Eccellenza

Apre Bounafaa, rifinisce Guccione. Il Bassano regola lo Schio e torna al successo

Scritto da Marco Marra

Mancava ancora la vittoria alla squadra di Francesco Maino dalla ripresa del campionato, successo ottenuto quest’oggi ai danni di uno Schio sempre più fanalino di coda. Sblocca nel primo tempo Bounafaa, chiude i conti oltre il 90’ Guccione: 2-0 e Bassano a quota cinque punti in classifica

BASSANO – SCHIO 2-0

BASSANO: Gottin; Rossi, Pellizzer, Nikolic, Gheno; Peotta, Carraro (72’ Gusella), Falchetto (57’ Xamin); Tescaro (69’ Miloradovic), Guccione, Bounafaa (77’ Montagnani)   All. Francesco Maino

SCHIO: Bortignon; Ciscato (57’ Bonato), Bevilacqua, Talin, Sacchetto; Piazzon (82’ Gumiero), Ferretto (46’ Dal Dosso); Lovato, Pizzolato, Viero (57’ Pilan); Gyimah   All. Giuseppe Camparmò

MARCATORI: 41’ Bounafaa (B), 90+3’ Guccione (B)

AMMONITI: 11’ Ferretto (S), 36’ Peotta (B), 49’ Maino (all.) (B), 80’ Bevilacqua (S)

Cronaca di Marco Marra. le foto di Gito Trevisan da Facebook Bassano

Allo Stadio Rino Mercante di Bassano del Grappa va in scena l’atteso derby di eccellenza tra Schio e Bassano. La sfida che lo scorso anno tanto ha infiammato i cuori degli appassionati nel girone di Promozione, quest’oggi, a ben 462 giorni di distanza, torna a disputarsi nel campionato di Eccellenza. È passato più di un anno da quell’ 1-0 firmato Gallonetto, nel mezzo una brutale pandemia, due sospensioni dei campionati e una sostanziale rivoluzione delle due rose; ciò che non cambia è lo scenario del Rino Marcante, che comunque si presenta per forza di cose con una cornice di pubblico ben minore. Noi tutti comunque non molliamo, arriveranno tempi migliori e nel frattempo supportiamo comunque la nostra passione calcistica.

Squadre in cerca di punti per poter quantomeno ben figurare all’interno del girone, seppur non vi sia alcuna retrocessione prevista al termine dello stesso e nonostante la vetta valida per il salto in Serie D sia parecchio distante. Bassano reduce da due pareggi ed altrettante sconfitte, Schio fermo al singolo punto ottenuto all’esordio col Villafranca Veronese e dunque all’ultimo posto. Il derby della rivalsa, titolo più azzeccato non potrebbe esserci.

LA CRONACA

La gara prende il via con una prevalente fase di studio, con tanto possesso palla da parte di entrambe le squadre ed un ritmo gara contenuto. Primo squillo della partita dopo 5’ con il colpo di testa di Nikolic in piena area, blocca comodamente Bortignon; insistono i padroni di casa con Guccione che però non impensierisce il portiere avversario dal limite, risponde lo Schio con il buon inserimento di Gyimah, il cui tiro viene però chiuso da Gottin in uscita. La più nitida occasione per gli ospiti arriva però al 31’ con la gran botta da fuori di Pizzolato, devia Gottin in tuffo.

La spinta offensiva del Bassano cresce col passare dei minuti, prezioso anche il contributo delle mezz’ali sulla trequarti campo con cui supportare il tridente d’attacco: seppur infatti lo Schio mantenga in totale equilibrio l’andamento dell’incontro e si faccia ancora pericoloso con Lovato (sinistro in diagonale di poco a lato al 40’), i padroni di casa sbloccano l’incontro con il cross da sinistra di Guccione ed il colpo di testa di Ayoub Bounafaa; Bassano dunque in vantaggio al tramonto del primo tempo e prima rete in campionato per il classe ’95.

Non ci saranno altri sussulti prima dell’intervallo, un vantaggio, quello del Bassano, maturato per l’appunto al termine di un primo tempo equilibrato sotto tutti gli aspetti: se sin qui lo Schio può vantare un leggero predominio nel possesso palla, il Bassano ha avuto indubbiamente maggior incisività negli ultimi venti metri e ha saputo concretizzare una delle poche palle gol avute. Via dunque al secondo tempo, sotto una fitta pioggia che sarà scomodo fattore per i ventidue in campo.

Nel secondo tempo il Bassano scende in campo col piglio giusto, giungendo varie volte dalle parti di Bortignon: al 56’ Bounafaa si allarga e calcia col sinistro a caccia della doppietta, negatagli però dal portiere ex Cartigliano. Tre minuti più tardi Bevilacqua scivola fortuitamente in area favorendo l’inserimento di Tescaro, il cui però cincischia col pallone e finisce col perderlo. Lo Schio è comunque ancora vivo, entra dalla panchina Pilan e al 71’ lancia in porta Lovato, che però apre troppo il sinistro e mette a lato dal limite dell’area.

Il tempo scorre inesorabilmente, dalle due panchine giungono forze fresche con più di qualche colpo da sferrare: all’89’ Gusella salta in slalom Bonato e Dal Dosso per poi sfoderare un sinistro di poco a lato; dalla parte opposta è il solito Lovato a tener vive le speranze fino all’ultimo, ma il suo sinistro termina ben distante dalla porta di Gottin. Giunti gli ultimi scampoli di match, a recupero quasi scaduto, il Bassano coglie lo spiraglio per mettere in ghiaccio il risultato: la firma è di Guccione che, su assist di Xamin, fa passare il pallone tra le gambe di Bortignon per il 2-0 definitivo. Anche per Guccione è la prima rete in campionato, al termine di un’ottima partita di sacrificio e qualità.

Sipario dunque sul derby del Mercante: vince il Bassano di Maino per 2-0 sullo Schio, si riavvicina alle zone alte della graduatoria e lascia gli avversari di giornata all’ultimo posto con un solo punto. Premiato il cinismo e la miglior compattezza di squadra messa in campo dal Bassano, d’altro canto per lo Schio, nonostante la quarta sconfitta di fila, vi sono degli spunti da cui ripartire: nonostante la fatica nell’addentrarsi all’interno dell’area avversaria, la voglia di non arrendersi c’è stata, così come delle buone trame di gioco e delle occasioni da gol.

 

A seguire troverete la video-sintesi del match sui nostri canali,

Marco Marra

Sull'Autore

Marco Marra