interviste

Beggio (La Rocca): troppo facile darci per favoriti!!

Scritto da Federico Formisano

Fare una chiaccherata con Paolo Beggio l’allenatore del La Rocca, è uno dei gusti più autentici del nostro mestiere:  ha sempre qualche episodio simpatico  e anche qualche retroscena meno divertente da raccontare. Se lo metti in un tavolata con affianco i suoi collaboratori più stretti, il direttore sportivo, il team manager e qualche amico ti farà trascorrere una bella mezzora parlando ovviamente ed esclusivamente di calcio.

L’altra sera a Casa della Colombara tra un momento forte e l’altro della presentazione c’è stato modo di  svelare il Beggio pensiero e noi ne abbiamo approfittato

Beggio con il presidente Verlato

Mister ma come ci si sente ad essere i favoriti del girone?  ” Innanzitutto chi lo dice? – replica pronto il mister a cui i panni di favorito evidentemente non piacciono molto-  Ci sono troppi elementi di incertezza: siamo fermi da un anno e mezzo e non sappiamo come un giocatore di trenta o più anni possa reagire ad un inattività così prolungata. Inoltre nel calcio ci sono sempre tanti e tali motivi di imprevedibilità che nulla si può dare per scontato”

Quali potrebbero essere gli avversari più temibili?  Ecco quando si fa i conti senza l’oste si rischia di incappare nelle sorprese  e le incognite sono tante: io credo che non si debba sottovalutare il Caldogno che si è molto rinforzato, il Chiampo che ha un mister come Rezzadore che ha sempre ottenuto risultati importanti, il Longare e infine anche il Sarcedo che lo scorso anno aveva iniziato molto bene la stagione e che ha un impianto di gioco collaudato. Infine ci potrebbe essere sempre qualche squadra al momento non pronosticabile che poi sbuca fuori dal nulla.”

Ma tutti dicono che voi avete lavorato bene… ” Questo è un fatto che non di discute, Ti posso dire che dall’anno scorso a quest’anno sono cambiate molte cose e tutte che dimostrano una volontà di crescere. Intanto il ds Cristian Clementi ha fatto un lavoro imponente e proprio oggi possiamo presentare ufficialmente l’arrivo di Marco Valerio

Poi lo staff è cresciuto ed è stato adeguato: oltre alle conferme di Giuseppe Scalzotto e di Leonardo Pasetto abbiamo un nuovo preparatore atletico (Raffaello Brazzale) che arriva da importanti esperienze (è stato  con Enrico Cunico al Venezia e al Treviso ndr). Inoltre per la formazione Juniores è arrivato Cristian Dori (ex allenatore del Vicenza Calcio femminile in B) che è molto bravo e sta lavorando con un gruppo di giovani importanti. Tra l’altro proprio da questo punto di vista è molto cresciuto sia in termini numerici che in qualità il gruppo dei giovani e ti posso dire che rappresentano un pò il mio orgoglio.

Mister Beggio ha voluto fare questa foto con quello che ha definito il suo orgoglio: il gruppo degli under; nella foto ci sono anche il ds Clementi e il mister degli Juniores Dori

In effetti va detto che sono arrivati al La Rocca Marocchi (2002)  e Valerio  (2001 ) dal Montecchio, Bertini (2002) dal Caldiero, Framarin (2003), Pretto (2003) e Urban (2003) dall’Arzignano, Del Gaudio (2003) dalla Bissarese e Scaglione (2004 ) dal Vicenza. E sono stati confermati Peruzzi (2001), De Simoni (2001), Baldo (2000) Verlato (2001), Antoniazzi (2002) Virgilio (2002) Guarda (2002) consentendo molte opzioni sia per la prima squadra che per gli Juniores.

E non solo i giovani, vero mister? Certo Clementi ha fatto un gran lavoro portando elementi importanti come   Giordani, Pilan e Pangrazio che possono aumentare la caratura tecnica del gruppo. E a proposito di Pangrazio voglio raccontarti una cosa: quando lo abbiamo incontrato per chiudere la trattativa questo giocatore che ha fatto campionati di serie D in piazze importanti è sceso dall’auto e mi ha abbracciato, memore dei tempi trascorsi insieme a Sarego. E la cosa devo dire che mi ha commosso, in fondo io sono ancora un sentimentale e i rapporti che si costruiscono attraverso il calcio diventano importanti capitoli di vita vissuta. “

Il gruppo squadra al completo con mister presidente e staff

Sull'Autore

Federico Formisano