernitana per avvantaggiarsi in testa con i toscani che vanno a +4 e la squadra di Zanetti che è seconda da sola. Il Chievo batte il Pordenone (la cessione di Diaw comincia a farsi sentire) e supera il Cittadella battuto in casa dal Pescara. In zona play out importanti successi di Vicenza e Brescia mentre Cremonese, Reggiana e Cosenza restano al palo.  Il Pescara aggancia l’Ascoli e l’Entella fa un punto a Lecce che comunque salva la panchina di Vivarini ma non permette di migliorare la classifica dei liguri sempre ultimi e staccati.

Serie D:  Sabato un anticipo

Luparense- Campodarsego si gioca sabato 6 marzo alle ore 14.30

questi invece i recuperi nel girone C

Mercoledì 10 marzo
Campodarsego-Delta Porto Tolle

Mercoledì 17 marzo
Arzignano-Campodarsego
Caldiero-Union Clodiense
Delta Porto Tolle-Cartigliano
Trento-Manzanese

V

Vicenza  Le dichiarazioni di Meggiorini e Nalini dopo Vicenza – Cremonese

Meggiorini:Dieci gol in campionato, se me lo aspettavo? So di avere le qualità per fare bene, per dare una mano alla squadra, ovviamente a questo punto della stagione sono contento del traguardo della doppia cifra però ne mancano ancora un bel po’ e voglio farne altri e, se i compagni continuano a servirmi così come stasera, posso farli. Più bello il primo o il secondo? Forse il secondo è stato più di cattiveria perché ho vinto il contrasto di testa e poi Giacomelli ha messo una palla tesa senza pensarci troppo e l’ho impattata bene. Il primo diciamo ho avuto un po’ più di tempo per coordinarmi. L’assist per Nalini? Sì, beh ha fatto tutto lui, ha fatto una gran giocata quindi sono contento per lui, perché ha ripreso dopo tanto tempo e ha trovato subito il gol, questo vuol dire che il morale ce l’ha già molto alto. Lunedì il Chievo? Adesso ricarichiamo le batterie in questi giorni, un giorno o due ci vogliono perché comunque abbiamo fatto due partite in quattro giorni e vanno ricaricate e va fatta una prestazione di grande spessore perché contro il Chievo per far bene serve una prestazione di grande spessore. Sono il bomber che il Vicenza cercava? Il Vicenza cercava degli attaccanti che facessero il loro lavoro, cioè i goal, sono contento di essere a 10 e ringrazio sempre per la fiducia che mi hanno dato”.

Nalini: Un’emozione indescrivibile perché il gol è la realizzazione di tutto, che ogni giocatore ambisce. Credo che in questo goal ci sia tutta la rabbia, la sofferenza e tutto il trascorso che ho avuto, anche per l’ultimo infortunio e adesso spero di trovare la continuità che serve a me, per dare ai miei compagni, alla società e a chi mi sta vicino questa continuità che mi manca e fare bene. Il goal lo dedico soprattutto alla mia famiglia, a mia moglie e al mio bimbo che mi sono sempre stati vicini in questi anni di poca continuità dovuta agli infortuni. Qui a Vicenza sto da Dio, sto bene e vorrei portare il Vicenza il più in alto possibile. Mesi difficili? Li ho vissuti sempre non mollando, sembra una frase fatta ma è così, perché se non molli, anche se magari all’inizio trovi delle difficoltà, poi la strada ritorna in discesa e arrivano i risultati. Come sto? Mi manca il ritmo partita però credo che subentrando posso dire la mia quando la squadra avversaria è un po’ stanca. Importanti i recuperi di tutti i giocatori? Abbiamo una rosa forte a mio avviso e dobbiamo dimostrarlo partita dopo partita. Adesso lunedì arriva il Chievo e sappiamo che la Serie B è un campionato tosto per cui non dobbiamo mollare, dobbiamo pensare al Chievo perché bisogna andare la con il coltello tra i denti e portare a casa punti”.

 

Recapiti     del sito:info@calciovicentino.it
Telefono e Whatsapp 335 7150047
Facebook / calcio vicentino

Sull'Autore

Federico Formisano